Seguici sui Social

Non solo Lazio

Scuola, al via dal prossimo anno il “liceo breve”: ecco di cosa si tratta

Avatar

Pubblicato

il

News di cronaca notizie
PUBBLICITA

Scuola, al via dal prossimo anno la sperimentazione del 0;liceo breve“: ecco di cosa si tratta.

Diplomarsi 4 anni anziché in 5? Adesso si può. Partirà infatti dal prossimo anno la sperimentazione del “liceo breve“, varata dal Ministero della Pubblica istruzione. 100 gli istituti superiori di tutta Italia interessati, che attiveranno in una sola classe un percorso di studi quadriennale. Si tratta di 75 indirizzi liceali e 25 indirizzi tecnici, di cui 73 statali e 27 paritari, così distribuiti: 44 al , 23 al Centro, 33 al Sud. A Roma (la città con il maggior numero di partecipazioni) saranno (di cui quattro paritarie) le scuole che avvieranno la sperimentazione negli indirizzi Scientifico, Linguistico e Scienze umane. Si tratta dell’Istituto Giovanni XXIII, il Tommaso Salvini e dei paritari “Highlands institute”, Visconti, Seraphivum e Sisto Vecchio. 7 invece gli istituti interessati nel resto del Lazio.

QUANDO ISCRIVERSI

L’avvio dei percorsi è previsto per l’anno scolastico 2018/2019. Sarà possibile iscriversi a partire dal prossimo 16 gennaio, in concomitanza con l’avvio delle procedure per i percorsi ordinari. In Italia il “liceo breve” è già in 12 istituti che hanno presentato richiesta negli anni scorsi al Ministero. Il bando emanato lo scorso ottobre ha però permesso di superare questa logica, aprendo a una sperimentazione con criteri comuni di selezione, basati sulla qualità dei percorsi e l’innovazione didattica, e con obiettivi nazionali di valutazione che, tramite dati e informazioni approfonditi, alla fine del percorso sperimentale, consentiranno di fare scelte appropriate.

LE PAROLE DELLA MINISTRA FEDELI

Resteranno invariati gli obiettivi formativi: le scuole partecipanti dovranno comunque far raggiungere agli le competenze e gli obiettivi specifici di apprendimento previsti per il quinto anno di corso, dichiarati dalle indicazioni nazionali e dalle linee . «I percorsi quadriennali non nascono oggi, sono il frutto di un dibattito che va avanti da tempo e di una riforma scritta nel 2000 quando era ministro Luigi Berlinguer – sottolinea la Ministra dell’Istruzione, Valeria FedeliQuella riforma non è mai stata attuata, ma nel 2013 una commissione istituita dal ministro Francesco Profumo ha ripreso il tema dei percorsi quadriennali. Successivamente la ministra Maria Chiara Carrozza ha dato il via libera alle prime sperimentazioni».

«Con il bando emanato a ottobre abbiamo deciso di imprimere una svolta. Di consentire una sperimentazione su grandi numeri, con una maggiore diffusione territoriale, nell’ottica di dare pari opportunità alle ragazze e ai ragazzi di tutto il Paese, e una maggiore varietà di indirizzi di studio coinvolti. Tutto questo per fare in modo che – conclude la Fedeli – alla fine del quadriennio, si abbiano esperienze misurabili e valutabili davvero, secondo parametri condivisi e lavorando attraverso comitati scientifici nazionali e territoriali. Si avranno dossier approfonditi su cui poi tutti gli attori coinvolti potranno aprire il dibattito sul destino dei percorsi quadriennali».

100 le scuole interessate, dicevamo. E altre 92 potrebbero aggiungersi, dopo che il Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione si sarà pronunciato su un decreto di ampliamento del numero delle sperimentazioni, in base alla rispondenza di questi 92 progetti ai criteri e ai requisiti previsti dall’avviso di ottobre, per favorire un’alta qualità della progettazione e consentire una ancor maggiore diffusione territoriale e varietà di indirizzi coinvolti. Il via libera dovrebbe arrivare nel mese di gennaio, in modo che tutte le sperimentazioni possano partire nell’anno scolastico 2018/2019.

