Focus

Lucas Leiva, un vero leader per Simone Inzaghi


Lucas Leiva domattina sosterrà le visite mediche per la Lazio. Una volta terminate si sposterà ad Auronzo di Cadore per raggiungere i compagni. In Inghilterra lo hanno saluto sulle note di «You’ll never walk alone». Ieri i tifosi del Liverpool hanno lanciato anche l’hashtag “GoodLuckLucas”. Leiva è un nuovo giocatore della squadra biancoceleste. Il mediano questa sera arriverà a Fiumicino e domani mattina sarà in Paideia. Come riporta Il Tempo un affare da 5 milioni di euro. L’ex capitano e bandiera del Liverpool diventerà il giocatore più pagato della rosa con 2,5 milioni di euro per i prossimi quattro anni.

ACCONTENTATO SIMONE INZAGHI

Leiva è il profilo internazionale richiesto dal tecnico biancoceleste. Personalità e carattere. Non si tratta di un regista alla Biglia ma di un calciatore disciplinato tatticamente. Semplice nelle giocate e duro con gli avversari. La gamba non la toglie mai e questo gli è costato qualche brutto infortunio. Ad Anfield Road lo hanno amato per il temperamento di certo non per i gol. «Ne segno pochi ma ogni volta diventano indimenticabili», ha ammesso. Più quantità che qualità, in carriera ha agito anche da difensore centrale, caratteristiche funzionali per il progetto dell’allenatore piacentino.

LA FAMIGLIA

Sposato con Ariana, hanno due figli, Pedro Lucas (5 anni) e Valentina (3). Tra qualche settimana si trasferiranno in una villa all’Olgiata. Nato il 9 gennaio 1987, ha tirato i primi calci nel Dourados, Mato Grosso do Sul, famoso per il Pantanal, la più grande palude del mondo. Il neo centrocampista della Lazio non è il classico brasiliano tutta classe e fantasia. Lui è di un’altra pasta. Quello piuttosto era suo zio Leivinha, ala talentuosa del Brasile anni 70. Leiva è più europeo, forse per il cognome italiano di Mamma Tania (Pezzini).

IL LIVERPOOL

L’avventura al Liverpool è terminata dopo 326 partite tra campionato, Champions ed Europa League e competizioni nazionali. Dopo l’arrivo del tecnico Klopp lo spazio si è ristretto e ha deciso di cambiare aria. 31 presenze nella stagione 2016-2017.  L’ultima con il Leeds in coppa con il lutto nero al braccio per la tragedia della Chapecoense. Per anni è stato capitano del Liverpool. La fascia l’ha ereditata da un certo Steven Gerrard e l’ha portata al braccio con rispetto e professionalità.

MANIACO DEGLI ALLENAMENTI

Il giorno dei suoi 19 anni il papà si presentò a casa con un dolce per festeggiare ma Lucas non volle nemmeno spegnere le candeline. Il giorno dopo doveva giocare con il Brasile Under 20. Lo spagnolo Rafa Benitez lo ha trattato come un figlio. Lo ha lanciato a grandi livelli e per diverso tempo provò a portarlo al Napoli. «Leiva è il giocatore che tutti gli allenatori vorrebbero avere. Su di lui puoi contarci sempre, in qualsiasi momento. Puoi stare tranquillo che Lucas non ti tradirà mai», disse di lui. Simone Inzaghi è pronto ad abbracciarlo, la regia della Lazio si colora di verdeoro.

LEGGI LE PAROLE DELL’AD DEL MILAN FASSONE SU LOTITO

SEGUI LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

SEGUI IL NOSTRO PROFILO TWITTER