Winter: “La mia Lazio, un gruppo incredibile” e poi le parole su Gascoigne

PUBBLICITA

LAZIO NEWS

Aron Winter: “Ho Giocato in una Grande Lazio, Eravamo Veramente Uniti. Gascoigne? Per Me un Fenomeno

L’ex centrocampista Aron Winter ha recentemente condiviso i suoi ricordi del periodo trascorso alla Lazio durante un’intervista rilasciata ai microfoni di Radiosei. Le sue parole ci offrono uno sguardo nostalgico su un’epoca gloriosa per il club biancoceleste.


L’Unione del Gruppo e l’Ambiente Fantastico

“Ho giocato in una grande Lazio, una bellissima squadra”, ha dichiarato Winter. “Eravamo un gruppo veramente unito e infatti siamo ancora tutti assieme. Poi i tifosi sono stati fantastici, così come il presidente Cragnotti e tutto l’ambiente”. Queste parole mettono in risalto quanto fosse forte la coesione tra i giocatori e l’importanza del supporto dei tifosi e della dirigenza nella creazione di un’atmosfera positiva.

Gascoigne: Un Fenomeno in Campo

Winter ha riservato parole di elogio particolare per il suo ex compagno di squadra, Paul Gascoigne. “È stato bellissimo giocare con Gascoigne perché per me era un fenomeno, e ho ricordi bellissimi di lui. Mi spiace che abbia avuto qualche problema in seguito”, ha detto. Questo sottolinea non solo l’ammirazione di Winter per il talento di Gascoigne, ma anche la sua empatia per le difficoltà che il giocatore ha affrontato dopo la carriera calcistica.

Differenze tra Zoff e Zeman

Parlando dei suoi allenatori, Winter ha fatto un confronto tra Dino Zoff e Zdeněk Zeman. “Zoff per me è stata una grandissima persona e un grandissimo allenatore. Sono contento di aver lavorato con lui per due anni. Con Zeman giocavo sicuramente più offensivo, ma la differenza maggiore è che durante la stagione con Zoff rimanevi più o meno allo stesso livello fisico. Con Zeman partivi a razzo, ma dopo 6 mesi iniziavi a calare e avevi qualche problema”, ha spiegato. Questa dichiarazione mette in luce le diverse filosofie di allenamento dei due tecnici e l’impatto che avevano sui giocatori.

La Nazionale Italiana e le Sue Perplessità

Winter ha espresso anche il suo dispiacere per l’eliminazione dell’Italia dall’Europeo, ricordando i bei momenti passati con la nazionale. “Non ci sono fuoriclasse come Baggio o Del Piero, non c’è più fantasia. Questo non è un bel segnale per il calcio in Italia”, ha osservato. Inoltre, ha trovato assurdo che nessun giocatore del Milan fosse convocato in Nazionale. “Una volta gli stranieri che venivano in A erano solo quelli fortissimi, adesso la situazione è diversa”, ha concluso.

Le parole di Aron Winter riportano alla luce un periodo affascinante della storia della Lazio e offrono una prospettiva unica sulle dinamiche interne della squadra e del calcio italiano in generale.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

whatsapp canale
facebook canale
PUBBLICITA

LIVE NEWS