Maradona bacchetta Higuain: “Ai miei tempi non sarebbe capitato”. Intanto oggi si è allenato a Formello…

A distanza di mesi il trasferimento di Gonzalo Higuain alla Juventus fa ancora discutere. A rimarcare l’errore de “El Pipita” ci ha pensato anche il già grande calciatore argentino della storia: Diego Armando Maradona. L’ex attaccante napoletano ha commentato così all’Espresso il caso Higuain: “Forse ai miei tempi non sarebbe capitato. Mi è dispiaciuto che Gonzalo sia andato in una rivale diretta come la Juve – dice Maradona – Ma non si può neanche dare la colpa solo a lui, i colpevoli sono sempre quelli che fanno gli affari. Agnelli mi corteggiava come potrebbe fare un innamorato con una donna. Mi chiamava continuamente promettendo cifre pazzesche. Mi disse che aveva offerto 100 miliardi a Ferlaino e di mettere io la cifra sul mio assegno. Gli risposi che non avrei mai potuto fare questo affronto ai napoletani perché io mi sentivo uno di loro, che non avrei mai potuto indossare in Italia altra maglia se non quella del Napoli. Infine un attacco alla finanza: “Non sarà la Finanza – conclude l’ex Pibe de Oro – a mettersi tra me e l’affetto della gente, specie dei napoletani“.

Intanto Maradona è entrato alle 19.40 in punto a Formello. Incredibile, l’ex Pibe de Oro si allenerà oggi e domani presso il centro sportivo biancoceleste per prepararsi alla “Partita della Pace“, in programma mercoledì allo Stadio Olimpico. Partita fortemente voluta da Papa Bergoglio. Ma perché proprio a Formello? Il motivo è presto spiegato: nessuna intenzione di allenarsi a Frigoria, nella settimana di Roma-Napoli per non fare uno sgarbo alla tifoseria partenopea. Maradona commenta la scarsa affluenza dell’Olimpico ha commentato in conferenza stampa: “È uno dei campi più belli nel quale ho giocato. Ho giocato a Wembley, in quello del Boca Juniors ma l’Olimpico è sempre molto bello. Mi dispiace un sacco vedere un Olimpico quasi vuoto ultimamente, quando io giocavo contro o la Roma o la Lazio era sempre pieno“.

Non mancheranno le stelle alla Partita per la Pace. Il fischio d’inizio sarà appunto il 12 ottobre alle 21:15, e l’evento avrà tra i partecipanti ex calciatori del calibro di Roberto Carlos, Gianluca Zambrotta, Antonio Di Natale, Claudio Lopez ed Hernan Crespo. Ma i più attesi saranno senza dubbio RonaldinhoMaradona.