Lazio-Genoa: curiosità, statistiche & analisi tecnica

Dopo aver fatto il punto sulla Lazio di Inzaghi, che domani pomeriggio (ore 15), allo Stadio Olimpico, giocherà contro il Genoa di Ivan Juric (CLICCA QUI), andiamo ad analizzare nel dettaglio proprio i prossimi avversari dei biancocelesti:

PRECEDENTI, STATISTICHE & ANALISI TECNICA –

  • Dopo aver perso otto incontri di fila in campionato contro il Genoa, la Lazio ha raccolto quattro punti nei due match della scorsa stagione, senza subire alcun gol (vittoria 2-0 in casa, pareggio a reti inviolate a Marassi).
  • Prima della vittoria della scorsa stagione, i biancocelesti non segnavano da tre incontri con il Grifone all’Olimpico in campionato.
  • Ci sono state cinque espulsioni nelle ultime cinque sfide tra queste due squadre in campionato (tre per la Lazio, due per il Genoa).
  • La Lazio non perde da sette giornate (4 vittorie, 3 pareggi): nessuna squadra vanta al momento una striscia di imbattibilità migliore in Serie A.
  • I laziali hanno raccolto 13 punti nelle ultime cinque partite interne in campionato.
  • Il Genoa non pareggia in trasferta da 13 partite di Serie A: quattro le vittorie, nove le sconfitte.
  • La Lazio è la squadra che ha mandato a segno più giocatori differenti in questo campionato (11).
  • Sette le reti di testa della Lazio, un primato nella Serie A 2016/17.
  • Quella biancoceleste è anche la formazione che ha vinto più contrasti, 198.
  • L’ex Ciro Immobile, autore di sette gol nelle ultime sei presenze in campionato, ha segnato tre gol negli ultimi due match di Serie A giocati contro il Genoa.
  • I due giocatori che hanno ricevuto più cartellini in questo campionato sono Stefan Radu (sei ammonizioni) e Miguel Veloso (cinque gialli e un rosso).

LA MINACCIA – La minaccia più grande per i biancocelesti è sicuramente lui “Pavoloso” alias Leonardo Pavoletti. Il bomber del Genoa è stato a lungo corteggiato dai biancocelesti questa estate. Poi purtroppo (o visto il grande campionato che sta facendo Immobile…) per fortuna nulla si è concretizzato. L’attaccante genoano è sicuramente un bomber di razza. Nella scorsa stagione, ha trascinato il Genoa a suon di gol rivelandosi una delle più grandi sorprese del campionato. Questo non gli valse l’attenzione dell’allora ct Conte per gli Europei in Francia, attirando su di lui però l’interesse di diverse grandi squadre, tra queste anche la Lazio. A causa di alcuni infortuni il suo inizio di campionato è stato un po’ con il freno a mano tirato, ma in 8 presenze ha saputo realizzare già 3 reti. Contro i capitolini, il centravanti livornese è ancora a secco di realizzazioni: nelle due occasioni in cui li ha incrociati infatti può vantare una vittoria e un pareggio, ma senza nessun gol. OCCHIO IN PORTA: da non trascurare una potenziale minaccia nelle retrovie chiamata Mattia Perin. Il portierato del Genoa si esalta spesso quando vede la Lazio sfidare la sua porta e guarda caso l’unica vittoria biancoceleste negli ultimi anni è arrivata proprio quando Perin non era in campo (causa infortunio) in quell’occasione giocò Lamanna.

COME SCENDERANNO IN CAMPO – Modulo votato all’attacco. Juric non è certo un tecnico che ama chiudersi e questo può essere un vantaggio per la Lazio, che può così sfruttare gli spazi lasciati inevitabilmente dai liguri. Contro la Lazio infatti i rossoblu dovrebbero schierarsi con il solito 3-4-3. A difendere la porta ci sarà Perin, con IzzoBurdisso e Orbàn a formare la linea a 3 a protezione del proprio portiere. Centrocampo sostanzioso, con Rincon e Veloso in cabina di regia e Laxalt ed Edenilson ad agire sulle corsie esterne. In avanti Ocampos e Rigoni supporteranno la punta centrale Pavoletti.

PROBABILE FORMAZIONEGenoa (3-4-3): Perin, Izzo, Burdisso, Orbàn; Edenilson, Veloso, Rincon, Laxalt; Ocampos, Pavoletti, Rigoni. A disp: Lamanna, Munoz, Gentiletti, Biraschi, Cofie, Lazovic, Ntcham, Ninkovic, Gakpé, Simeone, Pandev.  All. Ivan Juric

Diffidati: –
Squalificati:
Indisponibili: