LA NOSTRA STORIA – Tanti auguri a “El Piojo” Claudio Lopez

Claudio Lopez ex attaccante della Lazio e dell'Argentina

Il 17 luglio 1974 nasce a Rio Tercero, in Argentina, Claudio Lopez, detto “El Piojo”. Attaccante di straordinaria qualità, veloce e con un tiro di sinistro potente e preciso.

GLI INIZI

Inizia a giocare nell’Estudiantes de la Plata per poi passare al Racing Avellaneda. Nel 1996 si sposta in Spagna e va a giocare nel Valencia dove, alla corte di Claudio Ranieri, conquista una Coppa del Re e una Supercoppa Spagnola, arrivando anche alla finale di Champions League persa poi contro il Real Madrid.

L’ARRIVO ALLA LAZIO


Nel 2000 l’attaccante approda alla Lazio per una cifra vicina ai 35 miliardi di lire ma, all’inizio di novembre subisce un serio infortunio – la lesione del legamento collaterale del ginocchio sinistro – che lo costringe a stare fermo per buona parte della stagione ma vince con la società biancoceleste la Supercoppa Italiana. L’anno successivo torna a giocare con continuità e segna 15 reti. Nella stagione 2002-03 si ripete realizzando 15 gol in Campionato contribuendo a portare la Lazio al quarto posto.
Il 7 dicembre 2002, nei primi 35′ dell’incontro pareggiato 3-3 con l’Inter, realizza una tripletta: celebre la sua esultanza in cui balla insieme al compagno Bernardo Corradi al ritmo di Asereje in occasione del secondo e del terzo gol. Nel suo ultimo anno con i biancocelesti conquista la Coppa Italia dopodichè, a causa dei soliti problemi economici societari, va a giocare nel campionato messicano nel Club América che, grazie anche alle sue reti, conquista il suo primo titolo nazionale. Con i messicani vince anche la CONCACAF Champions’ Cup 2006.

IL RITORNO IN ARGENTINA

Nel 2007 torna in Argentina per giocare con la maglia del Racing Avellaneda. Nel marzo 2008 passa ai Kansas City Wizards, nella Major League Soccer. A febbraio 2010 lascia il Kansas City Wizards facendo scadere il contratto e ad aprile firma un contratto con i Colorado Rapids. Nel 2011 dichiara che a fine anno lascerà il calcio con l’idea di rimanervi magari come allenatore. Con la Nazionale Argentina partecipa al Campionato del Mondo 1998 e a quello del 2002. Una volta ritiratosi dal calcio giocato diventa a dicembre 2014 il nuovo direttore sportivo dei Colorado Rapids, la sua ultima squadra da calciatore.

LEGGI LE PAROLE DI CALENDA SU KEITA E L’INTER

SEGUI LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

SEGUI IL NOSTRO PROFILO TWITTER

 

 

Inline
Inline