Seguici sui Social

Primo Piano

PUBBLICITA

21 Giugno 1987, nel ricordo di Lazio Vicenza

21 Giugno 1987, nel ricordo di Lazio Vicenza, un gol, un boato e la retrocessione evitata

Avatar

Pubblicato

il

Serie B 1986 87 Lazio vs L.R. Vicenza Giuliano Fiorini

21 Giugno 1987, nel ricordo di Lazio Vicenza, un gol, un boato e la retrocessione evitata

E’ il 21 Giugno del 1987 allo Stadio Olimpico di Roma davanti a 62000 spettatori si disputa una delle partite più importanti della storia biancoceleste, Lazio Vicenza. Tornando indietro del tempo il 5 Agosto del 1986 la CAF ribalta la sentenza di retrocessione in C1 per lo scandalo calcio scommesse e concede alla Lazio il campionato di Serie B con ben 9 punti di penalizzazione. Tra la gente e tra i giocatori c’è malumore e si prospetta un futuro già scritto, ma l’allenatore Fascetti non è dello stesso pensiero e ad inizio ritiro parla forte e chiaro : “Chi vuole resti. Chi non se la sente può andar via subito. Ma chi resta combatte fino alla fine“. E’ l’inizio di una delle favole più belle de calcio italiano. Il campionato della Lazio è a fasi alterne con un finale di stagione da incubo e all’ultima giornata si ritrova costretta a vincere per evitare la retrocessione matematica in C1. Lazio Vicenza è la partita della vita, a i veneti basta un punto per salvarsi e si chiudono per tutta la partita in difesa difendendo la porta che a tratti sembrava stregata. Dalla Nord viene esibito uno striscione : “Noi con la voce, voi con il cuore !“. Il cuore ce lo misero tutti e al minuto 82 la gioia biancoceleste porta il nome di Giuliano Fiorini che insacca e salva la Lazio. Il Vicenza va in C1 e la Lazio si giocherà lo spareggio per la B al San Paolo di Napoli contro Taranto e Campobasso. Lazio Vicenza per molti tifosi è la partita delle partite, quando la forza degli spalti aiuta il cuore di chi è in campo. Quello stesso cuore che permise alla Lazio di vincere anche gli spareggi e di rimanere in Serie B contro ogni pronostico.

LAZIO VICENZA

LA CONQUISTA DEL PRIMO SCUDETTO


Pubblicità

Primo Piano

LAZIO BASIC Firma in arrivo

Lazio Basic firma: ore decisive per l’approdo in biancoceleste del centrocampista croato

Avatar

Pubblicato

il

basic lazio
<

LAZIO BASIC FIRMA – Svolta imminente nell’operazione con il Bordeaux. Le ultime.

LAZIO Basic firma. Sono ore decisive per l’approdo in biancoceleste del 24enne croato. Sembra essere lui infatti il prescelto per infoltire la linea mediana di Sarri e unirsi a Kamenovic, Hysaj e Felipe Anderson nel carnet degli acquisti estivi. Indiscrezioni raccolte dalla nostra redazione lo danno in arrivo nella Capitale nei prossimi giorni, per sottoporsi alle visite mediche e apporre il proprio sigillo sul contratto. L’accelerata sarebbe arrivata nelle ultime ore, con la soluzione alle due questioni che ancora si frapponevano tra l’affare e la sua chiusura.

La prima è quella relativa alla nuova proprietà del Bordeaux. Che, dopo il 12° posto nell’ultimo campionato, era stato retrocesso in Ligue 2. Una decisione d’ufficio, presa dalla DNCG, che vigila sui conti dei club d’Oltralpe. Il motivo alcuni guai finanziari, che rendevano impossibile garantire la prosecuzione dell’attività. I Girondini però non ci sono stati e hanno immediatamente fatto ricorso. Con successo, visto che sono stati riammessi in Ligue 1. Adesso dunque il sodalizio si avvia a cambiare proprietario: il patron del Lille Gerard Lopez è infatti in procinto di rilevare la maggioranza delle azioni dalla società King Street.

