Seguici sui Social

Focus

Basta out. Nuova chance per Patric?

Pubblicato

in



E’ stato insieme a Wesley Hoedt una delle note più liete del match di sabato sera tra Genoa e Lazio allo stadio Marassi, e vista la persecuzione che sta subendo in tema di infortuni Dusan Basta, non è escluso che mister Pioli possa aver “finalmente” bisogno anche di lui: stiamo parlando di Patricio Gabarrón Gil, da tutti conosciuto come Patric. Lo spagnolo in questi primi sei mesi della sua avventura italiana è stato (insieme a Ravel Morrison) un vero e proprio oggetto misterioso dopo che per tutta l’estate era stato presentato come il “Vice-Basta“. Le premesse non sono state rispettate troppa differenza tra la Serie B spagnola (giocava nel Barcellona B) e la Serie A italiana, inoltre la mentalità prettamente offensiva che non ha sicuramente agevolato il giovane terzino spagnolo visto che Pioli ha dovuto praticamente insegnargli da zero i meccanismi della fase difensiva perché appunto ritenuto ancora troppo acerbo, gli serviva altro tempo per crescere. Per questo nonostante i tanti problemi difensivi che hanno colpito la difesa biancoceleste, Pioli non gli ha dato mai una chance concreta a parte i 44 minuti disputati contro il Chievo Verona nel girone d’andata e nei minuti di recupero in occasione della vittoria contro l’Inter. Poi per lui niente più, solo panchina e tribuna e tanto social. L’obiettivo naturalmente era quello di proteggerlo visto il ruolo delicato che deve ricoprire, sopratutto in una piazza come Roma, dove la pazienza non è sicuramente una virtù. Il ragazzo però non si è mai perso d’animo, si è impegnato negli allenamenti settimanali attendendo con pazienza il suo momento.

L’OCCASIONE – Poi finalmente la fiducia tanto attesa. Durante la partita di Marassi tra Genoa e Lazio, Dusan Basta si fa male e al termine del primo tempo è costretto ad alzare bandiera bianca…La Lazio però in panchina non ha alternative di livello e al posto del serbo non poteva mettere Konko perchè era sulla corsia opposta per sopperire all’assenza di Radu. In quel momento il pensiero del 99% dei tifosi sarà stato: “Sicuramente ora entra Lulic e lo mette a sinistra spostando Konko nella sua fascia di competenza“. E invece no! Pioli spiazza tutti mandando a scaldare nell’intervallo proprio lui…Patric. Inutile dire che un senso di preoccupazione ha avvolto tutto il popolo biancoceleste a causa di questa “folle” scelta del mister. Ma si sa…il calcio è bello anche per questo, la sorpresa è sempre dietro l’angolo: Patric infatti si rende protagonista di una prestazione di livello, niente di clamoroso per carità però per 45 minuti ha giocato una buonissima gara senza sbavature o errori particolari contro clienti difficili come Laxalt, Suso e Cerci…dando così ragione alla scelta di Pioli e permettendo così al tecnico ex Parma di usare Lulic in una posizione più avanzata. Il percorso di crescita del giovane terzino spagnolo è tuttavia ancora lungo, come lui stesso ha confermato nel post-partita: “Mi piace spingere, sono un terzino a cui piace attaccare. Forse devo migliorare ancora nella fase difensiva ed adattarmi meglio al calcio italiano, soprattutto a livello tattico. Ho bisogno di lavorare, sono felice di essere nella Lazio e continuare ad imparare”.

ORA IL VERONA? – Con il nuovo infortunio di Basta emerge un nuovo rebus su chi schierare a destra in occasione della sfida di giovedì sera tra Lazio e Verona allo Stadio Olimpico (25° giornata di Serie A): Konko verrà con tutta probabilità riconfermato, Basta non è arruolabile, Radu ne avrà ancora per qualche giorno, Braafheid non viene impiegato. Resta solo Lulic come possibile alternativa a destra o (più ovvio) a sinistra (con conseguente spostamento di Konko a destra). Insomma, la situazione lascia facilmente intuire le difficoltà di formazione che potrebbero presentarsi ancora una volta per mister Pioli. Anche in questo caso la soluzione sembra unica…ma in realtà è meno scontata di quanto sembri. Dipende tutto dall’impressione che ha avuto Pioli durante la partita con il Genoa e l’impressione che avrà in queste sessioni di allenamento che precedono la partita. Ecco allora che Patric potrebbe trovare ancora spazio, contando sulla buona prestazione offerta nel match di sabato, in cui ha messo in evidenza le sue caratteristiche offensive. Se l’ex Barca dimostrerà di essere pronto per prendersi la fascia da protagonista non è escluso che possa partire dal primo minuto. In questo momento di difficoltà che sta vivendo la squadra è importante avere tutte le armi possibili. Una cosa è certa, Patric chiede spazio, vuole dimostrare di non essere un turista a Roma ma di poter dare il suo contributo in questa squadra. Al termine del campionato mancano quattordici incontri c’è ancora il tempo per provare a convincere tecnico e tifosi. Hala Patric.

Marco Lanari

Continua a leggere
Pubblicità