Seguici sui Social

Conferenza stampa

CONFERENZA – Pioli: “Ho visto atteggiamenti giusti! Da fenomeno a pirla per una partita….”

Pubblicato

in



Pubblicità

Smaltita, o quasi, la delusione per l’eliminazione dalla Champions, è ora di pensare al campionato. Tre punti per la classifica e per il morale sarebbero davvero fondamentali. Arrivare alla pausa delle nazionali con sei punti in classifica sarebbe tutta un’altra cosa. Permetterebbe, almeno in parte, di non pensare all’esclusione dalla Champions e permetterebbe ai ragazzi di Pioli di lavorare con maggior serenità. Il mister lo sa, ma è anche conscio delle difficoltà che la sua Lazio troverà a Verona. Queste le parole del mister in sala stampa:

Come sta la squadra?

“Abbiamo preso una brutta botta. Avevamo davanti un sogno, ed è svanito, ma ho visto negli occhi dei miei la voglia di ripartire! Mi aspetto una prova importante, ed è quello che pretendo. Sarà una partita ostica, ma vogliamo ripartire subito”.

Vedremo una Lazio diversa?

“Io punto molto sulla voglia di riscatto dei miei giocatori. Giovedì mattina c’erano teste basse e delusioni, da ieri ho visto grande voglia!”

La Lazio può ripetere quanto di bello fatto lo scorso anno?

“Sarà un campionato difficile ed equilibrato. Come lo scorso anno. Non sarà facile ripeterci, ma ci proveremo. Anche l’anno scorso c’era scetticismo ma alla fine siamo riusciti a centrare il terzo posto. Quest’anno ci sono 7 squadre che si sfideranno per l’Europa, ma noi abbiamo i valori e le capacità per riuscirci”.

Si aspetta qualcosa dal mercato?

“Io sono l’allenatore e penso alla partita. La società penserà al resto. Non potevamo aspettarci tante assenze, dobbiamo stringere i denti ora.  La pausa ci aiuterà a recuperare Marchetti, Djordjevic, Biglia e a riavere in forma Mauri, anche loro possono essere considerati nuovi acquisti”.

Cosa sta succedendo a Felipe Anderson?

“Deve crescere e continuare a farlo. Le sue prestazioni dovranno migliorare, ma il suo atteggiamento mi piace!”

Milinkivic-Savic sta maturando? Può diventare un titolare?

“Ha ottime qualità e sta lavorando bene. Gli va però dato il tempo di migliorare. Lui come Hoedt stanno lavorando bene, però l’olandese è qui con noi da più tempo e forse è un pizzico più avanti. Può essere pronto se serve”.

È il momento peggiore della sua esperienza alla Lazio?

“So come si ragiona e come si danno le valutazioni. Un giorno sei un fenomeno, il giorno dopo un pirla…. Sto lavorando più di prima per far si che questo campionato diventi bello come prima!”

Cosa chiede a media e tifosi?

“Non posso chiedere nulla, devono giudicare loro. Noi pensiamo a lavorare e trascinare tutti!”

Cosa ne pensa del Chievo?

“Partite facili non esistono. Ha cominciato molto bene. L’anno scorso non abbiamo mai vinto, speriamo di farlo domani!”

Cataldi?

“Dite che la squadra non è competitiva, ma mi chiedete di giocatori che non giocano pensando siano i più forti…  Cataldi ha fatto una preparazione un po’ problematica, con prestazioni non buone e non all’altezza. Sta lavorando e migliorando”-

 

Dal nostro inviato a Formello
Stefano Gaudino

La riproduzione parziale o totale dell’articolo è possibile previa citazione della fonte

Continua a leggere
Pubblicità