Palla alla Lazio dunque. Che ha già raggiunto l’accordo sia con il giocatore che con il Bordeaux: il primo siglerà un quinquennale, scadenza giugno 2026, da 1,5 milioni annui. Altri 10, comprensivi di bonus, dovrebbero essere invece versati nelle casse del secondo: per la precisione, 7 fissi più altri 3, in due rate. Su questo aspetto da qualche giorno permaneva una situazione di stallo: ai biancocelesti serviva infatti una cessione, al momento ancora non concretizzata, per porre il segno più sull’indice di liquidità. In soccorso di Lotito & co. sono tuttavia arrivati nelle ultime ore soldi freschi provenienti dall’Uefa: 15 milioni, ultima fetta del frutto dei diritti tv della scorsa Champions League. Saranno loro quindi, con tutta probabilità, a sbloccare la leva del freno e a permettere finalmente a Basic e alla Lazio di abbracciarsi.

MEETING DI MERCATO AD AURONZO

Continua a leggere

Primo Piano

Calciomercato Lazio, arrivano i soldi freschi della Uefa: le trattative si sbloccano?

Calciomercato Lazio: una buona notizia per i biancocelesti sono i soldi freschi arrivati dalla Uefa

Avatar

Pubblicato

il

uefa
<

Una buona notizia per le casse biancocelesti: arrivano i milioni della Uefa derivanti dalle partecipazioni alle competizioni europee. Il calciomercato Lazio può ora sbloccarsi?

Un’ultima tranche da 15 milioni di euro: è ormai noto infatti che la Uefa non concede più i premi tutti in un’unica soluzione e per questo le squadre si ritrovano sempre più spesso senza liquidità. Se si aggiunge anche la crisi per la pandemia da Covid si spiega il mercato del calcio che è totalmente bloccato (ad eccezione dei soldi del Qatar di Psg e City). Ecco allora una bella boccata d’ossigeno della Lazio di mister Sarri che continua a chiedere nuovi innesti per il suo nuovo modulo tattico.

A questi soldi potrebbero aggiungersi quelli di una cessione di lusso che Lotito e Tare hanno comunque già messo in conto: il nome più caldo in questo senso è quello di Correa che ha hià chiesto in tempi non sospetti di cambiare aria. In entrata sempre calda la pista Brandt del Dortmund: un giocatore che piace molto sia a Tare che Sarri e lo stesso Basic del Bordeaux con il quale la Lazio ha già un accordo sull’ingaggio.

Brandt, il sogno del calciomercato Lazio
Brandt del Borussia Dortmund, il sogno del calciomercato Lazio

TUTTA LA LAZIO VACCINATA NEL RITIRO DI AURONZO

Continua a leggere

Primo Piano

“La Lazio sarà tutta vaccinata ad Auronzo”

La Lazio sarà tutta vaccinata ad Auronzo: l’annuncio del governatore veneto Zaia

Avatar

Pubblicato

il

Inzaghi non ha tradito
<

“La Lazio sarà tutta vaccinata ad Auronzo”. Lo rivela il presidente del Veneto Luca Zaia.

La Lazio sarà tutta vaccinata ad Auronzo. Le inoculazioni, riservate a giocatori e staff, avranno luogo nella giornata di oggi. L’ufficialità è arrivata ieri, dalla viva voce del governatore Zaia: a lui è spettata infatti l’ultima parola, visto che la sede del ritiro biancoceleste si trova in Veneto, in provincia di Belluno. Ed è stata un’ultima parola positiva, detta per “dovere di ospitalità” nonchè per “piacere”. Zaia ha così risposto ad una richiesta, come da lui stesso rivelato, arrivata direttamente dal “presidente Lotito“, “prima ancora – aggiunge – che fossero introdotte le norme sul green pass”.

Uno scopo quello di far sì che tutto il gruppo venisse immunizzato per cui il patron era già al lavoro da qualche giorno. In un primo momento era circolata la voce che le iniezioni sarebbero state praticate a Roma, tra la conclusione della prima parte di preparazione e l’inizio della seconda a Marienfeld. Alla fine però si è optato per anticipare i tempi. Il vaccino non sarà somministrato ad alcuni giocatori che lo hanno già ricevuto: tra essi, Lazzari e Leiva, inoculati rispettivamente in Nazionale e in Brasile. Oltre agli ‘azzurri’ Acerbi e Immobile, di rientro a giorni dalle vacanze post Europeo: entrambi hanno infatti ricevuto la dose prima della vittoriosa spedizione tra l’Olimpico e Wembley.

GREEN PASS ALLO STADIO: ECCO LE NORME

Continua a leggere

Articoli più letti