Seguici sui Social

Focus

LA NOSTRA STORIA Tanti auguri a Sergio Cragnotti

Avatar

Pubblicato

il

Sergio Cragnotti ex presidente della Lazio
PUBBLICITA

Il 9 gennaio 1940 vicino Porta Metronia, nel quartiere Appio-Latino, veniva alla luce il presidente più vincente dell’ormai secolare storia della Lazio: Sergio Cragnotti. In un quartiere, per lo più di fede giallorossa, la data di del Presidentissimo sembra un segno del destino anche per il papà Marcello, che è tifoso laziale.

Sergio Cragnotti frequenta le scuole arrivando al diploma conseguito all’Istituto Tecnico Commerciale ‘Leonardo da Vinci’. Non è però uno studente modello anzi preferisce le corse campestri, dove vince un titolo studentesco, e il calcio all’oratorio. Durante quegli anni conosce Flora, una ragazza mora, che in futuro diventerà sua moglie. Continuando gli studi si laurea e inizia la sua carriera finanziaria come contabile nella Calce e Cementi Segni di Colleferro. Nel 1969 emigra e si trasferisce a lavorare alla Cimento Santa Rita in Brasile. Paese che è all’origine della sua fortuna e nel quale passerà talmente tanto tempo al punto di essere soprannominato Serginho. La società brasiliana viene comprata dai Ferruzzi.

Sergio Cragnotti incontra il capo della famiglia ravennate, Serafino, e nel giro di pochissimo tempo diviene il responsabile di tutte le attività del gruppo in Brasile. Nel 1979, dopo la morte del magnate italiano, a capo del Gruppo Ferruzzi viene nominato Raul Gardini. Nel 1982 Cragnotti viene nominato responsabile delle attività in Francia. Poi rientra in Italia e riesce a farsi assegnare un ruolo importante nell’amministrazione finanziaria della Montedison diventandone il vicepresidente. Dalla fusione di questa con l’ENIchem, nasce l’Enimont, di cui Cragnotti diventa amministratore delegato. Nessuno lo conosce al di fuori dei mercati finanziari, tanto più i tifosi della Lazio.

LA LAZIO

Lo conosce però Renato Bocchi, azionista della Lazio, che nel 1991 lo presenta all’allora presidente biancoceleste Gian Marco Calleri. Da sempre tifosissimo biancoceleste le voci su una sua entrata in società divennero sempre più insistenti fino a domenica 3 marzo 1991. Quando, avvistato in tribuna, si ebbe la conferma del suo reale interessamento alla società. In un primo momento entrò in punta di piedi, poi presentò un’offerta irrifiutabile a Gian Marco Calleri rilevando la quota del 10% di azioni della società. Come primo regalo, e senza essere ancora entrato ufficialmente in società, acquistò il miglior giocatore inglese di quel periodo: Paul “Gazza” Gascoigne.

LA DISCESA IN CAMPO

Il 20 febbraio 1992 Calleri cede tutte le sue azioni a Sergio Cragnotti per una cifra di 38 miliardi di lire e il 12 marzo Sergio diventa ufficialmente il Presidente della Società. Al suo fianco il fratello Giovanni alla vicepresidenza e Lionello Celon amministratore delegato. L’acquisto di Gascoigne venne perfezionato alcuni giorni prima di un grave infortunio al ginocchio che rese il giocatore inutilizzabile per tutta la stagione 1991/92. Ma la sfortuna che aveva colpito il suo primo investimento non frenò il nuovo presidente.

I

Dal Foggia arrivò per 11 miliardi di lire Giuseppe Signori, dalla Cremonese per 15 miliardi complessivi i tre nazionali Under 21 Mauro Bonomi, Giuseppe e Dario Marcolin, e dall’Ajax Aron Winter, centrocampista e nazionale olandese. Il nuovo presidente pianifica una nuova struttura aziendale, iniziando con il trasferimento della sede a Corso d’Italia. Cerca poi un terreno dove costruire un sportivo. La stagione successiva gli acquisti non si fermano e in biancoceleste arrivano Pierluigi Casiraghi, Roberto Di Matteo e il croato Alen Boksic, inoltre ingaggia Zdenek Zeman.

