Seguici sui Social

News

FIFA 16 – Un laziale nella top 50 degli under 21 più promettenti

Pubblicato

in



Il Corriere dello Sport ha stilato la lista degli under 21 più promettenti del gioco. Nella lista tanti italiani e giocatori della serie A, ma soprattutto il nostro Keita con un potenziale di 86, considerando che il più forte è Messi con una valutazione generale di 94, l’abilità potenziale del laziale non è male. Ecco di seguito la lista dei 50 migliori giovani under 21 di Fifa 16.

1 – Youri Tielemans (Anderlecht, 18 anni, centrocampista): abilità 76, potenziale 90
2 – Memphis Depay (Manchester United, 21 anni, ala sinistra): abilità 81, potenziale 89
3 – Francisco “Paco” Alcacer (Valencia, 21 anni, attaccante): abilità 80, potenziale 88
4 – Raheem Sterling (Manchester City, 20 anni, esterno sinistro): abilità 82, potenziale 88
5 – Luke Shaw (Manchester United, 20 anni, terzino sinistro): abilità 77, potenziale 88
6 – Paulo Dybala (Juventus, 21 anni, punta): abilità 78, potenziale 88
7 – Daniele Rugani (Juventus, 21 anni, dif. centrale): abilità 78, potenziale 88

8 – Maximilian Meyer (Schalke 04, 19 anni, centrocampista off.): abilità 78, potenziale 88
9 – Niklas Sule (Hoffenheim, 19 anni, difensore centrale): abilità 78, potenziale 88
10 – Julian Brandt (Bayer Leverkusen, 19 anni, esterno sinistro): abilità 74, potenziale 88

11 – Riechedly Bazoer (Ajax, 18 anni, centrocampista centrale): abilità 75, potenziale 88
12 – Breel Donald Embolo (Basilea, 18 anni, punta): abilità 76, potenziale 88
13 – Gonçalo Guedes (Benfica, 18 anni, esterno sinistro): abilità 70, potenziale 88
14 – Ross Barkley (Everton, 21 anni, centrocampista offensivo): abilità 79, potenziale 87
15 – John Stones (Everton, 21 anni, difensore centrale): abilità 77, potenziale 87
16 – Kurt Zouma (Chelsea, 20 anni, difensore centrale): abilità 77, potenziale 87
17 – Kepa Arrizabalaga (Real Valladolid, 20 anni, portiere), abilità 74, potenziale 87
18 – Marquinhos (Psg, 21 anni, difensore centrale): abilità 81, potenziale 87
19 – Oliver Torres (Atletico Madrid, 20 anni, centrocampista off.): abilità 79, potenziale 87
20 – Alessio Romagnoli (Milan, 20 anni, dif. centrale): abilità 75, potenziale 87

21 – José Luis Gayà Pena (Valencia, 20 anni, terzino sinistro): abilità 80, potenziale 87
22 – Aymeric Laporte (Athletic Bilbao, 21 anni, difensore centrale): abilità 83, potenziale 87
23 – Hachim Mastour (Milan, 17 anni, centrocampista off.): abilità 67, potenziale 87
24 – Angel Correa (Atletico Madrid, 20 anni, punta): abilità 76, potenziale 87
25 – Alen Halilovic (Sporting Gijon, 19 anni, centrocampista): abilità 73, potenziale 87
26 – Marco Asensio (Espanyol, 19 anni, centrocampista  off.): abilità 75, potenziale 87
27 – Daniel Ceballos Fernandez (Betis Siviglia, 19 anni, esterno): abilità 73, potenziale 87
28 – Danilo (Valencia, 19 anni, centrocampista difensivo): abilità 78, potenziale 87
29 – Mateo Kovacic (Real Madrid, 21 anni, centrocampista): abilità 78, potenziale 86
30 – Jetro Willems (PSV, 21 anni, terzino sinistro): abilità 78, potenziale 86

