Seguici sui Social

Non solo Lazio

PUBBLICITA

MUSICA – La scomparsa di Jim Morrison

Avatar

Pubblicato

il

Dopo anni di successi, ma anche anni di vita sconvolti da alcool e droga, il 3 luglio 1971, appena ventisettenne, il front-man dei Doors, Jim Morrison, viene trovato morto nella vasca da bagno del suo appartamento di Parigi. La causa ufficiale della morte è attacco cardiaco ma potrebbe anche essere stata causata da un miscuglio di droghe ed alcool.

313811Icona sexy e rockstar incontrollabile negli ultimi tempi, ormai preda dei suoi vizi, litiga sempre più spesso con il resto della band e con la sua compagna. Nel 1969 l’episodio peggiore. Durante il concerto di Miami, al Dinner Key Auditorium, dopo un lungo tour europeo e soprattutto dopo il tutto esaurito al Madison Square Garden, però, Morrison esagera e il concerto degenera in una vera e propria sommossa: sebbene non ci siano prove il cantante viene accusato di aver mostrato i genitali al pubblico. Il 20 settembre del 1970 viene processato e condannato per atti contrari alla morale e bestemmia in luogo pubblico, ma non per ubriachezza molesta e oscenità. È l’inizio della fine. Dopo qualche mese dal triste episodio di Miami, mentre si trova su un volo diretto a Phoenix, si fa arrestare nuovamente per ubriachezza e condotta molesta. Doors electra publicity photoNel 1970 vede la luce uno dei migliori lavori dei Doors, “Morrison Hotel”, contenente la celebre “Roadhouse Blues”. Avrebbe potuto essere l’inizio di una sfolgorante carriera di bluesman per l’interprete di “The End”, genere assolutamente nelle sue corde ma non se ne rende conto più di tanto. Nel frattempo i Doors dal vivo non sono più quelli di prima. All’Isola di Wight, altro concerto leggendario, Jim inscena una delle sue peggiori performance, al termine della quale dichiara che quella sarebbe potuta essere la sua ultima esibizione. Tuttavia, questa arriva il 23 dicembre successivo, al Warehouse di New Orleans, quando il cantante dimostra di essere ormai arrivato alla fine della corsa: ubriaco, stravolto, completamente fuori giri e quasi sempre disteso sul palco. Nel 1971 Morrison si trasferisce a vivere a Parigi, con l’intento di dedicarsi alla poesia e di darsi una ripulita. Ad aprile il gruppo firma un altro lavoro interessante: “L.A. Woman”, contenente la celeberrima “Riders on the storm”. Jim Morrison 1Le cose sembrano poter migliorare ma il 3 luglio Jim Douglas Morrison muore, in circostanze mai chiarite, nella sua abitazione. Due giorni dopo, durante un funerale di otto minuti e alla sola presenza della compagna, dell’impresario Bill Siddons, giunto dall’America, e della regista e amica di Jim, Agnes Varda, viene sepolto nel Cimitero di Père-Lachaise. Forse la morte è stata generata veramente da un attacco cardiaco, come riportato nella versione ufficiale, causato dall’eccesso di alcool; forse una morte inscenata ad hoc per fuggire dalla CIA, incaricata di “fare fuori” tutti i miti della controcultura, i sovversivi come Morrison, Janis Joplin, Jimi Hendrix; o forse, date le sue frequentazioni parigine, una overdose di eroina pura, molte sono e restano le congetture fatte sulla sua morte.


Pubblicità

Non solo Lazio

I lazionali sul tetto del mondo

Da immobile a Correa passando per Acerbi, i lazionali sul tetto del mondo. Europei e Coppa America parlano Lazio

Avatar

Pubblicato

il

PicsArt 06 02 04.38.18
<

Da immobile a Correa passando per Acerbi, i lazionali sul tetto del mondo. Europei e Coppa America parlano Lazio

I lazionali fanno gioire i tifosi dei propri paesi e anche un pò la Lazio. Da Immobile ed Acerbi freschi vincitori degli Europei con la Nazionale italiana battendo l’Inghilterra ai calci di rigore a Correa vincitore della Coppa America con la sua Argentina che in finale ha battuto il Brasile. Se per Immobile è una rivalsa dopo le tante critiche, per lui 2 gol nella competizione.

immobile

Per Acerbi è un’affermazione a livello europeo, dove il pilastro della difesa biancoceleste ha mostrato le sue doti ai migliori attaccanti d’Europa.

acerbi

Discorso diverso per Correa, il suo futuro è in bilico e le sue prestazioni potrebbero aver convinto Sarri a tenerlo in squadra, oppure in ottica cessione hanno fatto schizzare il valore del suo cartellino.

correa

MILINKOVIC VUOLE RIMANERE A LUNGO

Continua a leggere

Non solo Lazio

L’ex Petkovic sbatte fuori la Francia, Svizzera ai quarti

La Svizzera ai quarti di Euro 2020, l’ex allenatore della Lazio, Petkovic sbatte fuori la compagine francese

Avatar

Pubblicato

il

lazionews derby 26 maggio petkovic lazio
<

La Svizzera ai quarti di Euro 2020, l’ex allenatore della Lazio, Petkovic sbatte fuori la compagine francese

La Svizzera ai quarti di Euro 2020 è una delle sorprese di questo Europeo. Dopo l’eliminazione dell’Olanda per mano della Repubblica Ceca, fuori agli ottavi ci va anche la favorita al titolo, la Francia. Una vecchia conoscenza del calcio italiano, l’ex allenatore della Lazio, Petkovic dopo aver vinto la finale derby di Coppa Italia, compie un altro miracolo sbattendo fuori prematuramente i campioni del mondo in carica della Francia. La Svizzera ha brillato e ha stupito tutti, poteva portarsi addirittura sul 2-0, ma l’errore dal dischetto di Rodriguez, ha cambiato l’inerzia della partita a favore dei “galli che hanno ribaltato il risultato sul 3-1. Petkovic indovina i cambi e la grinta svizzera viene ripagata pareggiando l’incontro e vincendo la gara ai calci di rigore. Decisivo l’errore dagli 11 metri della stella Mbappe, assoluta delusione di questo Europeo. La Svizzera ai quarti sfiderà la Spagna che con un rocambolesco 5-3 ha battuto la Croazia.

RIGORI FRANCIA SVIZZERA

BASIC ALLA LAZIO

Continua a leggere

Non solo Lazio

Italia Austria, Vettel : “Vincono gli azzurri, tripletta di Ciro”

Italia Austria scatena i pronostici, anche l’ex ferrarista Vettel dice la sua e pronostica una straripante vittoria azzurra con una tripletta di Ciro Immobile

Avatar

Pubblicato

il

111350191 3cbd7873 f4dc 44ef 8aae c776e54c6a2a
<

Italia Austria scatena i pronostici, anche l’ex ferrarista Vettel dice la sua e pronostica una straripante vittoria azzurra con una tripletta di Ciro Immobile

Meno 2 a Italia Austria. Cresce l’attesa ed aumentano i pronostici. Come riporta “Sky Sport Formula 1” il pilota tedesco ex Ferrari ed ora in forza con l’Aston Martin, Sebastian Vettel farà il tifo per gli azzurri. Vettel prevede un facile 3-0 per la Nazionale guidata da Mancini con una tripletta dell’attaccante della Lazio, Ciro Immobile. L’ex ferrarista è ancora molto legato al Bel Paese e ci auguriamo possa portare fortuna all’Italia e al nostro Cirogol.

VETTEL CANTA L’INNO DI MAMELI

UEFA, TOLTA LA REGOLADEI GOL IN TRASFERTA

Continua a leggere

Articoli più letti