Seguici sui Social

Settore giovanile

Primavera, doppia rimonta per la Lazio: a Latina finisce 2-2, in gol Murgia e Calì

Pubblicato

in



LATINA-LAZIO 2-2

Marcatori: 25′ Sliti Taider (LAT), 36′ Murgia (LAZ), 47′ Atiagli (LAT), 85′ Calì (LAZ)

LATINA (3-5-2): De Lucia; Matino, Celli, Marseglia; Atiagli, Wolski, Criscuolo, Barone, Sbordone (89′ Draghici); Sliti Taider (69′ Befani) , Kasai (64′ Maccioni). A disp. Sottoriva, Zorresi, Caputo, Dal Monte, Costanzo, Ricci, Valente, Brizzi, Beccaceci. All. Ghirotto

LAZIO (4-3-1-2):Matosevic; Manoni, Mattia, Germoni (68′ Bezziccheri), Dovidio; Murgia, Borecki (52′ Beqiri), Folorunsho (56′ Rokavec); Palombi; Rossi, Calì. A disp. Lazzari, Cinti, Quaglia, Pedrazzini, Cardoselli, Bernardi. All. Inzaghi

ARBITRO: Fiorini (sez. Frosinone). ASSISTENTI: Lombardi-Oliviero

NOTE. Ammoniti: 33′ Barone (LAT), 37′ Marseglia (LAT), 44′ Celli (LAT), 55′ Folorunsho (LAZ), 73′ Matino (LAT), 85′ De Lucia (LAT), 88′ Rossi (LAZ), 90′ Atiagli (LAT). Espulsi: 94′ Matino (LAT) per doppia ammonizione Recupero: 5′ st.

Dopo il trionfo nel “Wojtyla”, la Lazio Primavera torna in campo in campionato nella trasferta di Latina.
Per la sfida all’Ex Fulgorcavi di Borgo Piave, Simone Inzaghi punta su un 4-3-1-2: assente Verkaj, nel ruolo di trequartista c’è Simone Palombi, alle spalle di Calì e Rossi per la prima volta nella stagione schierati titolari come coppia d’attacco. Il Latina di Ghirotto si è dimostrato nel corso della stagione cliente particolarmente difficile, forte soprattutto in casa e capace di accumulare un solo punto di distanza dalla stessa Lazio.
Il match inizia con entrambe le squadre che lasciano spazi che gli attaccanti avversari provano a sfruttare. Pronti-via e Sbordone manda subito in crisi la retroguardia biancoceleste, ma al 10′ è Calì a non arrivare d’un soffio sulla palla del vantaggio, ripetendosi al quarto d’ora mancando d’un soffio di testa il bersaglio. La Lazio sembra crescere minuto dopo minuto, ma come una doccia gelata arriva la rete del vantaggio del Latina, che colpisce con Taider: ma l’azione nasce da una palla persa rovinosamente da Germoni, che permette a Kasai di presentarsi a tu per tu con Matosevic e servire il compagno per la più comoda delle palle gol.
Partita improvvisamente in salita per la Lazio, che prova a trovare il break grazie alla vivacità di Folorunsho. Al 35′ però è Dovidio a rendersi protagonista di una bella azione personale e a servire Murgia, che dopo tante occasioni mancate nelle partite precedenti, finalmente non manca l’appuntamento con il gol. Si va al riposo con un risultato di parità decisamente meritato dalla Lazio, nonostante un brivido nel finale per un colpo di testa di Marseglia che aveva battuto Matosevic, ma a gioco già fermo.
Nella seconda frazione di gioco ci si aspetterebbe una Lazio più quadrata, arriva invece la doccia fredda con la rete di Atiagli che riesce perfettamente a inserirsi tra le linee e a superare con una velenosa conclusione Matosevic. Non sembra proprio giornata per i ragazzi di Inzaghi che nel primo quarto d’ora del secondo tempo prova a scuotere la sua squadra con i cambi: Beqiri, ben distintosi nel corso del Trofeo Wojtyla, prende il posto di Borecki, mentre Rokavec viene inserito al posto del generoso Folorunsho.
Le mosse messe in atto per rivitalizzare i biancocelesti non portano però frutti. Anzi col passare dei minuti è il Latina a rendersi sempre più sensibilmente pericoloso, prima sfiorando il tris con Sbordone, e poi colpendo una clamorosa traversa con Maccioni (a sua volta subentrato a Kasai nel corso della ripresa) a Matosevic ormai battuto.
A 10′ dalla fine però l’inerzia della partita cambia nuovamente, proprio quando il Latina sembrava quasi in procinto di dilagare. Arriva il gol del pari di Calì, annullato però dall’arbitro. Al 40′ l’attaccante biancoceleste si ripete, ma stavolta è tutto valido e l’esultanza biancoceleste può esplodere. Allo scadere Matino rimedia la seconda ammonizione e viene espulso, con la Lazio che può così disputare in superiorità numerica i minuti di recupero. Ma il risultato non cambierà più, con la Lazio che può anche ritenersi soddisfatta per come erano andate le cose.

Fabio Belli

Continua a leggere
Pubblicità

Settore giovanile

PRIMAVERA PESCARA LAZIO I biancocelesti risorgono in Abruzzo

Pubblicato

in

Logo del campionato Primavera


PRIMAVERA PESCARA LAZIO Colpo esterno dei ragazzi di Menichini che vanno a prendersi i tre punti in Abruzzo in uno scontro diretto. Dopo due sconfitte consecutive finalmente gioia per i giovani biancocelesti.

PRIMAVERA PESCARA LAZIO Biancocelesti corsari a Pescara. I ragazzi di Menichini riescono a portare a casa i tre punti grazie ad un’ottima prestazione. 2-4 il risultato finale, in virtù della doppietta di Nimmermeer, all’autogol di Marafini e alla rete di Kalaj per le giovani aquile. Inutile per i padroni di casa la doppietta di Diambo. Grazie alla vittoria esterna la Lazio si porta fuori dalla zona retrocessione, a quota 20 punti. Prossima sfida l’insidiosa trasferta in casa dell’Empoli.

IL TABELLINO

PESCARA-LAZIO 2-4

Marcatore: 22′, 48′ Nimmermeer (L), 63′ aut. Marafini (P), 70′, 84′ Diambo (P), 81′ Kalaj (L).

PESCARA: Sorrentino, Martella, Diallo, Marafini, Manè, Quacquarelli (61′ Tringali), Camilleri (82′ De Marzo), Diambo, Mercado (82′ Tamboriello), Pavone, Blanuta (46′ Chiarella). A disp.: Galante, Chiacchia, Dumbravanu. All.: Antonio Di Battista

LAZIO: Alia, Armini, Cipriano, Kalaj, Falbo (76′ Ndrecka); Shoti (56′ Ricci), Bianchi, Bertini; Marino (76′ Czyz), Nimmermeer (68′ Zilli), Moro. A disp.: Furlanetto, Marocco, Kaziewicz, Russo, Shehu, Moschini. All.: Leonardo Menichini

CLASSIFICA

Atalanta 42
Cagliari 35
Inter 31
Juventus 27
Roma 27
Genoa 24
Empoli 23
Sampdoria 23
Torino 21
Sassuolo 20
Lazio 20
Bologna 19
Fiorentina 18
Pescara 15
Chievo 11

LEGGI LA CONFERENZA DI MISTER INZAGHI>>>CLICCA QUI

LASCIA UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

Continua a leggere

Articoli più letti