SEGUICI ANCHE SU TWITTER


Pubblicità

Primo Piano

L’Italia batte la Turchia ed Immobile cita Lino Banfi

Un inizio straripante per gli azzurri di Mancini dove ha brillato anche la stella biancoceleste Immobile. Lo stesso Immobile cita Lino Banfi dopo il gol, scopriamo il perché

Avatar

Pubblicato

il

Immobile gol

Un inizio straripante per gli azzurri di Mancini dove ha brillato anche la stella biancoceleste . Lo stesso Immobile cita Lino Banfi dopo il gol, scopriamo il perché

L’Italia se la canta e se la suona, 3-0 senza storia alla Turchia. segno vanno un autogol di Demiral su tiro-cross di Berardi, Insigne su assist di e lo stesso Immobile con un tap-in sottoporta.

immobile
Immobile

Dopo il gol Immobile cita Lino Banfi e ai microfoni della Rai a fine partita spiega il perché. “Ci è arrivato un messaggio da Lino Banfi che ci chiedeva di gridare porca puttena”. Gol e promessa mantenuta da Immobile che inoltre si è dichiarato entusiasta della prestazione azzurra e ha voluto dichiarare il gol al presente allo stadio.

Banfi
Lino Banfi

DEFINITO LO STAFF DI SARRI

Continua a leggere

Non solo Lazio

Foden come Gazza, che look per gli Europei

Il baby talento del Manchester City si è ispirato ad una vecchia conoscenza della Lazio. Foden come Gazza, almeno sul look, in campo ricorderà Gascoigne?

Avatar

Pubblicato

il


Il baby talento del Manchester si è ispirato ad una vecchia conoscenza della Lazio. Foden come Gazza, almeno sul look, in campo ricorderà Gascoigne?

Giovane, talentuoso, esuberante, Foden come Gazza. Il baby talento del Manchester City allenato da Pep Guardiola si è ispirato per il suo nuovo taglio di capelli ad una vecchia conoscenza della Lazio, Gascoigne. Foden come Gazza agli Europei del 1996. Quando la stella inglese si è presentata in campo con un look biondo platino.

Gascoigne 1996 inghilterra
Gascoigne 1996

Foden ha quindi scatenato paragoni inevitabili. I tifosi inglesi si augurano che oltre che con il look Foden possa replicare le giocate di Gascoigne che in quell’anno portò L’Inghilterra fino alle semifinali realizzando nella competizione 1 gol su azione e decidendo ai rigori i quarti contro la . Foden si è detto onorato del paragone e non gli dispiacerebbe essere chiamato “Stockport Gazza”, dal nome della sua natale.

foden
Foden e Guardiola

SKY DAZN MURDOCH RIFIUTA

Continua a leggere

Non solo Lazio

Europei, Nesta e Totti daranno il via alla cerimonia d’apertura

Europei, questa sera allo Stadio Olimpico si svolgerà la prima partita. Prima dell’incontro tra Italia e Turchia ci sarà la cerimonia d’apertura con 2 ospiti speciali, Nesta e Totti.

Avatar

Pubblicato

il


, questa sera allo Stadio Olimpico si svolgerà la partita. Prima dell’ tra Italia e Turchia ci sarà la cerimonia d’apertura con 2 ospiti speciali, Nesta e Totti.

Il grande giorno è arrivato, iniziano gli Europei di calcio. Si parte subito con la nostra Nazionale che sfiderà sul prato dell‘Olimpico la Turchia. Prima dell’incontro ci sarà la solita cerimonia d’apertura. 2 ospiti speciali per l’evento Nesta e Totti. Le 2 bandiere di Lazio e Roma lanceranno un pallone in aria e sopra la testa dei 16000 presenti allo stadio, come per magia sorvoleranno l’Olimpico, le frecce tricolori. Per Nesta e Totti calpestare l’erba di Roma sarà un ritorno al passato che gli ricorderà le mille battaglie nei derby, ma anche le gioie condivise in Nazionale.

Nesta e Totti
Nesta e Totti

SARRI SUL MURALES DEDICATO A MOURINHO

Continua a leggere

Articoli più letti