LA NOSTRA STORIA – Anderson Hernanes, il ‘Profeta’ brasiliano

A Recife, in Brasile, nel capoluogo dello Stato di Pernambuco il 29 maggio 1985 nasceva Anderson Hernanes de Carvalho Viana Lima. Meglio noto come Hernanes. Il suo soprannome, ‘il Profeta’, gli è stato affibbiato da Leifert Tiago. Noto presentatore brasiliano rimasto colpito dal fatto che durante le interviste citasse sempre la Bibbia.

I SUOI SUCCESSI

Nel corso della sua carriera Hernanes ha vinto 2 campionati brasiliani (2007 e 2008), 1 campionato italiano (2016) e 2 Coppe Italia (2013 e 2016). Con il Brasile ha vinto la Confederations Cup 2013 e preso parte al Mondiale di Brasile 2014. Nel 2007 e nel 2008 si è aggiudicato la ‘Bola de Prata’, premio assegnato dalla rivista Placar ai migliori undici giocatori per ruolo del campionato brasiliano. L’anno seguente è stato definito il miglior calciatore Under-23 del mondo dal Times.

LE CARATTERISTICHE

Centrocampista in grado di ricoprire vari ruoli: trequartista, interno o regista. Giocatore abile sia a difendere pressando l’avversario che ad impostare l’azione offensiva. Non velocissimo nella corsa ma molto mobile, sa smistare il pallone rapidamente con tocchi di prima. Specialista negli assist riesce a servire i compagni con notevole precisione mettendoli in condizione di concludere a rete. Inoltre è specialista nei calci di punizione grazie alla sua capacità di calciare con entrambi i piedi.

GLI INIZI

Inizia a giocare nella squadra dell’Unibol Pernambuco. Nel 2001 passa nel settore giovanile del San Paolo. Nel 2005 fa il suo esordio in prima squadra. L’anno successivo viene girato in prestito al Santo André. Tornato al San Paolo nel 2007 riesce a conquistare il posto da titolare e vince il campionato Brasileirão. L’anno seguente per la seconda volta consecutiva si aggiudica sia il campionato che la Bola de Prata.

L’ARRIVO ALLA LAZIO

Ad agosto del 2010, dopo un’estenuante trattativa, la Lazio lo acquista per circa 13 milioni e mezzo di euro. Firma un contratto quinquennale da 1,6 milioni più un bonus di 100mila € annui (fino a raggiungere i 2 milioni nell’ultimo anno di contratto). L’allenatore dei biancocelesti Edy Reja gli affida sin dall’inizio il ruolo di titolare. A dicembre 2010 viene eletto dalla stampa brasiliana secondo miglior calciatore brasiliano d’Europa, alle spalle dell’interista Maicon. A febbraio 2013 gioca la centesima gara in maglia laziale. Il 26 maggio 2013 conquista il primo trofeo con la società romana: all’Olimpico contro gli eterni rivali giallorossi infatti conquista la Coppa Italia. Durante la sessione invernale del calciomercato 2014 viene ceduto per una somma intorno ai 20 milioni di euro all’Inter. In tutto in biancoceleste gioca 156 incontri e 41 reti. Ad agosto 2015 passa alla Juventus. A febbraio 2017 passa a titolo definitivo all’Hebei China Fortune per 8 milioni di euro più 2 milioni di bonus, per poi tornare al San Paolo in prestito. Finito il prestito torna in Cina per un breve periodo prima di firmare un triennale con il San Paolo.

SEGUICI SU GOOGLE EDICOLA

DIVENTA NOSTRO FOLLOWER ANCHE SU TWITTER

LASCIA UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK