Seguici sui Social



Focus

I problemi della Lazio: il mal di rimonta post svantaggio

Pubblicato

il

PUBBLICITA



Le prime partite di questa stagione hanno evidenziato un dato preoccupante in casa Lazio: ovvero, se i biancocelesti vanno in svantaggio non sanno rimontare. Prendono schiaffi e ne rimangono tramortiti, senza riuscire a restituirli. È successo 16 volte con Pioli al timone e solo in 4 occasioni si sono portati a casa punti (10 per la precisione, in virtù delle vittorie con Parma, Milan nel ritorno, Palermo e il pari di Bergamo). Solo sconfitte invece nelle altre 12 occasioni, come con il Milan all’andata. Adesso sta a Pioli trovare il giusto rimedio ad un problema che l’estate ha acuito, come si è visto a Shanghai e a Leverkusen. Due apparizioni in cui, andata sotto, la Lazio non ha mai dato l’impressione di riprendere in mano le redini del gioco e anzi ha il più delle volte spianato la strada alle goleade avversarie. Un difetto che neanche il mercato (finora) è stato in grado di correggere. A Pioli il compito di sfruttare la sosta per lavorare sulla testa e sulla personalità dei suoi ragazzi.

Fabio Villani


Continua a leggere
Pubblicità

Focus

LA NOSTRA STORIA Compie gli anni l’ex biancoceleste Mario Facco

Pubblicato

il

Il 23 gennaio 1946 nasce a Milano Mario Facco. Difensore, inizia la sua carriera con l’Inter, dove gioca una partita di campionato e tre di Coppa Italia.

Nel 1968 Mario Facco è acquistato dalla Lazio, dove disputa sette stagioni divenendo un punto fondamentale della difesa. In biancoceleste centra due promozioni in Serie A e contribuisce alla conquista dello Scudetto nella stagione 1973-1974, anche se in quell’anno perde il posto da titolare a vantaggio di Sergio Petrelli. Nell’ottobre del 1974 viene ceduto all’Avellino, dove resta per tre stagioni. Termina la carriera al Parma nel 1977/78 a causa di un grave infortunio a tibia e perone.

Dopo aver preso il patentino inizia ad allenare nelle giovanili dell’Avellino nel 1980. Nella stagione 1981/82 guida lo Squinzano. Nel 1982 passa alla guida del Frosinone in Serie C2 e l’anno successivo alla Salernitana in Serie C1. Ha poi allenato anche il Barletta sempre in Serie C1. Nel 1986-1987 è chiamato alla guida della Ternana, tra le cui fila militano anche due giocatori della Lazio: Vincenzo D’Amico e il giovane Paolo Di Canio. Chiude la stagione al terzo posto (dietro Ravenna e Vis Pesaro). La stagione successiva resta alla guida della squadra umbra, ma soltanto per un breve periodo prima di essere esonerato. In seguito ha allenato Vigor Lamezia e Trapani. Colpito da un male incurabile è scomparso all’età di 72 anni nella sua casa sul litorale nord di Roma.

SEGUICI SU TWITTER

Continua a leggere

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Articoli più letti