Rocchi sul derby di Roma e il Var: “Ne ho arbitrati quattro senza, li vivevo così”

Il numero uno degli arbitri Rocchi sul derby di Roma e il Var ricorda alcune esperienze da direttore di gara.

Interviene il numero uno degli arbitri Gianluca Rocchi sul derby di Roma e il Var. Tecnologia che non manca mai di far storcere il naso e suscitare polemiche, figuriamoci in una sfida sentita come la stracittadina. Intervistato da ‘La Repubblica’, Rocchi dice la sua, ricordando alcune esperienze da direttore di gara: “Questo strumento è un vantaggio, aiuta a correggere gli errori. Se lo vedi come un muro, lo usi male. Nei raduni ci diciamo sempre che il Var non deve essere amico dell’arbitro: se gli vuoi bene, rischi inconsciamente di non volergli far fare una figuraccia e non correggi un errore che potrebbe salvargli la partita. Dopo aver preso la decisione, il direttore di gara deve aprire la mente e chiedersi: ho sbagliato? Se no rischi di convincere il tuo collega al Var che hai ragione tu e lo porti in errore“.

Ho fatto quattro derby di Roma col cappio al collo, stavo tre notti sveglio: prima, durante e dopo. Gli ultimi due invece, col Var, me li sono goduti. Non c’è arbitro che possa essere contrario”.

LEGGI ANCHE IL VERDETTO SULLA SQUALIFICA EUROPEA DI CORREA

SEGUICI ANCHE SU LA CRONACA DI ROMA