Anastasi: “La Lazio può arrivare tra le prime e 4. Vi racconto Giorgio Chinaglia…”

Giorgio Chinaglia attaccante del primo scudetto della Lazio

L’ex calciatore della Juventus, Pietro Anastasi, è intervenuto ai microfoni di Radio Incontro Olympia. Di seguito riportiamo le sue parole.

“Oggi è un altro calcio. Quando giocavo io c’era più attaccamento a maglia e colori. Adesso, per i tempi che corrono – spiega Anastasi – forse è giusto ci sia altro. La tecnologia nel calcio, per come si sta usando adesso, non mi piace. Si interrompe il gioco. Toglieranno degli errori, ma diamo ai tifosi anche l’opportunità di sfogarsi contro qualcuno. Io lascerei solo la tecnologia sulla linea di porta e la VAR per i rigori dubbi”.

SU JUVENTUS LAZIO

“Dalla parte biancoceleste c’è Immobile che sta facendo un campionato strepitoso. Lo vedo più maturo, più concreto. La Lazio dovrà stare attenta alla Juventus in cui c’è qualche freccia in più, da Dybala a Higuain. La Lazio mi piace. Grazie al suo allenatore sta giocando molto bene. Inzaghi si sta mettendo in mostra e si parla qui anche di lui come successore di Allegri. Io da juventino sarei contento, mi piace. Si è imposto anche davanti a qualcuno che storceva inizialmente in naso”.

UNA BATTUTA SU GIORGIO CHINAGLIA

Trascinatore. Uomo squadra. Dava calci nel sedere a D’Amico. Era verissimo. Facevano bene questi atteggiamenti. Ai giovani va fatto capire come comportarsi. La Juventus si comporta così”.

SULLA SFIDA TRA BUFFON E STRAKOSHA

“Beh, Buffon non ha più i riflessi di un giovane. Resta uno dei migliori in calciatori. Nella prossima stagione ci sarà il successore. Strakosha si è messo in vista molto bene, disputando grandi partite. Fossi nella Juventus lo metterei sotto osservazione. Quelli bravi bisogna prenderli! La Lazio è una grande squadra ma io parlo a livello prettamente professionale. A livello di competizioni europee la Juventus è più appetibile, considerando poi variabili come l’attaccamento alla maglia. Auguro alla Lazio di tornare ai fasti di Cragnotti. Ci vuole semplicemente pazienza e lavorare bene”.

SUL CAMPIONATO

“La Lazio ha la mentalità e la voglia di arrivare nei primi quattro. Poi vedremo. Come l’Atalanta in Europa League la passata stagione, la Lazio può andare in Champions in questa. Ne sarei davvero felice”.

SEGUI LA NOSTRA NUOVA PAGINA FACEBOOK

SEGUI IL NOSTRO PROFILO TWITTER

ECCO CHI ARBITRERA’ JUVENTUS LAZIO >>> LEGGI QUI