Auguri Mister: Carlo Mazzone, “nemico” sì… ma con rispetto!

Come ogni giorno facciamo gli auguri ai personaggi del mondo del calcio tanto cari ai tifosi biancocelesti. Ma questa volta vogliamo andare oltre. In questo giorno tanto importante per i tifosi della Lazio ricorre la nascita di un grande calciatore, Alessandro Nesta. Ma non ci limitiamo a questo. Vogliamo oggi omaggiare anche un personaggio della sponda opposta che crediamo meriti dagli amanti del calcio un profondo rispetto. Uno di quei pochi giallorossi “simpatici”… ma simpatici davvero!!!

AVVERSARIO SI “NEMICO” MAI

Non stiamo parlando di un calciatore giallorosso ma di un allenatore coriaceo, arcigno e romano, fin nelle viscere. Il grande Carlo Mazzone. Un “nemico”, calcisticamente parlando, dei nostri colori che – specialmente per chi è romano, conosce e comprende l’ironia a volte pungente e sagace di questo popolo – non può non risultare in qualche modo simpatico e divertente anche a tutti coloro che non hanno mai avuto molto trasporto verso la rivale cittadina.

ROMANO DE ROMA

Ma verso il buon Carletto c’è poco da recriminare. Anche se, ai suoi tempi, qualche derby di traverso ce lo ha mandato. Un uomo che rappresenta in pieno l’anima della romanità. Il suo carattere, spontaneo e sincero, rispecchia in pieno quel senso di appartenenza a questa città ricca di storia e di folclore popolare. E chi ama la capitale nel profondo non può non provare ammirazione per un personaggio del genere.

LA SIMPATIA DEL PERSONAGGIO

A chi – anche tra noi laziali – non è scappato un sorriso ascoltando le sue parole in gergo romanesco durante le tante interviste rilasciate nel corso della sua carriera, chi non si è lasciato andare a una fragorosa risata vedendolo correre felice e impazzito come un bambino alla veneranda età di 64 anni sotto la curva atalantina dopo il pareggio di Roby Baggio in un famoso Brescia-Atalanta 3-3 del 2001, e tra l’altro – prima e non ultima cosa – chi tra noi tifosi biancocelesti non lo ricorda con affetto per averci “aiutato” a vincere uno scudetto battendo la grande Juventus con il suo “piccolo” Perugia in quel fatidico pomeriggio piovoso che ci assegnò il secondo tricolore della nostra storia?

TANTI AUGURI MISTER

Ebbene si, Carletto è stato tutto questo e a noi piace ricordarlo in queste vesti. Classe 1937, romano vecchio stampo, oggi Mazzone compie gli anni e noi vogliamo omaggiarlo come fosse uno di noi, con simpatia e profondo rispetto, perché anche se romanista riteniamo sia giusto rendergli omaggio per tutto ciò che ha dato al mondo del calcio e per aver portato in giro per il nostro paese, con orgoglio e fierezza, il senso di appartenenza a un popolo e a una città troppe volte additati in malo modo da chi non ama particolarmente quello che rappresentano.

SEGUICI SU GOOGLE EDICOLA

DIVENTA NOSTRO FOLLOWER ANCHE SU TWITTER

LASCIA UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK