CALCIOMERCATO – Ritorno in Spagna per Keita?

Prima la Coppa d’Africa e poi? Quale sarà il destino di Keita Balde Diao? Partirà a Gennaio o resterà fino a fine stagione? Attu dubbi che tormentano Inzaghi e i tifosi biancocelesti. La sensazione che circola nell’ambiente biancoceleste è che di sicuro il rapporto tra la Lazio e Keita è destinato a finire, si spera almeno non per gennaio. Sarebbe un peccato sciogliere la KIA (Keita, Immobile, Anderson) così presto. Il giocatore però piace…e anche tanto non è una novità che tante squadre lavori sottobraccio per avere l’ex Barcellona. Tra le pretendenti – secondo quanto riportato da Cittaceleste – c’è anche il Valencia dell’ex promesso sposo biancocelste Prandelli.
Gli spagnoli avrebbero pronta un’imminente offerta di 18-20 milioni per l’esterno senegalese, ma Lotito sembra ferreo: vuole 30 milioni. Riuscirà a tirare la corda con un contratto in scadenza fra un anno e mezzo? Certo ci è già riuscito in passato (vedi Hernanes) ma non è sempre domenica. Rimane comunque alla finestra il Milan e in gran segreto c’è anche la Juve a monitorare la situazione. I tifosi ormai sono rassegnati a perdere il giovane Keita ciò che conferisce loro dubbi e perplessità è sul “come” verrà sostituito. La soluzione interna non entusiasma, a meno che da questo momento in poi Lombardi in primis (ad oggi il sostituto naturale) e Luis Alberto in secundis (sempre che non decida anche lui di riprende la strada per la Spagna) non decidano di dare risposte importanti. La speranza è che in ogni caso la società segua ciecamente le indicazioni di Inzaghi. Si preferisce vedere la Lazio investire l’eventuale gruzzoletto acquisito per trovare il sostituto, eventualmente anche extracomunitario visto che il posto sarebbe lasciato libero proprio dal senegalese.

SOSTITUTO – Da tempo ormai si parla di  Jonathan Renato Barbosa, meglio noto come Cafù. I biancocelesti potrebbero tentare l’affondo per il giocatore brasiliano. Ma il Ludogorets chiede 12 milioni di euro e punta a cederlo a gennaio. Il ds Tare non vuole andare oltre gli 8 milioni e punta sulla volontà del giocatore di vestire la maglia biancoceleste. Il 14 dicembre il campionato bulgaro si fermerà per la sosta quindi margine per trattare c’è ma meglio non perdere troppo tempo, c’è un campionato da giocare anche in grande stile.