LA NOSTRA STORIA Luigi Martini, il ‘comandante’ del primo scudetto

Il 15 giugno 1949 a Capannori (LU) nasce Luigi Martini. Inizia la sua carriera da difensore nel 1966/67 nella Lucchese in Serie D. Vi resta per due anni per poi passare al Siena in terza categoria. Nel 1969/70 arriva in Serie B con il Livorno.

L’ARRIVO ALLA LAZIO

Nel 1971 viene acquistato dalla Lazio di Lenzini dove gioca fino al 1979, momento del suo ritiro. Martini inizia giocando come ala destra alla Lucchese, poi da mediano a Siena e nella Lazio in Serie B. Nell’estate del 1972 Maestrelli trovandosi con gli uomini contati in difesa lo trasforma in terzino incursore. L’allenatore gli consegna la maglia numero tre con licenza di gettarsi in avanti quando è possibile. Intuizione esatta dell’allenatore perché Martini diventa una delle carte vincenti di quella fantastica squadra. Nelle scorribande sulla sinistra Gigi non è solo ma al suo fianco c’è il compagno, ‘fratello’, come lo definisce lui stesso, Luciano Re Cecconi, in un lavoro di copertura frutto di una sincronia perfetta, anche fuori dal campo.

IL COMANDANTE

Nello spogliatoio lo chiamano invece Gigi ‘il comandante’ perché ha la passione per il volo e in ritiro passa le ore a studiare per conseguire il brevetto di pilota. Sin dai tempi del Livorno ha iniziato a salire sui C-119 dell’Aeronautica per lanciarsi con il paracadute con gli istruttori della Folgore. Il 12 maggio 1974 è Campione d’Italia ma non può prendere parte alla festa per lo Scudetto a causa di un infortunio alla clavicola che lo costringe a uscire dal campo e a ricoverarsi in ospedale, guaio che gli fa saltare la sicura convocazione per i Mondiali in Germania. Dopo qualche mese dalla conquista dello scudetto riceve la chiamata nella Nazionale di Bernardini. Nel 1979, a soli 29 anni, una volta preso il brevetto di pilota saluta per sempre il calcio e la Lazio, rifiutando la chiamata della Roma di Liedholm. Diventa pilota dell’Alitalia e si dedica alla politica fino ad arrivare nel 2001 in Parlamento, come deputato di Alleanza Nazionale. Dal 2009 al 2011 è stato presidente del CdA di Enav S.p.A. (Ente Nazionale assistenza al volo).

SEGUICI SU GOOGLE EDICOLA

DIVENTA NOSTRO FOLLOWER ANCHE SU TWITTER

LASCIA UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK