Inter-Lazio: precedenti, statistiche & analisi tecnica

Dopo aver fatto il punto sulla Lazio di Inzaghi, che domani sera (ore 20:45), allo Stadio Meazza, giocherà contro l’Inter dell’ex Stefano Pioli (CLICCA QUI). In attesa del match, andiamo ad analizzare nel dettaglio proprio i prossimi avversari dei biancocelesti:

PRECEDENTI, STATISTICHE & CURIOSITÀ’ –

  • Due mesi senza sconfitta. L’Inter ha fatto di ‘San Siro’ una vera e propria roccaforte. Un castello inespugnabile. Prima con De Boer, ora con Pioli. I nerazzurri non perdono tra le mura amiche dallo scorso 16 ottobre (Inter-Cagliari 1-2): da lì in poi sono arrivate 6 vittorie in altrettante partite (comprese anche quelle di Europa League). A rompere questo trend ci proverà la Lazio di Inzaghi, che farà visita ai nerazzurri nell’anticipo della 18a giornata di A. Appuntamento, quindi, a mercoledì sera (ore 20.45).
  • L’Inter ha perso sei delle ultime nove partite giocate contro la Lazio in Serie A.
  • Tuttavia, negli ultimi 17 incontri a San Siro di A i nerazzurri hanno perso solamente due volte (8V, 7N), entrambe negli ultimi quattro incroci.
  • Un solo pareggio nelle ultime 16 partite tra queste due squadre in campionato: otto successi nerazzurri e sette biancocelesti completano il quadro.
  • L’Inter ha vinto tutte le ultime quattro partite interne di campionato segnando 11 reti nel parziale (2.8 gol a partita di media): non arriva a cinque successi casalinghi consecutivi in A da maggio 2011.
  • Nell’era dei tre punti a vittoria solo due volte la Lazio aveva fatto meglio di questa stagione dopo 17 turni di A: 36 punti nel 2002/03 e 35 nel 1999/2000.
  • Nelle ultime otto giornate di Serie A solo la Juventus (21 punti) ha fatto meglio della Lazio (19 punti, grazie a sei vittorie e un pareggio).
  • La Lazio continua ad avere la migliore difesa nei primi tempi di questo campionato (solo tre gol subiti su 18), mentre l’Inter ha segnato il 68% dei suoi gol (17 su 25) nella ripresa.
  • Grande ex della partita Antonio Candreva, che nelle cinque partite in A con Pioli in panchina ha realizzato tre reti e fornito un assist, dopo aver collezionato sei gare di fila senza partecipazioni a gol.
  • Ciro Immobile è il giocatore che ha sprecato più chiare occasioni da gol in questo campionato (13): dal gol al Sassuolo 24 tiri senza mai segnare per l’attaccante della Lazio.
  • La prima doppietta in Serie A di Felipe Anderson è arrivata a San Siro contro l’Inter: il 21 dicembre del 2014, due anni esatti prima di questo Inter-Lazio.

LA MINACCIA – Sarebbe facile e scontato indicare come minaccia principale il bomber argentino Mauro Icardi, ma riteniamo invece che la più grande minaccia per la retroguardia biancoeleste sia: Antonio Candreva. Il classe ’87 è il grande ex della partita insieme al tecnico Pioli. Avrà la rabbia tipica del partner che si è sentito tradito dalla pesona che amava quindi è facile aspettarsi che, a dispetto dell’anno scorso, dia il 200% in campo. Dice il proverbio: “Il mio nome dovrà essere il suo più dolce ricordo ma anche il suo più grande rimpianto”, questo è in poche parole quello che Antonio staseracercher di tradurre sul campo. Il problema, caro Antonio, è che anche la Lazio stasera cercherà di applicare lo stesso concetto nei tuoi confronti. Anzi…diciamo che sei giù sulla buona strada visto il campionato “vincente” che tu e la tua Inter state facendo. Complimenti…ottima scelta!

INZAGHI VS PIOLI – Sarà il primo confronto diretto tra i due allenatori. Contro i nerazzurri il mister biancoceleste vanta il 2-0 del maggio scorso, mentre da giocatore ha affrontato l’Inter in undici circostanze, collezionando appena un successo, sette pareggi e tre sconfitte. Meglio è andata a livello Primavera con tre vittorie, una gara nulla e una sola sconfitta in cinque incontri. Prima da ex per Stefano Pioli dopo che il parmense ha guidato i romani dall’estate 2014 fino all’aprile 2016. In precedenza l’emiliano aveva affrontato la Lazio sette volte, mettendo insieme un successo, due pari e quattro ko.

COME SCENDERANNO IN CAMPO – Se Inzaghi deve ancora sciogliere i suoi dubbi di modulo per la sfida contro l’Inter, Stefano Pioli non dovrà fare altrettanto. Gli squalificati Felipe Melo e Joao Mario devono essere rimpiazzati e l’idea è quella di far partire dall’inizio Kondogbia e Banega. Ovviamente non ci sarà nemmeno Medel, visto che è infortunato. Viste le assenze, Pioli dovrebbe schierare lo stesso modulo impiegato contro il Sassuolo: Handanovic fra i pali; D’Ambrosio, Murillo, Miranda e Ansaldi in difesa; Brozovic e Kondogbia a fare da cerniera davanti i difensori; Candreva, Banega e Perisic a ridosso di Icardi. Si tratta di un 4-2-3-1 che all’occorrenza può diventare un 3-4-2-1 con l’avanzamento di Ansaldi e l’arretramento di Candreva sulla mediana.

PROBABILE FORMAZIONE – (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio, Miranda, Murillo, Ansaldi; Kondogbia, Brozovic; Candreva, Banega, ; Perisic; Icardi. A disp: Carrizo, Berni, Andreolli, Ranocchia, Santon, Nagatomo, Yao, Kondogbia, Banega, Gnoukouri, Brozovic; Palacio, Biabiany, Eder, Barbosa. All. Stefano Pioli

Indisponibili: Medel, Jovetic
Squalificati: Joao Mario,Felipe Melo
Diffidati: Brozovic

Marco Lanari