Lazio quanti ricordi per Tassotti: “Batti la Dynamo. Nel 2012 stavo per allenare…”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Lazio quanti ricordi per Tassotti che giocò con la Lazio per ben due anni, passando poi al Milan. Però è rimasto legatissimo alla Lazio

Lazio quanti ricordi per Tassotti. Mauro sente ancora nostalgia di Lazio, gli è rimasta nel cuore e ha lasciato un’intervista al Corriere dello Sport parlando della partita di questa sera e della sua esperienza in biancoceleste

PUBBLICITA

Dynamo Lazio:“La Dynamo è leggermente inferiore, ha venduto Yarmolenko, in questo momento il miglior giocatore ucraino, al Borussia Dortmund e il croato Vida al Besiktas. Il risultato di andata dà qualche speranza ai padroni di casa, per la Lazio è una partita un po’ complicata. La Lazio dovrà fare una partita vera per passare. La Dynamo in casa ha tradizione, valori. Ha qualche giocatore di buon livello. La Lazio dovrà giocare da Lazio, in casa ci è riuscita a metà. Si deve alzare il tipo di prestazione. Lo capisco, non è facile riuscirci giocando e rigiocando. L’importante è che non nevichi, il campo diventerebbe pesante e in questo caso sarebbe agevolata la squadra che dovrà difendere. Tsygankov, l’ala che ha segnato a Roma, è un ragazzo del ’97, è nel giro della Nazionale da circa un anno. Ha talento ma ha anche bisogno di giocare questo tipo di partite, formano la crescita. Lui, come altri talenti ucraini, ne dovrebbe giocare almeno 30 l’anno. Il rischio è che ne giochi troppo poche”.

Allenare la Lazio: “Nel 2012 quasi Reja di dimise feci quattro chiacchiere con Lotito. Eravamo a metà stagione, era un momento un po’ particolare. Con il Milan stavamo affrontando i turni di Champions. Ho pensato alla possibilità di allenare la Lazio, non so se quella di Lotito fu una telefonata di esplorazione o concreta. Mi fece piacere l’interesse, un pensiero l’ho fatto”.

I RICORDI ALLA LAZIO

“Sono tanti i ricordi legati alla Lazio, sicuramente l’esordio. Ci sono arrivati quasi all’improvviso, senza essere preparato. Mi sono ritrovato in campo con la prima squadra, per qualche infortunio. Giocai ad Ascoli e poi il derby: fu la prima volta all’Olimpico. Presi anche un palo, cosa rara, finì 0-0. In difesa giocavo da secondo marcatore, avevo il numero 2, il centrale era Manfredonia. In primavera da difensore centrale. Mi fece esordire Lovati e il secondo era Clagluna. Vittoria di Coppa Italia? Le vittorie giovanili equivalgono agli scudetti delle prime squadre, erano difficili da raggiungere. Fu davvero uno scudetto, vincemmo partite importanti”.

“Ricordo le sfide con la Fiorentina, era considerata all’avanguardia per i giovani. Era sempre in testa alle classifiche. La finale fu doppia, la giocammo contro l’Inter. Un bel momento. Alla Lazio Lovati aveva un bel rapporto con tutti, era un uomo di società, allenava con un’immagine paterna. Io avevo 18 anni, erano i 15-16 anni di oggi, ero veramente un ragazzino. La prima volta andai in panchina, c’era posto solo per due giocatori, per il 13 e il 14. Ero seduto accanto a Sergio Clerici. Ebbi un approccio molto timido, c’era un rapporto diverso tra i ragazzi e giocatori di prima squadra. Non li vedevi quasi mai, noi Primavera eravamo quasi nascosti”.

SEGUICI SU FACEBOOK

LEGGI LE PAROLE DI CRISTIANO SANDRI

 

Leggi anche

Lazio News

Classifica

Ultima Partita

Prossima Partita