Seguici sui Social

Primo Piano

PUBBLICITA

UDINESE LAZIO LE PAGELLE – Marusic sugli scudi porta 3 punti fondamentali

Avatar

Pubblicato

il

Lazio Marusic

Udinese Lazio le pagelle: tanta sofferenza nel finale per i biancocelesti che non sono riusciti a chiudere la gara. Il migliore è stato Adam Marusic.

LAZIO (3-5-2):

Reina 7 – Tutte le palle in area sono state le sue: grande parata al 46′ del primo tempo poi nella ripresa viene salvato dal palo di De Paul.

Patric 5,5 – Non perde mai occasione di prendere il giallo: oggi più che mai gratuito quando spedisce la palla in tribuna con la sfera già in rimessa laterale per gli avversari. Al 85′ Musacchio 5 – Forse abbiamo capito perché Inzaghi non lo fa giocare: 8 minuti da horror dove ha rischiato di causare un rigore (i centimetri lo salvano) ed è stato sempre in affanno.

Acerbi 6 – Torna nella sua posizione centrale più congeniale: per fortuna il mister ha capito che non è produttivo spostarlo sulla sinistra.

Radu 6,5 – Bagna con una partita da guerriero la 401esima presenza con la maglia della Lazio: chiusure perfette e ripartenza palla al piede a testa alta. Grazie Stefan!

Lazzari 5 – Oggi non si è praticamente mai visto: la Lazio non ha giocato mai dalle sue parti.

Milinkovic 6 – Oggi ha più contenuto che proposto gioco: la gamba la mette sempre ma abbiamo bisogno di un sergente da 8 per centrare di nuovo la Champions.

Leiva 5,5 – La giornata di riposo contro il Bayern Monaco in Champions non è bastata: oggi è apparso  comunque sottotono e con poche idee. Al 65′ Escalante 5,5 – L’Udinese ha preso in mano il centrocampo: lui insieme ad Akpa Akpro hanno fatto abbassare il baricentro in maniera preoccupante.

Luis Alberto 6 – Onesta partita per il nostro mago che non ha illuminato la scena: ha provato più volte la conclusione che però è finita debole sulle mani di Musso. Al 73′ Pereira 5,5 – Molto leggero nei contrasti e non è mai riuscito a far salire la squadra: avevamo bisogno dei suoi strappi che però non sono arrivati.

Marusic 7,5 – Il migliore dei suoi: una scheggia impazzita. Difende, attacca e diventa anche goleador: a livello fisico non ce n’è per nessuno.

Muriqi 5,5 – Pochissimi palloni giocabili e nessun cross arrivato né da Marusic né da Lazzari. Completamente avulso dal gioco sembra un pesce fuor d’acqua in questa squadra. Al 65′ Akpa Akpro 5 – Non è riuscito ad arginare il centrocampo avversario nel loro momento migliore quando cercavano a tutti i costi il pareggio: è entrato molle.

Immobile 6 – Oggi lavoro certosino e nell’ombra per aiutare la squadra: grande aiuto per i compagni ma si vede che gli manca tantissimo il gol. La condizione fisica però è ancora precaria. Una sufficienza di incoraggiamento per il grande Ciruzzo. Al 73′ Correa 5,5 – Nessuna azione degna di nota partita dai suoi piedi: ci si aspettava di più da lui con l’Udinese stanca e invece abbiamo subito l’arrembaggio finale.

All. Simone Inzaghi 6 – Vittoria fondamentale per credere ancora nella qualificazione Champions. Alcuni giocatori boccheggiano: giocare una volta a settimana potrà dare nuova linfa alla squadra. Abbiamo anche capito perché è costretto a far giocare Patric: Musacchio e Hoedt non danno certezze e Pereira non incide mai. Rimaniamo al fianco di Simone, uniti più che mai sperando che possa recuperare presto anche Caicedo.


Pubblicità

Primo Piano

Calciomercato Lazio Tare: “Siamo un cantiere aperto. Giocatori albanesi? Mi fido”

Calciomercato Lazio Tare ha le idee chiare per i prossimi obiettivi della società: la Lazio sarà ancora protagonista

Avatar

Pubblicato

il

Lazio Tare
<

Calciomercato Lazio Tare, ai microfoni del Tgr Lazio, ha parlato del momento che sta vivendo il club biancoceleste. Importante il tema dei nuovi innesti per rinforzare la rosa.

“Si può arrivare molto lontano: quest’anno la squadra è stata totalmente rivoluzionata. Nuova idea di gioco, un allenatore nuovo, una mentalità nuova. Siamo ancora un cantiere aperto ma penso che la Lazio sarà protagonista nel campionato. Spero di dare una forma giusta alla squadra alla fine del mese di agosto. Giocatori dall’Albania? Non è un caso, è una questione di fiducia. Li conosco molto bene. Hysaj era un calciatore importante anche prima di venire alla Lazio”.

