Seguici sui Social

Non solo Lazio

Earth Hour, salviamo il Pianeta

Pubblicato

il

PUBBLICITA

Oggi, sabato 19 marzo, torna l’Earth Hour, un’intera giornata per dire basta al cambiamento climatico. La “ola di buio” che prende il via dalle isole del Pacifico per terminare lungo le coste atlantiche. In svariati Paesi del mondo nei vari fusi locali, questa sera dalle 20,30 alle 21,30, nei luoghi pubblici e nelle case private verranno spente le luci per unirsi alla mobilitazione globale per salvare il Pianeta. Per l’iniziativa, lanciata dal Wwf nel 2007, forte dell’accordo internazionale sul clima raggiunto a dicembre nel vertice Onu di Parigi, questa è la decima edizione. Dalla prima edizione, che vide coinvolta la sola città di Sidney, l’effetto domino dell’Ora della Terra l’anno scorso è arrivata a far spengere la luce in 7000 città e oltre 170 paesi e regioni del mondo, coinvolgendo più di 2 miliardi di persone e centinaia di imprese. In questa edizione verranno spente le luci in 366 posti, tra monumenti e luoghi simbolo, di 178 Paesi: dalla Tour Eiffel all’Empire State Building di New York all’Opera House di Sydney. In Italia saranno 200 i Comuni e i palazzi storici che parteciperanno all’evento, patrocinato dai due rami del Parlamento e sostenuto dall’Anci e dalla Marina Militare. La manifestazione principale quest’anno si tiene a Roma. A Piero Angela spetterà il compito di spengere le luci a Fontana di Trevi che si tingerà dei colori della Terra grazie a proiezioni a led alimentate a energia solare su un sottofondo di musica jazz dal vivo. Il buio coinvolgerà tutta la Penisola, dal Castello sforzesco di Milano al Teatro Massimo di Palermo, passando per l’Arena di Verona, la scalinata del Pincio a Bologna, Ponte Vecchio a Firenze e il Maschio Angioino a Napoli. La novità di quest’anno è “il clima nel piatto”, una partnership tra Wwf e Altromercato che darà vita a centinaia di cene sostenibili e solidali, a lume di candela, in tanti luoghi d’Italia. Torna ad essere tra i testimonial dell’Ora della Terra il cantante Marco Mengoni sostenuta anche da Fedez, Niccolò Fabi e Neri Marcorè. Anche il mondo dello sport sarà protagonista: i capitani di tutte le squadre della Lega B di calcio indosseranno le fasce verdi al braccio durante la gara, la Lega Basket vedrà i capitani riscaldarsi con una maglia verde indosso, il rugby assieme alla Federazione italiana e alla Nazionale Azzurra inviteranno a diventare ‘campioni del clima’. Un sondaggio di Gfk per il Wwf indica che la preoccupazione per il cambiamento climatico coinvolge il 94% della popolazione, con l’85% disposto a modificare il proprio stile di vita per ridurre l’impatto sull’ambiente.


Pubblicità

Non solo Lazio

Manchester United su l’ex Lazio Pedro Neto: offerti 55 milioni

Pubblicato

il

Pedro Neto

Manchester United su l’ex Lazio Pedro Neto, il gioiellino classe 2000 è stato puntato dalla squadra inglese

Manchester United su l’ex Lazio Pedro Neto – La squadra di Solskjaer ha messo gli occhi sul talento portoghese classe 2000 in forza al Wolverampthon. Con la Lazio non è mai riuscito a dimostrare il suo talento, veniva impiegato poco per questo due anni fa è stato ceduto in Premier dove sta meravigliando a suon di gol e prestazioni. I wolves per l’ala chiedono almeno 55 milioni e secondo il Sun i Red Devils sarebbero pronti a pagare la cifra richiesta pur di accaparrarsi il gioiellino.

UDINESE LAZIO MURIQI: “Mi criticano ma l’impegno c’è sempre”

UDINESE LAZIO INZAGHI: “Non regalo niente, gioca chi merita”

Continua a leggere

Articoli più letti