Seguici sui Social

Focus

LA NOSTRA STORIA Il difensore Alfredo Monza

Pubblicato

in

Rubrica la nostra storia di Laziochannel


LA NOSTRA STORIA Alfredo Monza nasce a Busto Arsizio il 12 agosto 1912. Calcisticamente cresce nelle giovanili della Pro Patria, dove compie tutta la trafila fino all’esordio in Serie A nella stagione 1929/30.

Dalla stagione 1933/34 viene ceduto al Livorno sempre in A dove resta per due stagioni. Durante la sua permanenza in Toscana arriva l’esordio in Nazionale B l’11 novembre 1934 a Genova contro l’Austria B (8-1). Monza arriva alla Lazio nella stagione 1935/36. Si fa subito notare come terzino sinistro arcigno e invalicabile. Alla Lazio colleziona un’altra presenza nella Nazionale. Nel campionato di guerra 1943/44 si trova militare al nord dove veste la maglia di Cremonese e Pro Patria.

Terminata la carriera agonistica nel 1947 diventa allenatore. Nella stagione 1953/54 guida L’Aquila. Nel 1957 è a Pescara. Alla fine del campionato passa alla Lazio con Dino Canestri. Con i soldi guadagnati durante la carriera investe nell’acquisto di due pensioni vicino via Nazionale. Ogni domenica è allo stadio e non disdegna neanche le trasferte. Molto amico di Luciano Re Cecconi non crede ai suoi occhi nel vedere la Lazio di Maestrelli lottare per i vertici del campionato.

Il 12 maggio 1974 la Lazio si era laureata Campione d’Italia per la prima volta. Monza poteva quindi recarsi in trasferta a Bologna, prima partita dell’anno che seguiva fuori casa, come aveva promesso agli amici. Come un tifoso normale si era accomodato in uno dei numerosi pullman che portarono oltre 10.000 tifosi in Emilia per festeggiare lo Scudetto. Ma la sorte, beffarda, lo aspettava al ritorno, quando vicino a Magliano Sabina, sull’Autostrada del Sole, il suo pullman tamponava un TIR.

Erano passate da poco le 2 di notte e il pullman con ventidue tifosi a bordo si andava a incastrare nel rimorchio dell’autotreno. Monza, in condizioni disperate, fu trasportato all’ospedale di Monterotondo dove all’alba spirava. Con lui morivano Franco Pelliccetti, 45 anni, autista del pullman, ed Emilio Corona, 64 anni, titolare di un negozio di barbiere a via Isonzo. Altri dieci tifosi furono ricoverati in condizioni gravi in nosocomi vicini al luogo dell’incidente. Monza è deceduto a Monterotondo il 20 maggio 1974.

LASCIA UN ‘LIKE’ ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

DIVENTA UN NOSTRO FOLLOWER ANCHE SU TWITTER

Focus

LA NOSTRA STORIA – Gabriele Sandri: “Meravigliosa Creatura”

Pubblicato

in

Gabriele Sandri detto Gabbo tifoso laziale assassinato


Oggi, 23 settembre, ricorre la nascita di Gabriele Sandri. Il ventiseienne tifoso della Lazio scomparso prematuramente per mano di Luigi Spaccarotella.

Agente della Polizia stradale che l’11 novembre del 2007 nell’area di servizio di Badia al Pino esplose dei colpi di pistola verso un’auto di tifosi biancocelesti. Gabriele Sandri si stava recando, in compagnia di amici, a Milano per assistere a Inter-Lazio. Gabbo, questo il suo soprannome, è rimasto nel cuore di tutti i sostenitori biancocelesti. Fratelli di stadio che lo ricordano sempre con immenso affetto e commozione.

SEGUICI ANCHE SU GOOGLE EDICOLA, TWITTER E FACEBOOK

LACRONACADIROMA.IT – SEGUI ANCHE LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

Continua a leggere

Articoli più letti