Seguici sui Social

News

Adam Marusic, l’ennesima scommessa del duo Lotito-Tare

Pubblicato

in



E se fosse l’ennesima trovata della ditta Lotito-Tare? Gli indizi ci sono tutti. Pagato poco, sconosciuto al grande pubblico, giovane ma non giovanissimo. E con una esperienza alle spalle non proprio banale. Il profilo di Adam Marusic somiglia a quello di tanti altri talenti scovati dalla Lazio e trasformati in crac. Giocatori che prima hanno fatto le fortune tecniche del club e poi, rivenduti, pure quelle economiche.

Marusic, come Milinkovic, arriva dal campionato belga. Portato a luglio a Formello con la convinzione che presto ne avrebbe replicato il successo. Come ricorda La Gazzetta dello Sport l’inizio non era stato incoraggiante. Alla prima gara disputata, contro la Juventus in Supercoppa, con un intervento su Alex Sandro aveva provocato il rigore trasformato da Dybala. Penalty che aveva sprofondato la Lazio nella disperazione prima che Murgia vestisse i panni di salvatore della patria. Ma anche dopo non era stato convincente. Specie nella fase difensiva, vedi l’ultima gara con il Napoli. Ma a Verona ecco la svolta. Marusic asfalta la fascia come fosse la stradina di casa sua saltando gli avversari come birilli. Li rincorre e li stoppa. Propizia i primi due gol della Lazio e mette a segno il terzo. Marusic promosso, insomma.

LEGGI ANCHE LE PAROLE DELL’AG. DI CRECCO

SEGUICI ANCHE SU TWITTER

PROSEGUE IL CONNUBIO RENAULT – LAZIO

Continua a leggere
Pubblicità