SPAL LAZIO Vicari cuore biancoceleste: “Da bambino andavo in Curva Nord”

SPAL LAZIO Vicari cuore biancoceleste. Il difensore degli emiliani ricorda il suo passato da tifoso, poi si sofferma sulla gara di oggi.

SPAL LAZIO Vicari cuore biancoceleste. Per il difensore degli emiliani quella contro le aquile non è mai una gara come le altre. “Da bambino andavo in Curva Nord con papà e Nesta era il mio idolo”, rivela a ‘Il Messaggero’. Una sfida importante dunque, alla quale però vuole arrivare pronto. Concentrato sul suo percorso di crescita in Emilia, senza farsi distrarre dall’idea di sbarcare un giorno a Formello. Quest’oggi se la vedrà con Immobile, un avversario che, per forza e velocità, si presenta tutt’altro che semplice. Vicari lo considera tra i più forti del nostro campionato al pari di Cristiano Ronaldo, Dzeko o Higuain, per cui conta di non perderlo di vista. Così come Lazzari, fino a pochi mesi fa suo compagno di squadra a Ferrara. Anche per lui il difensore spende parole al miele: “Ho un grande rapporto con lui. Gli faccio in bocca al lupo per la sua nuova avventura. Con Manu ci sentiamo spesso e sono contento per lui”. 

Oggi al Mazza la Lazio troverà una Spal affamata di punti, ancora a secco dopo le prime due gare. Si prospetta dunque l’ennesima trasferta difficile per i capitolini, sui quali però Vicari non si fa illusioni: Sì, li abbiamo messi sempre in difficoltà, ma i biancocelesti sono forti e oggi non sarà facile riuscirci di nuovo. La salvezza è il nostro obiettivo e la nostra aspettativa. Non siamo partiti come avremmo voluto, ma ci stiamo preparando bene alle prossime gare. Abbiamo commesso degli errori, ma stiamo lavorando per non ripeterli».

SEGUICI ANCHE SU TWITTER