Seguici sui Social

Arabic AR Chinese (Simplified) ZH-CN English EN Italian IT Russian RU Spanish ES

News

ACCADDE OGGI 4 ottobre 1998, Lazio-Cagliari 2-0: Fernando Couto e quella corsa sotto la Nord

Pubblicato

in



Gli infortuni di Nesta e Vieri, i tre pareggi consecutivi in avvio di campionato, una squadra che tra dubbi e infortuni stenta a decollare. La Lazio è reduce da una campagna acquisti faraonica, ma si ritrova alla quarta giornata in Serie A ancora senza vittorie e con tutti i big in infermeria. E anche il primo tempo col Cagliari si rivela una sorta di flop. Il pubblico inizia a rumoreggiare, poi nel secondo tempo la svolta.

Il gol decisivo viene realizzato da un gregario che la Serie A l’aveva assaggiata anni prima con la maglia del Parma. Arrivato quasi come aggiunta obbligata nell’affare De la Pena, Fernando Couto diventerà il valore aggiunto di una Lazio che si appresta a vincere tutto, ma ancora non lo sa. Liberatoria la sua corsa sotto la Nord dopo il gol al 3′ della ripresa, con tanto di prima, acrobatica capriola a caratterizzarne le marcature. Coi sardi in dieci per l’espulsione di O’Neill, ci penserà Stank0vic a firmare il raddoppio e la prima, sospirata vittoria in campionato della Lazio.

Fabio Belli

IL TABELLINO

2-0

Marcatori: 48′ Fernando Couto, 70′ Stankovic.

LAZIO: Marchegiani, Pancaro (73′ Gottardi), Fernando Couto, Mihajlovic, Favalli, Sergio Conceicao, Venturin, Almeyda (82′ Baronio), Nedved, Stankovic, Salas (89′ Protti). A disp. Ballotta, Lombardi, G.Lopez,Marcolin. All. Spinosi – DT Eriksson.

CAGLIARI: Scarpi, Zebina, Zanoncelli, Grassadonia, Berretta (73′ Cavezzi), O’Neill, De Patre, Nyathi (61′ Mazzeo), Vasari, Kallon, Muzzi. A disp. Franzone, Carruezzo, D.Lopez, V.Esposito, Lonstrup. All. Ventura.

Arbitro: Boggi (Salerno).

Note: espulso O’Neill al 6′ s.t. per doppia ammonizione.

News

CORONAVIRUS Per l’Uefa è chiaro: bastano 13 giocatori

Pubblicato

in



CORONAVIRUS Per l’Uefa è chiaro – In questi giorni si sta parlando di una possibile sospensione della Serie A

CORONAVIRUS Per l’Uefa è chiaro – Dopo i 13 casi positivi riscontrati nella squadra del Genoa tra staff e calciatori, iniziavano a circolare delle voci su un possibile stop al campionato per evitare ulteriori casi. Ma, l’indicazione della Uefa era stata già scritta tempo fa, infatti la partita si può giocare se una squadra ha a disposizione almeno 13 calciatori di cui un portiere da poter schierare senza che siano contagiati. Quindi la partita tra Genoa-Torino non potrebbe essere rinviata perché la squadra genoana ha contagiati 10 calciatori, 3 in meno rispetto alla norma. Queste sono le regole europee, nella gioranta di oggi ci sarà comunque un confronto nel Consiglio di Lega.

Continua a leggere

Articoli più letti

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità
Copyright ©2015-2020 | TESTATA GIORNALISTICA NAZIONALE Reg. N°152/2015 - ROMA
Il sito e i suoi contenuti sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons eccetto dove specificato diversamente.