Seguici sui Social

Arabic AR Chinese (Simplified) ZH-CN English EN French FR Italian IT Russian RU Spanish ES

Articolo copertina

PAGELLE JUVE LAZIO Supercoppa is coming to town!!

Pubblicato

in



PAGELLE SUPERCOPPA JUVE LAZIO I voti dei giocatori biancocelesti al termine della sfida che è valsa il primo trofeo stagionale svoltasi a Riyad.

PAGELLE SUPERCOPPA JUVE LAZIO E’ da poco terminata la sfida che ha assegnato il primo trofeo stagionale. La gara ha visto la Lazio vincere con autorità per 3-1 sui Campioni d’Italia.

STRAKOSHA 6,5 – In realtà nessun intervento degno di nota. Non può nulla sul goal di Dybala, e per il resto i bianconeri non colgono mai lo specchio.

LUIZ FELIPE 7 – Grande prova del terzetto difensivo biancoceleste, che praticamente annulla il tridente bianconero. Il brasiliano è attento e sicuro. Da sottolineare una splendida chiusura su Cr7.

ACERBI 7,5 – La colonna della difesa di mister Inzaghi. Il suo senso della posizione e dell’anticipo sono fuori discussione. Baluardo.

RADU 7 – Partita attentissima del romeno, sempre concentrato e ordinato in chiusura.

LAZZARI 7 – Parte piano con un primo tempo sottotono, ma nella ripresa comincia a macinare chilomeri sulla fascia come sua abitudine. Motorino.

MILINKOVIC-SAVIC 7 – Suo l’assist per il vantaggio biancoceleste di Luis Alberto. Il Sergente stasera usa poco il fioretto e molto la spada, giocando di fisico più che di fino. Padrone dello spazio aereo saudita.

LUCAS LEIVA 6,5 – Partita ordinata del regista brasiliano che cerca sempre di smorzare sul nascere le offensive bianconere. Decisivo un suo intervento su Higuain pronto a calciare nel primo tempo. Ammonito, Inzaghi decide di sostituirlo. Dal 63′ CATALDI 7,5 – In un momento difficile entra in campo e con calma olimpica gestisce palloni che scottano con passaggi ed aperture precisi e puntuali. Mette il sigillo con la splendida punizione del 3-1 a tempo scaduto.

LUIS ALBERTO 7 – Nel primo tempo tutte le azioni biancocelesti partono dal piede dello spagnolo, regista offensivo puro. Freddo in occasione dell’1-0, quando non sbaglia sul cioccolatino offertogli da Milinkovic. Si fa ammonire per un fallo tattico su Cuadrado e Inzaghi, vedendolo forse stanco, decide di cambiarlo. Dal 65′ PAROLO 6,5 – Si mette a fare legna in mezzo al campo, lottando e correndo senza sosta. Si procura la punizione per la ciliegina di Cataldi.

LULIC 8 – E’ l’uomo del destino. Nel primo tempo il capitano biancoceleste è perfetto fino al 45esimo, quando sbaglia un disimpegno innescando l’azione del goal del pareggio juventino. In precedenza suo lo strappo decisivo per il vantaggio di Luis Alberto. Ma lui è l’uomo del destino, anche se stavolta ritarda di un minuto. E’ infatti il 72esimo quando il bosniaco con un destro al volo insacca il 2-1.

CORREA 6,5 – Non riesce a strappare come il suo solito ma quando accelera fa sempre male. L’argentino spizza di testa il cross di Lazzari per l’accorrente Lulic che fa 2-1. Nel finale si divora il goal del 3-1 in contropiede, ma è un errore che non pesa.

IMMOBILE 6,5 – Ciro si danna l’anima come sempre correndo su tutto il versante offensivo e non solo. Poche palle buone per segnare, una in particolare gli viene respinta alla disperata da Demiral. Dall’81’ CAICEDO s.v – 15 minuti di sportellate per il Panterone, che non mette il sigillo ma si fa sempre sentire.

ALL. INZAGHI 10 – E’ il Re di Coppa. Quando c’è una finale difficilmente il mister sbaglia. Ripropone la formazione schierata nelle ultime partite e ottiene le risposte che cercava. Perfetto sui cambi anche stasera, nonostante la sostituzione di Luis Alberto avesse fatto storcere il naso…La squadra è con lui, i tifosi anche. Grazie Simone!

SEGUICI SU FACEBOOK

Pubblicità

Articolo copertina

LAZIO FORMELLO – Seduta in piena emergenza in vista del Torino

Pubblicato

in



LAZIO FORMELLO – Prosegue, in casa biancoceleste, l’emergenza (Covid e non solo) in vista del match contro il Torino, in programma domenica alle 15.00

LAZIO FORMELLO – Oggi la squadra si è ritrovata agli ordini di Simone Inzaghi per sostenere il primo allenamento in vista della sfida contro il Torino. Se il tecnico biancoceleste, in occasione della trasferta di Bruges, aveva gli uomini contati, adesso per lui le cose si complicano ulteriormente. Rispetto al match di Champions, infatti, a Formello non si sono visti neanche Patric, Fares e Akpa-Akpro. Lo spagnolo ha lasciato il campo mercoledì dopo aver accusato conati di vomito. Da valutare le condizioni dell’ex Spal, mentre l’ivoriano è partito per la Francia per ragioni legate al passaporto e dovrebbe essere dunque disponibile domenica. Questa mattina, prima dell’allenamento, nuovo giro di tamponi per squadra e staff. Alla seduta odierna, oltre a Reina e Alia che hanno lavorato a parte, si sono visti 11 giocatori di movimento: Hoedt, Acerbi, Vavro, Parolo, Marusic, Milinkovic, Correa, Pereira, Caicedo, Muriqi e Lulic. Il bosniaco, al momento fuori dalla lista del campionato, si è rivisto in campo per una parte dell’allenamento (lavoro propriocettivo, corsa tra gli ostacoli, crossi, tiri e allunghi).

GLI ASSENTI

Tra infortunati e possibili casi di positività al Covid-19, è lunga la lista degli assenti: oltre ai sopracitati Patric, Fares e Akpa-Akpro (assenza legata al passaporto), anche Immobile, Cataldi, Strakosha, Lazzari, Djavan Anderson, Luis Alberto, Luiz Felipe, Leiva, Escalante, Armini e Radu. Per gli ultimi due si tratta di problemi muscolari. Il romeno, che sta recuperando dallo stiramento rimediato contro l’Inter, si è rivisto oggi in campo solo per una corsetta blanda. Piena emergenza dunque a due giorni dalla sfida contro i granata. Inzaghi è alle prese con dei dubbi anche relativi al modulo. Se Fares non dovesse recuperare, infatti, il tecnico potrebbe cambiare assetto come nel secondo tempo di Bruges. Tra le ipotesi, un 4-3-1-2 con Marusic (che non ha svolto l’intera seduta) e Acerbi nelle vesti di terzini, Hoedt e Vavro centrali difensivi. Parolo in regia con Milinkovic e Pereira mezzali. Coppia d’attacco, supportata da Correa, composta da Caicedo e Muriqi. Domani, prima della partenza per Torino, scatteranno le prove tattiche.

 

Continua a leggere

Articoli più letti