LA CONTESTAZIONE PRO SIGNORI

Il 23 marzo 1993, a causa di un cancro alla gola, scompare prematuramente il fratello Giovanni, vero artefice della discesa in campo dell’imprenditore. Per il presidente è un colpo molto duro ma con l’aiuto dei figli Elisabetta, Massimo e Andrea, decide di andare avanti. Cragnotti nel frattempo acquista un terreno a Formello, vicino Roma, il luogo ideale per costruire il centro sportivo. Però non sono tutte rose e fiori, il patron deve anche fare i conti con la piazza biancoceleste quando cede Signori al Parma del suo amico Tanzi. Ma una rivolta dei tifosi con tanto di presa d’assalto alla sede sociale fa saltare l’affare.

LE STAGIONI DEI SUCCESSI

Sergio Cragnotti rassegna le dimissioni mettendo anche in vendita la società. Dopo 5 anni dalla sua discesa in campo, nonostante tutti i soldi spesi, il però ancora non aveva vinto nulla. Nel gennaio 1997 contatta Roberto Mancini, in rotta di collisione con il proprio club, e in primavera trova con il giocatore doriano l’accordo per il suo passaggio alla squadra romana. Inoltre ingaggia l’allenatore svedese Sven Goran Eriksson. Il 29 aprile 1998 dopo 40 anni dal primo successo raccolto la Lazio batte il Milan per 3-1 e vince la Coppa Italia. Cragnotti può alzare il suo primo trofeo, ma non si accontenta. Il 6 maggio la Lazio è la prima squadra italiana ad essere quotata in borsa, seguita poi da Roma e Juventus.

L’ULTIMA EDIZIONE DELLA COPPA DELLE COPPE

Cragnotti continua a investire e acquista per 50 miliardi di lire il bomber Christian Vieri dall’Atletico Madrid. I biancazzurri arrivano in campionato ad avere nove punti di vantaggio sul Milan ma, complici due grandi sviste arbitrali (la rete annullata di Vieri al Milan e un rigore sacrosanto negato a Firenze), si fanno rimontare e sorpassare dai rossoneri. A consolare i tifosi biancocelesti però il 19 maggio 1999, arriva la Coppa delle Coppe. Battendo a Birmingham il Real Mallorca per 2-1 i biancazzurri vincono l’ultima edizione della competizione internazionale. In estate Vieri si accorda con l’Inter e viene ceduto per 90 miliardi più Diego Pablo Simeone.

IL GAP IN CAMPIONATO

Dal Parma arriva Juan Sebastian Veron e prima del campionato 1999/2000 la Lazio conquista la Supercoppa Europea battendo a Montecarlo il Manchester United per 1-0 con gol di Salas. In campionato però le cose non vanno bene come ci si aspetterebbe e la squadra arriva a trovarsi addirittura a nove punti di distacco dalla Juventus prima in classifica. Ma quando tutto sembra finito la Lazio con un colpo di coda si rialza. Prima batte la Roma nel derby portandosi a 6 punti, poi va a vincere a Torino proprio ai danni della Juventus, prima in classifica, e si porta a -3 dai bianconeri. A Firenze (crocevia dello Scudetto anche nella precedente stagione) la domenica successiva non va oltre il e il gap torna a -5.

LA CONTESTAZIONE A VIA ALLEGRI

Nel turno seguente però i bianconeri perdono a Verona e la Lazio batte il Venezia. A due giornate dal termine del campionato i punti di distacco sono solo due. A Bologna la Lazio vince per 3 a 2 mentre, dal canto suo, la si impone a Parma, anche a causa di un’incredibile errore dell’arbitro De Santis che inspiegabilmente annulla un gol validissimo di Cannavaro, che a pochi minuti dal termine dell’incontro aveva realizzato la rete del pareggio. Cragnotti rilascia dichiarazioni di fuoco che accendono una miccia su di una polveriera accusando il palazzo e il ds juventino Luciano Moggi. I giorni successivi la polemica monta e giovedì 11 maggio i tifosi laziali si scontrano con la Polizia in via Allegri, dove erano andati a protestare per il torto subito.

