Seguici sui Social

Primo Piano

La brutta partenza della Lazio fa ben sperare

Avatar

Pubblicato

il

PUBBLICITA

La brutta partenza della  fa ben sperare. Due gare disputate, due sconfitte. Situazione che dal 1988 a oggi si è verificata solo altre due volte e in quegli anni al termine del campionato non finì male.

La brutta partenza della Lazio fa ben sperare. In quegli anni, infatti, i biancocelesti chiusero al quarto e al Nel 2006-07 la squadra di perse le prime due e finì terza. Nel 1996-97, con Zeman e poi Zoff, dopo due ko iniziali arrivò il quarto posto. Un punto di contatto, quanto basta non solo per non abbattersi, ma perfino per essere ottimisti. Venne battuta da Bologna e Udinese nel 1996-97; nel 2006-07 fu sconfitta da Milan e Palermo. Nel primo caso finì quarta, posizione che basterebbe per arrivare in Champions, nel secondo arrivò terza andando in Champions. E non solo, come ricorda La Gazzetta dello Sport. Nel 2006, come questa volta, perse all’esordio in campionato con , proprio come stavolta. Finì 2-1 all’epoca ed è finita 2-1 alla prima giornata quest’anno con il Napoli. Di quella squadra, l’unica di Lotito capace di arrivare in Champions (grazie ai preliminari vinti sulla Dinamo Bucarest), facevano parte Peruzzi (oggi team manager), Tare (ora direttore sportivo) e Inzaghi (attuale allenatore).

MAROCCHI CRITICA IL CLUB BIANCOCELESTE E DIFENDE INZAGHI

SEGUICI ANCHE SU GOOGLE EDICOLA, TWITTER E FACEBOOK

LACRONACADIROMA.IT – SEGUI LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

SERIE A II^ GIORNATA


Pubblicità

Primo Piano

Radu resta alla Lazio: il terzino saluta l’Inter e Inzaghi

Importante ultim’ora di mercato: Radu resta alla Lazio

Avatar

Pubblicato

il


Importante ultim’ora di mercato: Radu resta alla Lazio.

Radu resta alla Lazio. La decisione è ufficiale e, secondo Sky Sport, è stata presa direttamente dal terzino romeno. Di cui negli ultimi giorni si era molto parlato in ottica rinnovo: il suo era infatti in scadenza il prossimo 30 giugno e società biancocelesti non arrivavano segnali per il prolungamento. Un empasse che aveva spinto il calciatore a guardarsi intorno. Nessuna intenzione di appendere gli al chiodo, nonostante i quasi 35 anni: alla fine, la voglia (grande) di restare in gioco, spinto dalle ancora buone condizioni fisiche, ha preso il sopravvento.

Sulle sue tracce si era mossa l’Inter, fortemente indirizzata da Simone Inzaghi. Il quale avrebbe tanto apprezzato di avere con sè nella nuova esperienza uno dei suoi scudieri in biancoceleste più fedeli. I dirigenti nerazzurri hanno così stretto contatti con l’entourage di Radu, arrivando a proporgli un anno di contratto. Una proposta che il romeno non ha accettato ma nemmeno declinato: ha infatti fatto sapere al club meneghino che il suo sì sarebbe stato condizionato dalla mancanza di una chiamata da parte della Lazio.

Che, come si dice, ha fatto valere la priorità acquisita. D’altronde, non avrebbe potuto fare altrimenti: non si poteva lasciare andar via così a cuor leggero un ragazzo che, con oltre 13 anni di militanza e 511 cartellini timbrati, si è conquistato un posto nella storia biancoceleste (oltre che nel cuore dei ). E così ha calato la propria carta vincente: altri due anni di contratto e concorrenza sbaragliata. Adesso non resta che attendere (di sicuro non molto) il fatidico nero su bianco. E poi per Radu e il suo mentore sarà tempo dei definitivi saluti: all’orizzonte ancora tante partite (e vittorie) con la sua Lazio.

INTANTO NUOVA PISTA SULL’OUT MANCINO

Continua a leggere

Primo Piano

Immobile gol e dedica ai bambini di Ardea ed Italia agli ottavi di finale

Per la Svizzera dell’ex Petkovic è una serata amara, 3 gol incassati di cui uno di Immobile con dedica ai bambini di Ardea e Italia agli ottavi di finale

Avatar

Pubblicato

il


Per la Svizzera dell’ex Petkovic è una serata amara, 3 gol incassati di cui uno di Immobile con dedica ai bambini di Ardea e Italia agli ottavi di finale

“Cirogol Cirogol Cirogol” questo il coro dei 1000 presenti allo di Roma ieri sera. Immobile con le sue prestazioni condite da gol si sta prendendo l’amore della gente, anche di chi lo criticava. Italia agli ottavi di finale quindi battendo per 3 reti a 0 la Svizzera Otre al gol di Immobile che ha poi dedicato ai bambini uccisi nella strage di Ardea, una super doppietta di Locatelli che si è così preso il trofeo della “Star of the match”. Italia agli ottavi di finale con un turno di anticipo e contro il basterà un punto per chiudere il girone da primi in classifica.

Lazionali
Immobile

PETIZIONE STADIO FLAMINIO

Continua a leggere

Primo Piano

Higuain stuzzica Immobile : “36 gol? Lui bomber di rigori, io no!”

A poche ore dall’inizio della seconda gara degli Europei per la Nazionale, si torna a parlare di Immobile e del suo record. In un’intervista Higuain stuzzica Immobile sui rigori

Avatar

Pubblicato

il


A poche ore dall’inizio della seconda gara degli Europei per la Nazionale, si torna a parlare di Immobile e del suo record. In un’intervista Higuain stuzzica Immobile sui rigori

Italia-Svizzera, dopo il gol alla prima contro la , Ciro vuole il bis. A qualcuno però che la sua stella brilli così tanto non va giù. Gonzalo Higuain stuzzica Immobile in un’intervista a “Bobo Tv”. Il canale Twitch gestito da Vieri, Cassano,Ventola ed Adani intervista ex giocatori, allenatori ponendogli domande scomode. Ieri è stato il turno di Higuain. Si è parlato di Lazio e soprattutto di Sarri. Higuain che ora milita in MLS è entusiasta dell’esperienza del nuovo mister e ricorda di quanto sia cresciuto sotto la sua gestione tecnica. Il telecronista di , Adani ha poi ricordato che nella Lazio milita un certo Ciro Immobile che ha eguagliato il record di in una sola stagione proprio dell’attaccante argentino. Qui Higuain stuzzica Immobile definendolo “un bomber di rigori” e che nelle 36 reti realizzate lui ne aveva segnati solo 3. Non si trova pace per Immobile che mentre viene osannato dalla stampa estera, in casa è ancora criticato. Ci auguriamo ancora una volta che possa spazzare via le critiche a suon di gol, magari proprio stasera.

Higuain
Higuain

RITIRO DELLA LAZIO, LUOGO E DATE

Continua a leggere

Articoli più letti