Lotito, brutte notizie dalla Lazio Events: ecco i dettagli

Claudio Lotito a denti stretti

Brutte notizie per il presidente della Lazio Claudio Lotito.

SEGNO MENO

La Lazio Events srl, il sodalizio che detiene il 67% della società biancoceleste, ha chiuso il bilancio consolidato alla fine dello scorso giugno con un valore di produzione pari a 93,8 milioni di euro. Una cifra di gran lunga inferiore a quella (110,4 milioni) con cui il gruppo, controllato attraverso tre veicoli (Snam Lazio sud, Linda e Bona Dea), aveva chiuso l’anno precedente e che lo fa passare da un utile di 2,6 milioni a una perdita di 8,2 milioni. Il calo, spiega l’amministratore unico Paolo Buzi nella relazione sulla gestione, “è dipeso principalmente dai minori introiti rivenienti dalla partecipazione alle competizioni europee senza che ciò abbia pregiudicato la politica di rafforzamento e consolidamento della rosa della prima squadra“. Come sottolinea milanofinanza.it, infatti, i ricavi da gare sono diminuiti da 9,6 a 7,5 milioni e quelli da diritti televisivi e proventi media da 84,3 a 67,8 milioni. Hanno registrato invece un aumento le entrate da sponsorizzazioni, pubblicità e royalties (da 8,8 a 11 milioni). Così come i costi, per la precisione di 2,8 milioni, dovuti principalmente agli ammortamenti relativi all’acquisizione dei diritti alle prestazioni sportive dei calciatori. Segno più inoltre anche per il capitale immobilizzato del gruppo di Lotito, salito da 11,4 milioni a 230,7 milioni per l’acquisto dei diritti; l’attivo circolante, di 18,6 milioni, cala invece anno su anno di 21,4 milioni, mentre il patrimonio netto si attesta a quota 72,6 milioni. Diminuiti anche i debiti, da 113,5 a 107,7 milioni, nonostante una posizione finanziaria netta peggiorata da 47 a 55,1 milioni. Ciò a causa dei finanziamenti autoliquidanti ottenuti per sostenere gli investimenti nel parco giocatori e garantire la flessibilità di cassa.

Inline
Inline