DOMENICA 14 MAGGIO

Cragnotti invia sul posto il fido Guido Paglia nel tentativo di calmare gli animi. Gli di Roma vengono riportati da tutti i telegiornali nazionali e esteri. Il Presidente invita alla calma e evita che i tifosi blocchino la tappa del Giro d’Italia in programma il 13 maggio proprio a Roma. Si arriva così a domenica 14 maggio con le speranze del Presidente e del popolo biancoceleste ridotte al lumicino ma il destino ha ancora in serbo una sorpresa. La Lazio si sbarazza facilmente della Reggina vincendo 3-0, mentre a , dove i bianconeri stanno sostenendo la loro ultima fatica, il secondo tempo viene ritardato a causa della pioggia battente che si è abbattuta sullo stadio Curi rendendo il campo impraticabile.

L’APOTEOSI

Cragnotti resta immobile al suo posto in tribuna, sospeso nel limbo non si alza neanche quando Calori, a gara ripresa, porta in vantaggio i Grifoni sulla Juventus. I minuti trascorrono lentamente ma alle 18.04 i sogni del Presidente biancoceleste e del fratello scomparso vengono realizzati. Al Curi l’arbitro Collina ha appena fischiato il termine dell’incontro, il piccolo Perugia di Mazzone si è imposto ai bianconeri e Cragnotti viene soffocato dall’abbraccio dei tifosi. La Lazio scalvalca la Juve in  classifica e, 26 anni dopo l’incredibile successo degli uomini di Umberto Lenzini, torna a vincere il Tricolore.

LA SCALATA ALL’ALTA FINANZA

La Lazio è all’apice del suo splendore, pochi giorni dopo vince la terza Coppa Italia conquistando il Double, ossia campionato e coppa nazionale. L’8 settembre si aggiudica la seconda Supercoppa Italiana battendo l’Inter per 4-3 ma in campionato arriva solamente terza. La Lazio viene definita la squadra più forte del Mondo e lo resta per molto tempo. Purtroppo però il bilancio impone scelte anche impopolari: Cragnotti vende Pavel Nedved e poi anche l’idolo di casa Alessandro Nesta scatenando proteste ed incidenti durante un’amichevole prima del via del campionato.

LA CIRIO

Tra Cragnotti e la tifoseria qualcosa si rompe, anche se a onor del vero, a causa della sua visione aziendale che contrastava con la passione fatta di maglie e idoli che piace ai sostenitori laziali non c’è mai stato molto feeling. Nel 2002 con il default dei bond Cirio viene obbligato a lasciare tutte le sue imprese, compresa la Lazio, nelle mani delle banche. Durante gli anni di presidenza biancoceleste aveva acquistato la brasiliana Brombill e iniziato la scalata alla Cirio. Nel ’94 era diventato azionista unico della Cirio-Bertolli-De Rica che, con l’acquisizione della Bombrill, della Centrale del Latte di Roma e della Del Monte, aveva trasformato in un vero e proprio colosso agroalimentare.

LA FINE DELL’EPOCA CRAGNOTTIANA

Successivamente acquista il controllo della sudafricana Del Monte e il suo impero agroalimentare diventa sempre più grande. Cragnotti poi, con le sue società, passa un momento di crisi anche se la Lazio è sempre nelle zone alte della classifica. Nel 2001 inizia la fase discendente dell’imprenditore romano che culminerà nel 2002 con il default dei bond Cirio. L’anno successivo viene iscritto nel registro degli indagati dalla Procura di Roma con l’accusa di bancarotta fraudolenta. Nel 2004 viene rinchiuso nel carcere di Regina Coeli con un’ordinanza di custodia cautelare, da dove uscirà ad agosto dello stesso anno. Nel 2006 ha pubblicato una autobiografia scritta con l’aiuto di Fabrizio Pennacchia: “Un calcio al cuore”. Due anni dopo viene nominato presidente della S.S. Lazio Paracadutismo.

