Seguici sui Social

News

CALCIOMERCATO LAZIO Inzaghi vuole il colpo: Draxler, Mata o Callejon

Pubblicato

il

CALCIOMERCATO LAZIO Proposto Draxler
PUBBLICITA

CALCIOMERCATO LAZIO Inzaghi ha chiesto a gran voce un fantasista per cambiare modulo in corso

CALCIOMERCATO LAZIO Inzaghi scalpita, vuole rinforzi per la sua rosa che al momento è priva di diversi sostituti in alcuni ruoli. Il difensore è arrivato, ora però, manca un’alternativa in avanti che possa sostituire all’occorrenza Luis Alberto o riuscire a cambiare modulo come nel caso di Callejon. Il mister piacentino ha alzato la voce, è stato chiaro, vuole questo rinforzo altrimenti la stagione potrebbe essere compromessa. Lotito è sceso in prima persona per trattare con lo spagnolo José Maria Callejon, l’ex Napoli vorrebbe tornare in Spagna ma lo alletta l’idea della Lazio, per lui è previsto un contratto da 2,5 più bonus.

ALTERNATIVE DA SOGNO

Ci sono poi, due alternative che potrebbero far sognare i tifosi, al momento però, sono anche le più difficili. Parliamo del tedesco Draxler, già accostato ieri alla Lazio, è in scadenza con il Psg che vuole cederlo per non perderlo a 0, è stato proposto e piacerebbe a Inzaghi, anche ai tifosi. L’unico problema è l’ingaggio del ragazzo che al momento percepisce 7 milioni, troppi, gli aquilotti ne offrirebbero la metà. Per agevolre la trattiva, si potrebbe pensare a un rinnovo con il Psg per mandare poi il calciatore in prestito a Roma e riscattarlo nella stagione prossima. Un altro nome che è nell’orbita biancoceleste è quello di Juan Mata, anche qui l’ostocalo sarebbe l’ingaggio. Lo spagnolo ha il contratto in scadenza nel 2021 con opzione per il 2022, ma è stato messo “fuori rosa” dallo United, percepisce però 8 milioni, in questo caso dovrebbe ridursi tantissimo l’ingaggio, la Lazio non andrebbe oltre ai 3 milioni annui. Avanza anche l’ipotesi Gaston Ramirez, sarebbe il più semplice da prendere considerando cartellino e ingaggio, per il momento resta sullo sfondo. Tare dovrà prima cercare di vendere qualcuno, in partenza ci sono: Bastos, Wallace, Durmisi e Proto o Caicedo per far posto alla nuova punta.


Pubblicità

Focus

LA NOSTRA STORIA Domenico ‘Mimmo’ Caso

Pubblicato

il


LA NOSTRA STORIA Domenico MimmoCaso nasce a Eboli (SA) il 9 maggio 1954. Centrocampista, fa il suo debutto nel calcio professionistico con la Fiorentina. Nella stagione 1974-1975 vince il suo primo trofeo: la Coppa Italia. Nella stagione 1978-1979 Caso lascia la Fiorentina e si trasferisce al Napoli. Nell’estate 1979 passa all’Inter. Nel 1980 si laurea Campione d’Italia. Dopo l’esperienza in nerazzurro passa per due anni in Serie B al Perugia. Nell’estate del 1983 torna in Serie A con il Torino. Quindi passa alla Lazio, in quel periodo nella serie cadetta. Con la maglia biancoceleste disputa tre stagioni. Nel 1988, dopo la promozione in A, viene ceduto al Latina. Chiude la carriera nell’Orceana.  Dal 1992/93 al 1996/97 è l’allenatore della Lazio Primavera. Il primo anno sfiora lo Scudetto perdendo la finale contro l’Atalanta. Nella stagione 1994/95 vince il titolo. Tra i tanti giovani lancia Alessandro Nesta, Marco Di Vaio, Alessandro Iannuzzi, Flavio Roma e Daniele Franceschini. Dopo aver guidato Foggia, Chievo e Pistoiese, nel 2003/04 torna ad allenare la Primavera laziale. Nel 2004/05 viene chiamato dal nuovo presidente biancoceleste Claudio Lotito ad allenare la prima squadra. Viene esonerato e sostituito da Papadopulo. Successivamente allena la Ternana. A giugno del 2009 viene nominato supervisore del settore giovanile della Cisco Roma. Nel 2011 assume la guida degli Allievi Regionali A1 della Voluntas (Spoleto). A luglio del 2012 viene nominato allenatore della squadra Primavera della Virtus Lanciano. Nel 2013 viene ingaggiato come tecnico della squadra Primavera della Reggina, ma dopo pochi giorni decide di lasciare l’incarico per motivi familiari.

LASCIA UN ‘LIKE’ ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

DIVENTA UN NOSTRO FOLLOWER ANCHE SU TWITTER

 

Continua a leggere

Articoli più letti