SI PENSA A RINFORZARE LA DIFESA: ECCO I NOMI ACCOSTATI ALLA LAZIO 

Continua a leggere

Primo Piano

Sarri porta la Lazio a cena fuori: sipario (con conto) sul ritiro di Auronzo

Sarri porta la Lazio a cena fuori: il tecnico chiude in bello stile il suo primo ritiro biancoceleste

Avatar

Pubblicato

il

sarri porta la lazio a cena fuori
<

Sarri porta la Lazio a cena fuori: il tecnico chiude in bello stile il suo primo soggiorno nel Cadore da tecnico biancoceleste.

Sarri porta la Lazio a cena fuori. Oltre due settimane all’ombra delle Tre Cime di Lavaredo, letteralmente volate. E quale modo migliore per festeggiarle se non tutti insieme, davanti ad una bella tavola imbandita? E’ stato proprio il tecnico ad avere l’idea di questo premio per i suoi ragazzi. Per la verità, l’ultima amichevole, giocata nel pomeriggio contro il Padova, non è stata proprio gradevole dal punto di vista della prestazione. Ma l’ex mister della Juve ha voluto comunque ringraziare i suoi ragazzi per quanto offertogli in questi giorni. Assimilare le sue idee, dopo anni di dettami completamente diversi, non era facile, ma la squadra si è impegnata a fondo per riuscirci e il Comandante non ne è rimasto insensibile.

Tutti a cena fuori dunque, pago io, ha detto. Tra i sì colmi di entusiasmo di giocatori e staff tecnico. E’ stato un ristorante-pizzeria di Auronzo a fare da teatro all’appuntamento. Al quale, oltre al gruppo, si sono presentati, immancabili, anche alcuni fuoriprogramma. A partire dal noto rito di iniziazione per i nuovi arrivati, che stavolta ha visto protagonista Luka Romero. Il 16enne argentino, come gli altri che lo hanno preceduto, ha dovuto dar sfoggio delle sue doti canore con una canzone. Al momento non si sa ancora quale abbia scelto, ma si spera che non sia stato un pezzo ‘discutibile’ come il Bella Ciao di Hysaj. Proprio quest’ultimo, insieme a Milinkovic, Leiva e Radu, prima di entrare nel locale, si è inoltre intrattenuto per qualche momento per firmare autografi ai tifosi.

Arrivederci all’anno prossimo Auronzo, quest’oggi si torna a Roma. Arrivati nella Capitale, i giocatori potranno godere di qualche giorno di relax. Alle porte c’è infatti la seconda parte del ritiro, in programma a Marienfeld dal 31 luglio. Dove Sarri potrà finalmente lavorare con il gruppo al completo, arricchito dagli ‘azzurri’ Acerbi e Immobile e forse anche da un nuovo acquisto (Basic?).

LAZIO SU UN TALENTO DELLA BUNDESLIGA

Continua a leggere

Primo Piano

Lotito porta Formello ad Auronzo: il (nuovo) progetto del patron

Lotito porta Formello ad Auronzo: dopo lo stadio Flaminio, l’ultima del vulcanico patron della Lazio

Avatar

Pubblicato

il

lotito porta formello ad auronzo
<

Lotito porta Formello ad Auronzo: non solo lo stadio Flaminio nella mente del presidente della Lazio.

Lotito porta Formello ad Auronzo. Ricreare un angolo del quartier generale in quel delle Tre Cime di Lavaredo. Sarebbe questa l’ultima sensazionale trovata del vulcanico numero uno biancoceleste. Un modo per rinsaldare il legame con la cittadina dolomitica, che ormai da quasi 15 anni fa da cornice alla preparazione estiva. Ma anche per iniziare a porre le fondamenta per un club sempre più al top nel mondo del calcio. Il lavoro per quest’ultimo scopo, per la verità, è già iniziato con la ‘rinfrescata’ al centro sportivo principale, ma non ha certo intenzione di fermarsi.

In che modo? Con l’acquisizione di un albergo ad Auronzo, per farne una sorta di ‘casa per l’estate’ della Lazio. Un luogo dove, nei mesi di pausa del campionato, possano soggiornare e lavorare tutte le componenti del club: non solo i big quindi ma anche i giovani e persino la squadra femminile. I primi approcci sarebbero già stati avviati: colloqui sarebbero infatti in corso tra Lotito e rispettivamente la Media Sport Event (la società che organizza il ritiro estivo della Lazio) e il comune di Auronzo. Al centro, in particolare, gli aspetti logistici ed economici del progetto. Che, se andasse effettivamente in porto, sarebbe di ulteriore slancio nei rapporti già ottimi tra le parti. Al momento infatti l’intesa scade nel 2022 (o 2023, in caso di validazione dell’opzione prevista). Ma, con un ‘Lazio hotel’ in loco, non si esclude che possa proseguire ancora per tanti anni.

SHAQIRI CHIAMA LA LAZIO

Continua a leggere

Articoli più letti