IL PROCESSO

Il 5 luglio 2011, al processo sul crac del gruppo Cirio, viene riconosciuto colpevole per bancarotta del colosso dell’industria alimentare e condannato a nove anni di reclusione. Condannati anche il genero Filippo Fucile (4 anni e sei mesi) e i figli Andrea (4 anni), Elisabetta (3 anni) e Massimo (3 anni). Il 10 aprile 2015 sono state confermate dalla Corte d’Appello di Roma le condanne che vennero inflitte in precedenza a Sergio Cragnotti e a Cesare Geronzi per il dissesto della società agroalimentare Cirio.

IL RICORSO

Confermata la condanna a Sergio Cragnotti per bancarotta distrattiva riducendo comunque a 8 anni e 4 mesi la pena a 9 anni che gli era stata inflitta in primo grado. Confermata invece per Cesare Geronzi la condanna a 4 anni. Ridotte le pene per gli altri accusati, in particolare il figlio di Cragnotti, Andrea, ha avuto 2 anni e 4 mesi. Il genero dell’imprenditore Filippo Fucile a 3 anni 10 mesi, mentre sono state dichiarate prescritte le accuse per gli altri due figli di Cragnotti, Massimo ed Elisabetta, che in primo grado avevano avuto 3 anni ciascuno.

SEGUICI SU TWITTER


Pubblicità

News

Maurizio Sarri: all-in di un impiegato diventato grande

Quella di Maurizio Sarri, neo tecnico della Lazio, è una storia fatta di sacrifici, fatica e obiettivi ben chiari in mente

Avatar

Pubblicato

il

maurizio sarri

La notizia è ufficiale da qualche giorno: Maurizio Sarri è il nuovo allenatore della Lazio. Quella del tecnico toscano è la classica storia da usare come esempio per descrivere il cammino di chi ce l’ha fatta.

Un mantra per giovani e non solo, una storia di coraggio, sprezzo del pericolo, rischi, sacrifici e, naturalmente, un’ambizione fuori dal comune. Sarri e il calcio, il calcio e Sarri, un rapporto che non decolla nell’immediato in adolescenza.

La passione c’è e il suo passato da calciatore tra i dilettanti lo testimonia, ma ben presto Maurizio capisce che quella porta che in troppi vogliono varcare è troppo stretta, in linea con il più classico degli “Uno su mille ce la fa”. A 30 anni inizia a dedicarsi alla panchina ma, il pane, lo porta a casa in virtù del suo impiego, quello di dipendente della Banca Toscana.

ALL-IN

Il calcio, però, la fa da padrone nella testa di Sarri, pertanto 10 anni dopo (nel 1999) lascia il per immergersi esclusivamente nella sua vocazione. La strada è dura e gli schiaffi in faccia si fanno sentire ma il carattere è più forte di ogni cosa. Così partendo dal Valterna (club toscano di Eccellenza) inizia la sua scalata. Corre l’anno 2000 quando, sulla panchina della Sansovino (club di Eccellenza), ottiene la promozione in C2 in appena 3 stagioni.

Con gli aretini conquista inoltre la Coppa Italia D e la stagione successiva approda in C2, ma lo fa sulla panchina della Sangiovannese. Pronti via ed è subito promozione in C1 che, per lui, si traduce in un doppio salto che l’anno successivo gli apre le porte della Serie B, al Pescara. Da qui una serie di alti e bassi che lo portano a galleggiare tra Serie B e Serie C sulle panchine di Arezzo, Avellino, Verona, Perugia, Grosseto, Alessandria e Sorrento.

IL SOGNO CHE SI AVVERA

La svolta arriva quando Sarri viene chiamato ad allenare l’Empoli in vista della stagione 2012-2013, conclusa con il e la sfortunata eliminazione ai playoff contro il Livorno. L’anno dopo è quello buono e la sensazione è che qualcosa, nella sua carriera, stia davvero iniziando a muoversi. L’Empoli chiude al secondo posto centrando di diritto la promozione in . Per Maurizio è un sogno che si avvera. Un sogno, certo, come fanno tutti i bambini e i ragazzi innamorati di questo .

