Giordano elogia Immobile: “Mi ricorda l’ex bomber della Roma”

SULLO STESSO ARGOMENTO

L’ex Bomber Laziale Bruno Giordano, ha parlato di Ciro Immobile e la Lazio. Più di una volta, si è rivisto in lui e ne elogia le doti. Inoltre crede che la squadra di Inzaghi possa qualificarsi per il quarto posto valevole per la Champions League.

Questa l’intervista completa di Giordano al Corriere della Sera:

PUBBLICITA

Chi è Ciro Immobile?

“Un grande attaccante, che conosco da sempre e mi ha colpito soprattutto nella scorsa stagione. Ha qualità che appartengono a pochi, ormai”.

Cos’è che le piace tanto di lui?

“Semplice: il suo modo di giocare. Dà sempre il massimo, corre dall’inizio alla fine, non si risparmia mai. Oggi i calciatori, soprattutto gli attaccanti, sono egoisti: pensano per sé, non lavorano per la squadra. Immobile no, lui fa il contrario. E’ un giocatore d’altri tempi, ecco”.

E chi le ricorda, fra i giocatori d’altri tempi?

“Graziani, per la generosità. Come Ciccio pressa, aggredisce gli avversari, fa giocare male i difensori. E adesso spesso sono questi ultimi a cominciare l’azione, a dirigere la manovra, non come trenta o quarant’anni fa quando erano quasi esclusivamente i centrocampisti a fare gioco. Eppure, nonostante tutto questo lavoro, Immobile – così come Graziani – conserva quasi sempre la lucidità in zona gol”.

Possiamo dire che, se avesse il piede di Giordano, Immobile sarebbe un fuoriclasse?

(ride, ndr) “A volte, in realtà, mi sono rivisto un po’ in lui, perché anche a me piaceva mettere pressione agli avversari e inseguire la palla in ogni zona del campo. Credo che la Lazio abbia avuto il grande merito di recuperarlo per il calcio italiano: sembrava lo avessimo perso, invece a Roma è rinato”.

Si è legato molto all’ambiente, ai tifosi.

“La gente si affeziona a chi dà l’anima, e sono sicuro che anche i compagni gli vogliono bene, perché uno così sa farsi amare da tutti. Senza niente togliere a nessuno, credo che in futuro possa diventare il capitano della Lazio. Ha anche lo spessore a livello nazionale e internazionale: gioca in azzurro, tutti speriamo che possa essere protagonista ai Mondiali”.

Non vede un difetto? C’è qualcosa in cui può migliorare?

“A volte corre il rischio di esagerare, invece Ciro deve stare attento a non farsi prendere dalla voglia di strafare, bisogna che conservi un po’ di energie”.

Ha cominciato la stagione in modo eccezionale: sette gol tra Lazio e nazionale: può vincere la classifica dei cannonieri?

“Ha le potenzialità per riuscirci, anche se non sarà facile. La concorrenza è fortissima: penso a Higuain, ora anche a Dybala, a Icardi, e poi a Dzeko, Mertens, Belotti… Ci sono tanti attaccanti d’alto livello ora in serie A, sarà una lotta davvero impegnativa, però Immobile è in grado di batterli tutti. Tanto più che quest’anno calcia anche i rigori mentre nella scorsa stagione Biglia e Keita gliene toglievano qualcuno. Certo in questa sfida conterà molto la squadra”.

A proposito: come le sembra questa Lazio?

“È partita molto bene, è sicuramente forte, contro il Milan ha giocato una grande partita: mi ha impressionato. Il fatto è che quest’anno dovrà disputare anche l’Europa League e potrebbe incontrare qualche problema a lungo andare a causa del doppio impegno. Nella scorsa stagione non aveva questa competizione in più, non c’erano le coppe, e Inzaghi è stato bravissimo a gestire la squadra. Stavolta il suo lavoro sarà ancora più complicato”.

Dove può arrivare la Lazio in campionato?

“Se riesce a fare un’impresa, al quarto posto. Qualificarsi per la Champions quest’anno, con tanti impegni importanti e tante avversarie d’alto livello, sarebbe straordinario”.

LEGGI ANCHE L’INTERVISTA A TOMMASO PARADISO (THEGIORNALISTI)

VITESSE LAZIO VERSO IL TUTTO ESAURITO

SEGUI IL NOSTRO PROFILO TWITTER

 

Leggi anche

Lazio News

Classifica

Ultima Partita

Prossima Partita