Lazio, un mercato estivo perfetto. O quasi

Ieri alle 23 è calato il sipario sul mercato estivo e per la Lazio è stata una chiusura più che soddisfacente. Proprio sul gong infatti ai vari Hoedt, Morrison, Patric, Milinkovic-Savic e Kishna si è aggiunto Alessandro Matri, arrivato dal Milan in prestito fino a fine stagione. Un innesto che ha ravvivato una sessione fin lì piuttosto deludente, visti i risultati delle prime uscite, e che ha elevato il giudizio sull’operato del duo Lotito- Tare. I quali hanno dotato la squadra dell’attaccante che le serviva, un centravanti con un buon fiuto del gol, non troppo avanti con l’età (ha 31 anni) e che dunque costituisce l’elemento ideale per sopperire alle assenze dei vari Klose e Djordjevic e dotare l’attacco biancoceleste di un (buon, si spera) bottino di reti. Ma le buone cose messe in mostra dai due dirigenti non si fermano all’arrivo dell’ex rossonero: da tenere in conto infatti anche il fatto di essere riusciti a trattenere i cosiddetti big, resistendo alle varie offerte anche allettanti provenute dall’estero e anche dall’italia fino alle ultime ore. Il patron deve essersi reso conto che se vuole costruire una squadra vincente non può fare a meno dei vari Biglia, Felipe Anderson, gente che con la propria classe è in grado di accendere la lampadina e di condurre per mano la Lazio verso il successo. Ma c’è di più: in questa sessione di mercato Lotito è riuscito in un impresa che nelle precedenti gli aveva sempre creato grattacapi, ovvero piazzare gli esuberi. I vari Novaretti, Cana, Gonzalez hanno infatti trovato tutti una sistemazione, chi in prestito chi a titolo definitivo. Un bene sopratutto per mister Pioli, che potrà lavorare con una rosa non eccessivamente lunga e quindi non avrà pressoché problemi a far assimilare le sue idee e i suoi schemi ai vari componenti. A questo punto voi direte: ma allora è stato un mercato perfetto. Beh, non proprio: per renderlo tale infatti si sarebbe dovuto prendere un terzino sinistro in grado di dare il cambio a Radu, apparso non proprio impeccabile in queste prime uscite. La Lazio ci ha anche provato, inserendosi con l’Inter per D’Ambrosio, ma purtroppo il tempo per imbastire la trattativa era troppo poco e il colpo non è andato a segno. Peccato, ma non è detto che non ci si riprovi, magari già a gennaio. La torta è pronta, adesso basta piazzarci la ciliegina e il progetto di una Lazio sulle alte vette può avere inizio.

Da non perdere

Iscriviti alla Newsletter

Per le ultime notizie sulla Lazio iscriviti alla newsletter. E' GRATIS