Quello di Sarri, però, è un sogno di spessore superiore, perché lecito e semplice è sognare (al netto dei sacrifici per emergere in tenera età) da bambini, ma decisamente più difficile è farlo a 40 anni suonati. Una scelta, quella del classe ’59, presa in barba alla paura, all’incertezza del futuro, con la consapevolezza di non poter sbagliare e di non avere un salvagente. Una sorta di all-in sulla sua vita, una scommessa sul fatto che il calcio sarebbe diventata la fonte della sua quotidianità. Umiltà, dedizione, pochi peli sulla lingua e tanta, tanta gavetta. Il resto è storia nota.

Maurizio Sarri

Maurizio Sarri sulla panchina dell’Empoli

INTER SU RADU

SEGUICI SU FACEBOOK

Continua a leggere

News

Lo staff di Sarri. 6 storie, tanta gavetta e Toscana in abbondanza

Breve focus alla scoperta dello staff di Sarri. Da Martusciello allo scouting Picchioni, dallo “sparapalloni” Nenci, fino alla coppia Ranzato-Losi. Senza dimenticare Ianni, il secondo assistente tattico.

Avatar

Pubblicato

il

Staff di Sarri

Breve focus alla scoperta dello staff di Sarri. I più stretti collaboratori che guideranno la Lazio nella prossima .

Giovanni Martusciello allenatore in seconda

Nato Ischia il 19 agosto 1971. Dal primo luglio sarà l’allenatore in seconda della Lazio. La sua carriera calcistica nasce come centrocampista, per poi diventare esterno d’attacco. L’apice lo raggiunge a fine anni novanta militando nell’Empoli di Luciano Spalletti.

Staff di Sarri. Giovanni Martusciello alla Lazio.
Martusciello alla Juventus

Noi laziali Martusciello ce lo ricordiamo bene. Fu proprio lui a segnare il gol vittoria nella gara del Castellani, nel settembre del novantasette. Uno a zero per i toscani, con signori che falliva un calcio il rigore. (Video della gara.)

Dopo qualche anno fra Serie B e C, nel 2006 inizia ad allenare le giovanili dell’Empoli, fino ad arrivare alla guida della prima squadra nel 2016-’17. Purtroppo però, quella fu una stagione amara, perché quell’Empoli scese in B, dopo aver sprecato 11 punti di vantaggio sul Crotone.

Non confermato da Corsi, nell’estate seguente va all’Inter come collaboratore di Luciano Spalletti. Poi, una volta esonerato anche l’ex tecnico della Roma, segue Sarri alla Juventus come secondo in carica.

Staff di Sarri. Davide Ranzato alla Lazio
Davide Ranzato (in basso a sinistra) insieme ai colleghi del Chelsea.

Davide Ranzato preparatoro atletico

Davide Ranzato dopo essersi laureato in scienze motorie, inizia a collaborare con il Vicenza. Dopo una lunga gavetta, approda al come Fitness coach. Nel Chelsea diventa preparatore atletico ed è considerato un fedelissimo del tecnico. Ranzato è un ottimo professionista, e dove è andato ha sempre vinto.

Oltre alla parte atletica, massima attenzione sarà riservata anche al recupero degli infortunati che, con L’ League da giocare, inevitabilmente ci saranno dei giocatori fuori uso.

Davide Losi preparatore atletico

Staff di Sarri. Davide Losi alla Lazio
Davide Losi al Chelsea

Ha appena 34 anni ma già tanta esperienza. Inizia giovanissimo a fare il preparatore atletico: dagli inizi col Casale – nel 2010 – poi Monza nel 2013 e Campobasso nel 2015. Grazie alle sue tecniche di lavoro, venne notato da Sarri che lo volle al Napoli.

Da quell’esperienza, Losi è un prezioso collaboratore del mister e, anche alla Lazio, si occuperà della parte atletica e di guidare i ragazzi durante il riscaldamento prima delle gare.

