Seguici sui Social

Arabic AR Chinese (Simplified) ZH-CN English EN Italian IT Russian RU Spanish ES

Focus

Biancocelesti rigenerati, ora tocca a Pioli

Pubblicato

in



A dispetto della vista prima della sosta del campionato nel derby perso 2-0 contro i giallorossi questa tornata sul campo di Formello è una squadra diversa, completamente rigenerata nei suoi uomini migliori dopo gli incontri con le nazionali. I Lazionali hanno mostrato di essere in forma, riuscendo a mettere anche la firma in diversi incontri. Gli uomini di si sono resi protagonisti in queste due settimane lontani da casa. Il primo a timbrare il cartellino è stato Milinkovic-Savic che ha portato in vantaggio la sua Serbia Under 21 nel match poi pareggiato contro i pari grado azzurri; pareggio, tra l’altro, firmato dal compagno di squadra Danilo Cataldi: entrambi fuori nel derby e con la voglia di tornare subito tra i titolari per aiutare la squadra a superare il momento negativo. In gol anche Candreva in Belgio-Italia: il centrocampista di Tor di Cenci (voci di mercato – smentite da più parti – lo vedrebbero nel mirino dell’Inter) ha fin qui deluso, fornendo prestazioni al di sotto delle aspettative ma i sostenitori biancocelesti si aspettano ancora molto dall’azzurro. Come del resto ci si aspetta tanto da Felipe Anderson: nella nazionale olimpica brasiliana FA10 ha realizzato una splendida doppietta nell’incontro con gli USA. A differenza di Candreva, ha fatto abbastanza bene fino a questo momento, sta segnando con una certa continuità ed ha voglia di trascinare la squadra fuori dalla crisi. Anche l’argentino Lucas Biglia ha trascinato la sua nazionale al successo: la rete messa a segno dal Principito nella vittoria sulla Colombia ha permesso all’Albiceleste di conquistare il primo successo nelle qualificazioni ai Mondiali del 2018. Pioli sarà chiamato a sciogliere molte riserve. I suoi giocatori sono tornati alla base carichi al punto giusto per insinuare più di qualche dubbio nel tecnico biancoceleste. Biglia, Candreva, Cataldi, Felipe Anderson e Milinkovic-Savic, hanno mandato un segnale preciso all’allenatore: su di loro si può contare ad occhi chiusi. Cinque candidati, cinque nomi dai quali bisognerà ripartire per tornare al successo domenica prossima contro i rosanero dell’ex Ballardini ed evitare alla Lazio una crisi sempre più nera dalla quale sarebbe complicato tirarsi fuori.

 

Focus

LA NOSTRA STORIA Silvio Piola, il più grande in assoluto

Pubblicato

in

Silvio Piola leggendario bomber della Lazio e della Nazionale


A Robbio, un piccolo paese immerso nelle risaie pavesi, il 29 settembre del 1913 nasceva Silvio Piola. Da molti considerato il calciatore italiano più forte di tutti i tempi. Una leggenda del nostro calcio. In oltre ventiquattro anni di carriera con Pro Vercelli, Lazio, Torino, Juventus e Novara, ha realizzato 274 reti in Serie A. Un primato che dura dal 7 febbraio 1954.

Silvio Piola è ancora oggi il capocannoniere storico in Serie A della Pro Vercelli (51 reti), della (143) e del Novara (70). In Nazionale ha dato il meglio di sé portando gli azzurri di Vittorio Pozzo alla vittoria nel Campionato del Mondo di calcio di Francia del 1938. Segnò cinque reti in quattro partite, tra cui la doppietta in finale contro l’Ungheria. Figura al terzo posto tra i marcatori azzurri di sempre con 30 reti (dietro a Riva e Meazza). Il tutto soltanto in 34 partite in azzurro, con una media gol di 0,88 reti a partita.

Nel 1954 si è ritirato dal calcio giocato. Dopo un’esperienza come allenatore a Cagliari in B e a Piacenza, nel 1957, entrò in Federazione come talent scout e allenatore dei giovani. Ruolo che ricoprì fino al 1976 quando andò in pensione. Affetto dal morbo di Alzheimer morì il 3 ottobre 1996 pochi giorni dopo il suo ottantatreesimo compleanno.

SEGUICI ANCHE SU TWITTER

METTI MI PIACE SULLA NOSTRA NUOVA PAGINA FACEBOOK

Continua a leggere

Articoli più letti

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità
Copyright ©2015-2020 | TESTATA GIORNALISTICA NAZIONALE Reg. N°152/2015 - ROMA
Il sito e i suoi contenuti sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons eccetto dove specificato diversamente.