Seguici sui Social

Articolo copertina

Intervista a Gianni Balzarini: “Immobile, che errore! Milinkovic…”

PUBBLICITA

Pubblicato

il

Gianni Balzarini, Giornalista mediaset Lazio Juventus
PUBBLICITA

La Redazione di LazioChannel, dopo la partita tra Lazio e Juventus di ieri sera, ha deciso di contattare Gianni Balzarini, giornalista sportivo di Mediaset.

Ieri sera Lazio e Juventus hanno dato vita a una grande partita allo Stadio Olimpico. I biancocelesti, che per 75 minuti hanno dominato la squadra di Allegri, sono usciti sconfitti dal match dopo le reti di Cancelo e Ronaldo. Nonostante una gara in cui la Juventus ha trovato più difficoltà del previsto, i bianconeri hanno comunque conquistato la vittoria dimostrando la loro netta superiorità rispetto alla formazione di mister Inzaghi. All’indomani dellla gara, la nostra redazione ha deciso di contattare Gianni Balzarini, giornalista sportivo, che ha detto la sua sul match e non solo. Di seguito riportiamo le sue parole.

Innanzitutto ieri sera che partita è stata?

“Una bella partita fra due squadre che hanno lottato su ogni pallone. La Juventus ha vinto una gara molto difficile e se immobile non avesse sbagliato quel gol, magari oggi avremmo parlato di altro. La Lazio meritava sicuramente di più. Ieri ho visto una grande squadra: ordinata, sempre prima sui palloni contesi. Bene sia nella fase difensiva che in quella propositiva. Certo, è pur vero che tutte le squadre giocano a mille quando arriva la Juventus”.

La Lazio può lottare per un posto in Champions?

“Beh sì, è una bella lotta. Diciamo che i primi tre posti sono già prenotati. Poi oltre al Milan e alla Roma, ci sono da considerare anche Sampdoria e Atalanta”.

La Lazio potrebbe rischiare anche il posto in Europa League?

“Mah, faccio fatica oggi a immaginare una Lazio fuori dalle prime sette posizioni. Ripeto, ieri la squadra di Inzaghi ha fatto un’ottima figura e ripeto che se Immobile non avesse sbagliato quel gol, oggi avremmo parlato della prima sconfitta della Juventus”.

Comunque, grande mossa tattica di Allegri che con gli innesti di Bernardeschi e Cancelo ha capovolto le sorti dell’incontro…

“Beh, diciamo che di solito i mister non sono mai autocelebrativi. Questo è il sottile confine fra intuizione e e fortuna. Ma ovvio che, a conti fatti, ti dico sì. Grande mossa di Allegri”.

Milinkovic invece come lo hai visto?

“Beh, se intendi quello del ristorante (ride, ndr), l’ho visto in ripresa. Anche se poi bisogna capire se il Milinkovic scritto sul biglietto era davvero lui. Diciamo che lo scorso anno la sua valutazione di mercato era forse esagerata, pur considerando le grandi doti e le qualità del giocatore. Dopo una prima parte di stagione sotto tono, ho rivisto il serbo in ripresa. Si sta di nuovo avvicinando il mercato e chissà…”.

La riproduzione è vietata se non previa citazione della fonte LazioChannel.it

SEGUI LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

  Lazio Luis Alberto: "Bayern? Si può battere. Alla Lazio sto bene"

DIACONALE PARLA DI LAZIO JUVENTUS >>> LEGGI QUI


Articolo copertina

LAZIO TORINO I tamponi granata negativi non scacciano il rischio rinvio

Pubblicato

il

LAZIO TORINO I tamponi granata negativi non scacciano il rischio rinvio: le ultime.

Lazio Torino, i tamponi granata negativi non scacciano il rischio rinvio. I test sono stati svolti ieri pomeriggio e gli ultimi risultati sono arrivati questa mattina. Un tocco di sereno sul cielo dei piemontesi, dopo quasi una settimana di nubi positive. Per il ritorno alla normalità occorrerà però atttendere il giro di domani. Il bilancio attuale parla di 10 positivi, 8 nella squadra e 2 nello staff. Un numero che sale a quota 16, contando anche i familiari dei contagiati. A preoccupare la Asl è soprattutto il fatto che l’intero gruppo sia positivo alla variante inglese del Covid. Per il momento gli allenamenti in casa granata sono consentiti solo in forma individuale: in caso di tutte negatività anche nei tamponi di domani, si tornerà a lavorare anche in gruppo. La trasferta di martedì contro la Lazio resta dunque a rischio: a tal proposito, l’ultima parola spetterà all’Asl locale, al momento ancora piuttosto perplessa. Da chiarire soprattutto come sarà effettuato il viaggio: il rischio è che possa contribuire a diffondere l’infezione anche tra persone esterne al gruppo squadra.

Continua a leggere