Gianni Picchioni collaboratore tecnico

Staff di Sarri . Gianni Picchioni alla Lazio.
Gianni Picchioni alla Juventus

Professionista di lungo corso. Nasce a San Giovanni Valdarno, a due passi da Sarri, nel 1964. Nel 2008 fu allenatore del Gubbio, ma poi la sua carriera ha preso un altro percorso. Ha iniziato a collaborare in pianta stabile con Sarri nel Chelsea come osservatore.

“Vecchio conoscitore di calcio”, dall’esperienza juventina, ha iniziato a collaborare come collaboratore tecnico con delega allo scouting, un ruolo molto importante per il mercato che verrà.

Staff di Sarri. Marco Ianni alla Lazio
Marco Ianni durante un confronto tattico

Marco Ianni, collaboratore tecnico

Aquilano di nascita, Ianni inizia la carriera da allenatore come secondo di Cappellacci nel Teramo in . Il 39enne ha sottoscritto un contratto biennale, e sarà il secondo assistente dello staff di Sarri.

Insieme a Martusciello, saranno loro tre gli strateghi della Lazio che verrà. Quelli che, attraverso la tattica dovranno cercare di sbrogliare le partite più dure, valorizzando i calciatori a disposizione.

Massimo Nenci, preparatore dei portieri

Staff di Sarri. Massimo Nenci alla Lazio
Massimo Nenci lo “sparapalloni”

Lo staff di Sarri si chiude con Massimo Nenci, dalla San Giovannese in Serie D, al Chelsea di mister Sarri. Un grande passo per il 56enne toscano che da sempre, nella sua lunga carriera , si dedica alla preparazione tecnica dei portieri.

Prima del Napoli, l’Arezzo e il Buggiano. Una lunga conoscenza con Sarri che lo allenò nella Faellese. I due si incontrarono di nuovo a Napoli, pur non avendo mai lavorato insieme, Nenci venne ingaggiato nello staff di Sarri per sostituire l’infortunato Nista.

Insieme allo storico Adalberto Grigioni, sarà lui a far migliorare Reina fra i pali e, perché no, a tirare fuori il meglio da Stakosha. Nell’esperienza partenopea, il Napoli gli dedico anche un simpatico servizio durante una sessione di allenamento.

Intanto Foden imita Gazza

Continua a leggere

News

Lazio Roma: 2 mister vincenti nello stesso anno, 31 anni dopo

Lazio Roma, un binomio che da sempre vuol dire derby, rivalità, città divisa tra due colori. La stracittadina, però, si gioca anche in panchina

Avatar

Pubblicato

il

lazio roma

Nella Capitale, Lazio Roma non è solo una partita. Un derby significa tanto: scandisce gli umori delle prima e dopo il fischio d’, simboleggia una rivalità intensa e affascinante quasi quanto la storia della città. Il derby, come da prassi, porta con sé anche numerosi aneddoti riconducibili ai giorni nostri. L’approdo nella Capitale di Sarri (in biancoceleste) e Mourinho (in giallorosso) riporta a galla un dato ormai pressoché dimenticato.

Lazio e Roma non si affidavano, nello stesso anno, a un tecnico che avesse già vinto un titolo con un’altra squadra italiana da ben 31 anni. Correva l’anno 1990, infatti, quando Ottavio Bianchi decise di sposare il progetto giallorosso dopo aver conquistato Scudetto, Coppa Italia e Coppa sulla panchina del Napoli.

Contemporaneamente sull’altra sponda del veniva presentato Dino , reduce (la stagione precedente) dalla vittoria della Coppa Italia e della Coppa Uefa da tecnico della Juventus. Un dato curioso, che si inserisce nel contesto attuale alla luce del fatto che sia Sarri che Mourinho rappresentano due profili vincenti, che hanno trionfato non solo in Italia ma anche all’estero.

Due allenatori solidi e convinti delle proprie idee, tanto da scomodare nomi di spessore come quelli di Bianchi e Zoff. Quel che è certo è che Roma ha deciso prepotentemente di tornare in auge come non accadeva da diverso tempo. La Capitale vuole tornare protagonista, non resta che attendere la prossima stagione e godersi lo spettacolo.

Simone Ferreri

Lazio Roma
Lazio Roma si gioca in panchina

SERIE A DAZN

Continua a leggere

Articoli più letti