ATALANTA LAZIO Conferenza Inzaghi: “Gara dal valore enorme. Motivo d’orgoglio essere arrivati qui”

ATALANTA LAZIO Conferenza Inzaghi — Alla vigilia della finale di Coppa Italia, il tecnico è intervenuto in sala stampa e ha presentato il match

Come arriva la squadra a questa finale?

La squadra arriva bene, abbiamo vinto una partita difficile con merito a Cagliari. Quella di domani sarà una partita diversa, molto importante e sono convinto che sarà una grande sfida. Mi auguro che non ci saranno cali di concentrazione”.

Quanto vale questa partita?

Vale tanto, la giochiamo nel nostro stadio e abbiamo la fortuna di avere in rosa giocatori che hanno già affrontato partite di questo tipo”.

In palio c’è anche l’Europa League. La finale vale ancora di più?

Sì, è un motivo in più per lottare e crederci fino alla fine: vogliamo andare in Europa e sappiamo che sarà fondamentale centrare l’obiettivo”.

Ci sono tante squadre che in questa finale non sono arrivate. Per voi è motivo d’orgoglio?

Noi e l’Atalanta non partivamo favorite all’inizio, ma abbiamo dimostrato sul campo di meritare l’accesso a questa finale, poi starà a noi dimostrare di essere più forti sul campo”.

Designato Banti: score negativo. Soddisfatto di questa scelta?

Credo che l’abbia meritata: sicuramente ci possono essere precedenti positivi e negativi con un arbitro, ma chiaramente è stato scelto perché è uno dei migliori in Italia”.

Come si può limitare l’Atalanta? Cali di tensione assenti in Coppa Italia a differenza del campionato, perché?

Servirà lucidità per far sì che non ci siano cali. Contro l’Atalanta sarà dura: la gara di due settimane fa ci ha insegnato tanto. Sappiamo che servirà la migliore Lazio per alzare al cielo il trofeo. Bisogna arrivare a domani con la massima fiducia e concentrazione, perché alla minima distrazione l’Atalanta è in grado di punirci”.

Immobile attraversa un periodo non semplice. Punterai comunque su di lui?

Credo che abbia le stesse chance di Caicedo e Correa. Ho la fortuna di poter contare su tre attaccanti in forma, ma chi starà in panchina potrà dare il suo apporto a gara in corso, così come negli altri reparti”.

Hai studiato particolarmente il modulo di gioco di Gasperini? Il tuo futuro alla Lazio?

“Il mio futuro non credo dipenda da questa partita. A fine stagione valuteremo con la società il da farsi per il futuro. Gasperini è un ottimo allenatore e sicuramente da uno come lui c’è tanto da imparare: poi chiaramente ogni allenatore ha il suo metodo di gioco”.