Seguici sui Social

Focus

LAZIALI FUORI PORTA – Palombi e Germoni festeggiano contro Bollini e Minala. Titolare Ravel

Pubblicato

in

Ravel Morrison si allena a Formello con la Lazio


Nuovo appuntamento con , la rubrica che settimanalmente aggiorna i nostri lettori sulle prestazioni dei giocatori della S.S. Lazio attualmente in prestito ad altre squadre italiane o straniere.

Ecco i nostri Laziali Fuori Porta: (Atalanta), Cataldi (Genoa) Guerrieri (Trapani), , Luiz Felipe e (Salernitana), Filippini (Virtus Entella), Prce (Brescia), e (Ternana), Rozzi (Lupa Roma), Pollace (Racing Roma),  (Spartak Mosca). (Rijeka), (Aarhus), Perea (Lugo), Kishna (Lille), (QPR).

SERIE A

Berisha: mezzo passo falso per l’Atalanta di Gasperini, che viene bloccata sull’1-1 in casa dal Sassuolo di Di Francesco. Etrit Berisha vive una serata da spettatore. Il Sassuolo si fa vivo due volte. In una segna, nell’altra Ragusa mette a lato. L’albanese è incolpevole in entrambi i casi.

Cataldi: Non si ferma la crisi nera del Genoa, che viene spazzata via anche dall’Udinese con un netto 3-0. Sconfitta che costa la panchina a Mandorlini. Richiamato Juric. Danilo Cataldi, al rientro dopo un problema fisico, segue dalla panchina l’ennesima disfatta dei propri compagni.

SERIE B

Luiz Felipe, Ronaldo e Minala: dopo 6 risultati utili consecutivi cade la Salernitana che frena la sua disperata rincorsa per un posto nei playoff. A Terni contro la Ternana finisce 1-0. Dopo tante gare convincenti sabato nero per Minala. Il camerunense, già ammonito, si fa buttare fuori per reiterate e plateali proteste dall’inflessibile Manganiello. Peccato perchè era stato uno dei più bravi fino a quel momento, soprattutto con gli inserimenti in area senza palla. Parte dalla panchina Ronaldo e fa il suo ingresso in campo ad inizio ripresa. Poco incisivo, talvolta rallenta il gioco anche per lo scarso movimento degli attaccanti. Ancora panchina per Luiz Felipe Marchi.

Guerrieri: continua l’incredibile corsa del Trapani, che infila la quarta vittoria nelle ultime 5 ed esce momentaneamente dalla zona playout. A soccombere contro i siciliani stavolta è il Perugia, battuto 3-0. Guido Guerrieri resta in panchina.

Prce: dopo 4 pareggi consecutivi cade il Brescia, battuto al Rigamonti dalla nuova capolista Spal per 1-3. Ancora una panchina per il difensore croato Franjo Prce.

Filippini: perde anche la Virtus Entella, sconfitta di misura sul campo della Pro Vercelli (1-0). In questo turno di Serie B resta in panchina Lorenzo Filippini. Mister Breda gli preferisce Sini per la corsia sinistra.

Palombi e Germoni: al Liberati Simone Palombi e Luca Germoni battono la Salernitana del loro mentore, Alberto Bollini. La Ternana si impone 1-0 grazie al goal di Avenatti e trova la terza vittoria nelle ultime 4 partite giocate. I due biancocelesti in prestito sono autori di un’ottima prova: Palombi gioca una partita più di sacrificio che di qualità, aiutando molto i compagni in fase di non possesso e cercando di rendersi anche pericoloso in avanti. A Germoni serve una mezz’ora prima di prendere le misure ad Improta che all’inizio lo mette in difficoltà in diverse occasioni. Poi cresce e convince. Ambedue al termine della sfida hanno ricevuto i complimenti del loro ex allenatore.

LEGA PRO

Rozzi: nella sconfitta della Lupa Roma sul campo della Cremonese, Antonio Rozzi, come consuetudine, non entra nella lista dei convocati.

Pollace: dopo 3 sconfitte consecutive e l’esonero del tecnico Giannichedda torna alla vittoria il Racing Roma, che batte per 2-1 l’Olbia tenendo accese le speranze di permanenza in Lega Pro. Si rivede Pollace, che entra in campo al minuto 68 e si rende protagonista dell’azione in cui l’arbitro fischia il rigore decisivo in favore dei suoi.

RUSSIAN PREMIER LEAGUE Russia

Mauricio: vince e guadagna punti sulle inseguitrici lo Spartak Mosca, corsaro sul campo dell’Ufa con un netto 1-3. Ancora in panchina Mauricio, poco schierato dal tecnico Carrera dopo il termine della sosta invernale.

PRVA HNL Croazia

Elez: termina 1-1 lo scontro al vertice tra Rijeka e Dinamo Zagabria. La squadra di Fiume, capolista, viene raggiunta solo a 5 minuti dal termine. Titolare al centro della difesa dei padroni di casa Josip Elez, che non è totalmente esente da colpe sul goal del pareggio ospite.

SUPERLIGAEN Danimarca

Oikonomidis: in campo in questi minuti l’Aarhus contro il Silkeborg nella seconda fase del campionato danese. Oikonomidis, che ha superato i problemi alla spalla, è tornato tra i convocati e siede in panchina.

LIGUE 1 Francia

Kishna: perde in casa il Lille, steso dal Nizza per 1-2 grazie ad una doppietta di Mario Balotelli. Ricardo Kishna entra in campo a 20 dalla fine, rendendosi anche pericoloso in un paio di occasioni. In entrambi i casi la mira non è precisa. Prova comunque volenterosa per l’olandese. Intanto continuano le voci di mercato sul suo conto…

CHAMPIONSHIP Inghilterra

Morrison: torna titolare Ravel Morrison, nella sconfitta casalinga del Qpr contro il Brighton (1-2). E’ la terza sconfitta consecutiva per i londinesi. L’ex Manchester United gioca 66 minuti prima di lasciare il campo a Freeman. Per lui una prova opaca, poco concreta ed incisiva. Tuttavia l’inglese torna titolare in una gara ufficiale dopo quasi 2 anni…

SEGUNDA DIVISION Spagna

Perea: il Lugo impatta per 1-1 sul campo del Cadice e dice forse definitivamente addio ai sogni playoff. Fuori dalla lista dei convocati per l’ennesima volta il colombiano Brayan Perea.

Giulio Piras

Focus

LA NOSTRA STORIA Tanti auguri a Cristian Daniel Ledesma

Pubblicato

in



Compie oggi gli anni Cristian Daniel Ledesma. L’ultimo capitano che ha saputo con il suo comportamento, la sua serietà e il suo grande affetto verso i colori biancocelesti, rendersi “immortale” nella storia della Lazio.

GLI INIZI

Nato a Buenos Aires il 24 settembre 1982 Ledesma cresce nelle giovanili del Boca Juniors. Nel 2001 grazie al direttore sportivo del Lecce, Pantaleo Corvino, arriva in Italia. Con le sue prestazioni si segnala come uno dei migliori protagonisti della formazione pugliese. Nel 2006, a seguito della retrocessione in serie B dei giallorossi pugliesi è acquistato dalla Lazio. I primi tempi nella Capitale si rivelano difficoltosi ma pian piano le sue prestazioni cominciano a lievitare e Cristian diventa uno dei pilastri della formazione biancoceleste.

LEDESMA: DAL PRIMO DERBY AI PROBLEMI CONTRATTUALI

Nel primo derby giocato nel dicembre del 2006 Ledesma realizza un gol incredibile: un tiro scagliato da circa 30 metri si va ad insaccare all’incrocio dei pali della porta giallorossa, ed entra così definitivamente nei cuori dei suoi sostenitori. I biancocelesti al termine del campionato conquistano la Champions League ed il presidente biancoceleste, Claudio Lotito, rifiuta tutte le proposte che arrivano per il calciatore.

DA PROTAGONISTA A FUORI ROSA

Nella stagione successiva, malgrado le difficoltà della squadra guidata da Delio Rossi, le sue prestazioni sono sempre oltre la sufficienza. Nonostante i suoi successi personali, nella stagione successiva, a causa di problemi contrattuali, viene messo fuori rosa ed il giocatore chiede la rescissione del contratto ma il ricorso presentato dal calciatore non viene ammesso dal collegio arbitrale.

DA DELIO ROSSI A REJA

Cristian chiede allora di essere ceduto ma il presidente Lotito non cede e lo trattiene a Roma. Nel frattempo la compagine biancoceleste era passata da Rossi agli ordini di Ballardini, ma è solo dopo l’esonero del nuovo allenatore e la sua sostituzione con Edy Reja che viene reintegrato in squadra. Il tecnico friuliano punta molto sul giocatore argentino e lo schiera subito nella formazione titolare. Dopo il lungo periodo di inattività Cristian torna alla ribalta risultando decisivo per la salvezza della squadra romana.

DALLA RICONCILIAZIONE AL DIVORZIO

Nel calciomercato del 2010 sembra di nuovo in procinto di fare le valigie verso altri lidi ma dopo aver più volte sfiorato la rottura con la dirigenza biancoceleste, a sorpresa, firma un nuovo contratto di 5 anni mettendo fine al contenzioso. Alla scadenza del nuovo contratto la Lazio annuncia che tra le parti si è deciso di non proporgli nessun rinnovo e tramite il proprio sito ufficiale, con un messaggio denso di commozione, saluta e ringrazia il calciatore per il suo attaccamento ai colori biancocelesti. Dopo 8 stagioni, in cui il giocatore ha collezionato 259 presenze e 12 reti in campionato, Ledesma saluta la sua vecchia società. Durante la sua carriera romana vince 2 Coppe Italia, la prima nella stagione 2008/09 e la seconda nel 2012/13, e la Supercoppa Italiana nel 2009/10.

LE ALTRE ESPERIENZE

Nel 2015 si trasferisce al Santos per passare poi all’inizio di questa stagione al Panathinaikos. A dicembre del 2016 rescinde il contratto con la squadra greca e a gennaio firma per la Ternana. La stagione successiva però si trova nuovamente svincolato e a luglio del 2017 comincia a frequentare il corso da allenatore a Coverciano per calciatori svincolati. Il 22 agosto firma un contratto annuale con il club svizzero del Lugano. Tornato in Italia viene ingaggiato dal Pro Piacenza, formazione emiliana di Serie C. In seguito alle difficoltà finanziarie della società piacentina si svincola insieme ad altri giocatori. Rimasto senza contratto dopo l’esperienza alla Pro Piacenza il 6 settembre 2019 decide di ritirarsi ed accettare la proposta di allenare la LUISS, squadra della nota università romana militante in Promozione. Durante quest’esperienza ritrova come calciatore Guglielmo Stendardo, suo compagno ai tempi della Lazio.

TANTI AUGURI CAPITANO !!!

SEGUICI ANCHE SU GOOGLE EDICOLA, TWITTER E FACEBOOK

Continua a leggere

Articoli più letti