LA NOSTRA STORIA – Tanti auguri all’ex capitano Massimo Oddo

Il 14 giugno 1976 nasce a Città Sant’Angelo, in prov. di Pescara, Massimo Oddo. Figlio di Francesco (ex calciatore e allenatore). Inoltre nipote di Giovanni, campione italiano universitario di salto triplo (Littore d’Italia) nel 1934 e nel 1937.

GLI INIZI

Oddo è cresciuto nelle giovanili del Renato Curi di Città Sant’Angelo. Nel 1993 passa in quelle del Milan. Nella stagione 1995/96 inizia la carriera nel Fiorenzuola. Poi Monza, Prato, Lecco, di nuovo Monza (dove esordisce in serie B). Dal 1999/00 è al Napoli, sempre nella categoria cadetta ma dove a fine stagione conquista la A. La stagione seguente passa a titolo definitivo al Verona dove resta per due stagioni.

IL PASSAGGIO ALLA LAZIO

Nel 2002 Oddo arriva alla Lazio. In maglia biancoceleste resta per quattro anni e mezzo. Esordisce nel 2002 in Coppa UEFA e ad agosto del 2003 in Champions League. Con il club capitolino vince la Coppa Italia nel 2003-2004. Nel 2006, dopo la cessione di Liverani, diventa capitano della squadra biancoceleste. Nella stessa stagione con la Nazionale azzurra diventa Campione del Mondo. A gennaio 2007 viene acquistato dal Milan in cambio di 7 milioni e 750mila euro più Pasquale Foggia, che già giocava in biancoceleste. In concomitanza con il trasferimento in rossonero dedica un’intera pagina del Corriere dello Sport a tutti i tifosi laziali spendendo bellissime parole nei loro confronti per salutarli.

LA LETTERA AI SOSTENITORI BIANCOCELESTI

Questo il testo della pagina:

“Ai miei tifosi

Vado via, per una nuova sfida della mia carriera, ma non potrò mai dimenticare i colori biancocelesti che mi hanno accompagnato per 5 anni.

Con voi e grazie a voi ho vissuto momenti esaltanti, pieni di calore ed affetto, che rimarranno sempre nel mio cuore.

Un saluto pieno di gratitudine anche a tutti i compagni, i dirigenti, i tecnici, i collaboratori e i dipendenti con i quali ho condiviso l’onore di vivere sotto la bandiera della Lazio.

Vi voglio bene”.

GLI ANNI ROSSONERI E DOPO IL RITIRO GLI INIZI DA TECNICO

Al termine della prima stagione in rossonero vince la UEFA Champions League. La stagione seguente passa in prestito al Bayern Monaco. I tedeschi però non lo riscattano e torna a Milano dove milita per altri due anni. Nel 2011 con i rossoneri vince Scudetto e Supercoppa Italiana. Ad agosto 2011 viene ceduto in prestito al Lecce.

LA CARRIERA DA ALLENATORE

Nel 2013 inizia la carriera di allenatore prima con gli allievi del Genoa, poi al Pescara Primavera. Promosso in prima squadra con gli abruzzesi sfiora la promozione in A dopo i play off. Il 9 giugno 2016, dopo aver battuto ai play-off Novara in semifinale e il Trapani di Serse Cosmi in finale, raggiunge con la squadra pescarese l’agognata promozione in Serie A. A luglio dello stesso anno Oddo e il suo staff prolungano il contratto con il club per altri tre anni. Il 14 febbraio 2017, dopo la 24ª giornata, viene esonerato. Lascia la squadra all’ultimo posto in classifica e senza alcuna vittoria sul campo.

A novembre dello stesso anno subentra sulla panchina dell’Udinese al posto dell’esonerato  Luigi Delneri. Dopo aver terminato il mese di dicembre con 5 vittorie consecutive nei mesi successivi le cose peggiorano e tra febbraio e aprile colleziona 11 sconfitte di fila, stabilendo un nuovo primato negativo per la società friulana (quello precedente era di 7). Il 24 aprile 2018 viene esonerato a causa del forte rischio retrocessione a sole quattro giornate dal termine del campionato. Il 29 ottobre 2018 diventa il nuovo allenatore del Crotone in Serie B. Il 28 dicembre si dimette dopo aver collezionato 2 pareggi e 6 sconfitte, di cui una in Coppa Italia. Il 7 giugno 2019 è ingaggiato dal Perugia in Serie B.

SEGUICI SU GOOGLE EDICOLA

DIVENTA NOSTRO FOLLOWER ANCHE SU TWITTER

LASCIA UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK