Seguici sui Social

News

SERIE A- ecco i risultati della 27esima giornata di campionato…

Pubblicato

il

PUBBLICITA

Una 27esima giornata di campionato partita con gli anticipi del sabato Empoli-Roma e Milan-Torino. La sfida del Castellani è terminata 1-3 con la Roma che grazie alle reti di Pjanic ed El Shaarawy si posiziona momentaneamente terza in classifica in attesa della sfida tra Fiorentina e Napoli. Nell’anticipo delle 20:45 il Milan ha sconfitto di misura la squadra di Ventura. Il risultato di 1-0 maturato grazie alla rete messa a segno al 44esimo del P.t. da Antonelli fa salire i rossoneri a quota 47 punti in campionato. Il lunch-match della domenica tra Palermo e Bologna è terminato 0-0. Pareggio tutto sommato giusto in una gara con poche emozioni. Il palermo sale a quota 27 mentre il Bologna conferma il suo momento di forma e sale così a 35 punti.

Ecco i risultati delle partite giocate alle ore 15:00: Carpi-Atalanta; Chievo-Genoa; Sampdoria-Frosinone; Udinese-Verona.

Carpi-Atalanta: 1-1

Dopo un primo tempo bloccato e con poche occasioni da entrambe le parti, la squadra di Edy Reja torna dagli spogliatoi e al 7 minuto del secondo tempo si porta in vantaggio. Sulla sinistra, D’Alessandro salta Letizia e mette in mezzo un gran pallone, che viene deviato in rete da Kurtic. Al 75esimo Borriello stende Poli in area e Calvarese fischia il rigore che Verdi realizza. Carpi ed Atalanta si dividono la posta in palio e salgono rispettivamente a 21 e 30 punti in classifica.

Chievo-Genoa: 1-0

Alla fine dei primi 45 minuti di gioco la partita si gioca su ritmi lenti, squadre imprecise e poche idee in campo. I più attivi sin da inizio gara sembrano essere Birsa e Cerci. Al 51esimo arriva il gol della squadra di casa. Castro recupera palla e serve Cacciatore, cross nel mezzo proprio per Castro che trafigge Perin. Il Chievo con questa vittoria sale a 34 punti scavalcando Torino ed Empoli sconfitte negli anticipi del sabato.

Sampdoria-Frosinone: 2-0

La squadra di Montella è entrata subito col piglio giusto in campo: tante occasioni e ricerca costante del gol del vantaggio che arriva al minuto 44 del primo tempo. De Silvestri crossa sul primo palo, Fernando trova la deviazione con Leali esente da colpe. Il secondo tempo è sulla falsa riga del primo e al 70esimo arriva il raddoppio grazie al tocco di Quagliarella, dopo un miracolo dell’estremo difensore del Frosinone. La Samp sale a quota 28 in campionato lasciandosi alle spalle il Palermo.

Udinese-Verona: 2-0 

Grande equilibrio nel primo tempo tra le due compagini, che però termina 1-0 per i friulani. Cross di Di Natale, palla che arriva a Badu, che in posizione sospetta di fuorigioco insacca di testa e vantaggio Udinese. Al 56esimo del secondo tempo sempre da un cross di Di Natale arriva il secondo gol della squadra di Colantuono. Thereau dopo essersi visto ribattuto da Gollini il primo tentativo, sulla respinta non sbaglia e riesce a trovare il gol del raddoppio. La squadra di Colantuono conquista i 3 punti e sale a quota 30 in classifica.


Pubblicità

News

Zaniolo, quando vincere il derby è l’unico modo per festeggiare

Pubblicato

il

Zaniolo

Zaniolo, al termine del 2-0 firmato Mkhitaryan-Pedro, si è lasciato andare ad uno dei suoi sfottò social contro i biancocelesti.

Ma Zaniolo forse non si è reso conto che, al di là del risultato finale, anche per la Roma c’era ben poco da essere felici. Lo 0-2 rimediato a casa Inter aveva infatti decretato che, il prossimo anno, i giallorossi (guidati dal neo eletto ottavo re di Roma Mourinho) saranno costretti a ripartire dall’anonimato della Conference League. In più c’è il primato cittadino, rimasto saldo nelle mani dei biancocelesti. I quali, c’è da sottolinearlo, hanno indubbiamente favorito il risultato avverso. Possono recriminare giusto per qualche occasione nel primo tempo, concessa dagli uomini di Fonseca troppo timorosi e sprecata malamente. Ma in generale – soprattutto dopo lo svantaggio – hanno dato l’impressione di essersi accontentati dell’Europa League centrata tre giorni prima col Parma. Un obiettivo minimo, alla luce delle aspettative (ben più alte) di inizio stagione. Alle quali, se avessero tenuto fede fino in fondo, probabilmente ora staremmo parlando di un risultato diverso. A Zaniolo & co cosa resta dunque? A parte il già citato approdo nell’Europa ‘minore delle minori’, c’è la ‘rivalsa’ per la brutta sconfitta dell’andata. Ben poco come consolazione, ma al talentino di quegli altri tanto basta. La sua felicità si è manifestata in tutto il suo fulgore sia, sugli spalti, da dove l’infortunio al ginocchio lo ha costretto a seguire la partita, che fuori. In una ‘storia’ pubblicata sul suo profilo Instagram, compare infatti una foto di una sua apparizione nella stracittadina e accanto la didascalia ‘Ciao belli’ e due pere (i due gol segnati). D’altronde, se la vittoria è di poco conto, il modo di festeggiarla non può non essere simile.

è morta “Mamma Enza” la mamma di tutti i Laziali

Continua a leggere

Articoli più letti