31 – Luciano Vietto (Atletico Madrid, 21 anni, punta): abilità 79, potenziale 86
32 – Ryan Gauld (Sporting Lisbona, 19 anni, centrocampista off.): abilità 73, potenziale 86
33 – Adnan Januzaj (Borussia Dortmund, 20 anni, esterno): abilità 75, potenziale 86
34 – Fabio Henrique Tavares (Monaco, 21 anni, terzino destro): abilità 78, potenziale 86
35 – Chancel Mbemba (Newcastle United, 21 anni, difensore): abilità 77, potenziale 86
36 – Anthony Martial (Manchester United, 19 anni, punta): abilità 77, potenziale 86
37 – Levin Oztunali (Werder Brema, 19 anni, centrocampista off.): abilità 71, potenziale 86
38 – Nabil Bentaleb (Tottenham Hotspur, 20 anni, centrocampista): abilità 75, potenziale 86
39 – Divock Origi (Liverpool, 20 anni, attaccante centrale): abilità 76, potenziale 86
40 – Jonathan Tah (Bayer Leverkusen, 19 anni, difensore): abilità 73, potenziale 86

41 – Bartlomiej Dragowski (Jagiellonia, 18 anni, portiere): abilità 71, potenziale 86
42 – Tin Jedvaj (Bayer Leverkusen, 19 anni, difensore centrale): abilità 75, potenziale 86
43 – (Lazio, 20 anni, ala sinistra): abilità  76, potenziale 86
44 – José Maria Gimenez (Atletico Madrid, 20 anni, difensore): abilità 78, potenziale 86
45 – Vaclav Cerny (Ajax, 17 anni, ala sinistra): abilità 66, potenziale 86
46 – Corentin Tolisso (Lione, 21 anni, centrocampista  centrale): abilità 77, potenziale 86
47 – Bernardo Mota Carvalho e Silva (Monaco, 21 anni, esterno): abilità 79, potenziale 86
48 – Jairo Riedewald (Ajax, 18 anni, difensore centrale): abilità 75, potenziale 86
49 – Antonio Sanabria (S. Gijon, 19 anni, attaccante): abilità 73, potenziale 86
50 – Ruben Neves (Porto, 18 anni, centrocampista  difensivo): abilità 74, potenziale 86.

Non solo Lazio

Diletta Leotta, la verità sul legame tra lei e Ibrahimovic

Pubblicato

in

Diletta Leotta Ibrahimovic


Ecco le dichiarazioni della giornalista sportiva sul suo presunto flirt con il giocatore del Milan

Parla chiaro la giornalista sportiva più amata dal pubblico maschile sulle voci che la volevano coinvolta sentimentalmente con l’attaccante del Milan. In un’intervista che uscirà domani sul noto settimanale Chi, che la vede protagonista anche in copertina, la Leotta chiarisce finalmente la situazione. “Stare con un uomo impegnato è una cosa inaccettabile per i miei principi, con tutta la scelta che c’è nel mondo devi avere la lucidità di non metterti in situazioni sbagliate”.

La situazione sentimentale di Diletta Leotta

Adesso sono single. Sono sempre stata fidanzata, dovevo trovare il coraggio di ritagliarmi uno spazio per conoscermi nel profondo e fare scelte importanti, per riuscire a stare da sola sul divano a vedere un film senza dover rendere conto a nessuno”. Diletta commenta anche la fine del suo rapporto con Daniele Scardina: “Non rinnego niente, fra di noi c’è stato un amore profondo”.

Le scelte professionali : il passaggio a Dazn

Nell’ultima parte dell’intervista rilasciata a Chi la conduttrice di Dazn ricorda gli inizi professionali nell’ambiente del giornalismo sportivo come un periodo non semplice. “All’inizio non è stato facile, una collega mi aveva anche detto ‘ti hanno presa solo per le tette’, ma non ho certo lasciato Sky per questa ragione… Ho scelto di andare a Dazn perché era una nuova sfida e perché sentivo che il mercato della tv satellitare stava cambiando”.

Continua a leggere

Articoli più letti