Seguici sui Social

Arabic AR Chinese (Simplified) ZH-CN English EN Italian IT Russian RU Spanish ES

News

Rizzolo: “Pioli non è l’unico responsabile. Candreva e Biglia? Ecco cosa penso…”

Pubblicato

in



Ex attaccante biancoceleste ai tempi del ritorno in Serie A alla fine degli anni ottanta e ora allenatore  al fianco di Angelo Adamo Gregucci dell’Alessandria, seconda in classifica in Lega Pro, Antonio Rizzolo è rimasto un personaggio sempre vicino alle vicende biancocelesti. Forse perché quelli con la maglia della Lazio sono stati i primi gol in Serie A, forse perché in un attaccante proveniente dalla Primavera i tifosi si identificavano in quella che al momento era una fase di rinascita. Rizzolo è intervenuto sugli 88.100 di Elle Radio nella trasmissione “” condotta da Danilo Galdino e Vincenzo Oliva per fare il punto dopo il pari della squadra di Pioli contro il Palermo.

Quelli alla Lazio furono anni importanti, esaltanti,” spiega partendo dai suoi ricordi in biancoceleste Rizzolo, “l’anno che ricordo con grande affetto è quello del ritorno in Serie A. Ma la stagione dopo arrivarono i miei primi gol nella massima serie. Al Napoli e poi una doppietta al Verona in cui era proprio Pioli a marcarmi.

Il mister sembra al momento il capro espiatorio nella brutta situazione biancoceleste. Secondo Rizzolo: “Spesso purtroppo è l’ambiente di Roma ad essere un vero tritacarne, anche e soprattutto per i tecnici. A mio avviso Pioli è un allenatore di grande spessore che riesce a regalare grande equilibrio alla squadra. Purtroppo i risultati condizionano molto il giudizio della gente, ma a volte bisogna anche chiedersi se sia sempre e solo colpa del tecnico, o se ci sono altre motivazioni alla crisi. Giocatori che fino all’anno scorso facevano la differenza non stanno garantendo lo stesso rendimento ed i problemi si stanno moltiplicando. Si innescano meccanismi anche a livello mentale nei giocatori con i quali è difficile convivere. Candreva e Biglia non sono quelli dell’anno scorso e quando l’apporto di giocatori di tale spessore viene meno è difficile ritrovare la quadratura del cerchio. Al di là delle possibili dinamiche dello spogliatoio io sono sempre dell’idea che un giocatore che desidera essere ceduto va ceduto, ad ogni costo.

Sul mercato Rizzolo ha le idee chiare: “Ci si aspettava qualche operazione in più: andare avanti in Champions League significava soldi, prestigio e soprattutto entusiasmo per i calciatori. Un eventuale investimento sarebbe stato potenzialmente ripagato. Ora la società deve per forza di cose sostenere l’allenatore con tutta la convinzione possibile ed immaginabile. Ed i calciatori devono rispondere e fare i professionisti, al di là di quello che potevano aspettarsi in estate.

Fabio Belli

News

CORONAVIRUS Per l’Uefa è chiaro: bastano 13 giocatori

Pubblicato

in



CORONAVIRUS Per l’Uefa è chiaro – In questi giorni si sta parlando di una possibile sospensione della Serie A

CORONAVIRUS Per l’Uefa è chiaro – Dopo i 13 casi positivi riscontrati nella squadra del Genoa tra staff e calciatori, iniziavano a circolare delle voci su un possibile stop al campionato per evitare ulteriori casi. Ma, l’indicazione della Uefa era stata già scritta tempo fa, infatti la partita si può giocare se una squadra ha a disposizione almeno 13 calciatori di cui un portiere da poter schierare senza che siano contagiati. Quindi la partita tra Genoa-Torino non potrebbe essere rinviata perché la squadra genoana ha contagiati 10 calciatori, 3 in meno rispetto alla norma. Queste sono le regole europee, nella gioranta di oggi ci sarà comunque un confronto nel Consiglio di Lega.

Continua a leggere

Articoli più letti

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità
Copyright ©2015-2020 | TESTATA GIORNALISTICA NAZIONALE Reg. N°152/2015 - ROMA
Il sito e i suoi contenuti sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons eccetto dove specificato diversamente.