Seguici sui Social

Arabic AR Chinese (Simplified) ZH-CN English EN French FR Italian IT Russian RU Spanish ES

Articolo copertina

RENNES LAZIO LE PAGELLE – Siamo fuori dall’Europa ma non da stasera

Pubblicato

in



Rennes Lazio le pagelle: l’ultima partita del girone di certifica l’uscita dei biancocelesti. Si deve recriminare non per stasera ma per la gestione del cammino europeo.

Lazio (3-5-2):

Proto 6 – Non può nulla sul primo gol dei francesi, evita due volte il gol del raddoppio degli avversari che comunque arriva nel finale di gara.

Bastos 5,5 – Non la solita prova di forza dell’angolano: anche per lui pochi stimoli.

Vavro 5 – Confusionario, sempre in difficolà, non vince mai un duello fisico nonostante la stazza.

Acerbi 5,5 – Sul primo gol francese non è stato impeccabile. Distratto

Lazzari 5 – Spaesato anche lui stasera, si fa uccellare sul secondo gol del Rennes sbagliando ad intercettare il passaggio dei francesi che vanno al tiro e sulla respinta di Proto segnano.

Parolo 5,5 – Suo il primo tiro della Lazio all’85’ che non trova nemmeno lo specchio della porta, segno della serata nera della squadra.

Cataldi 5,5 – Tantissimi i palloni sbagliati dal regista della Lazio: serata no anche per lui.

Luis Alberto 5,5 – Gioca da titolare questa partita di Europa League ma il mood era chiaro sin dall’inizio: lui come tutta la squadra non credevano nell’impresa. Non illumina come ci si aspetta da lui. Al 60′ Berisha Non incide: la sua avventura con la Lazio è sempre più ai titoli di coda.

Jony 5 – L’interpretazione difensiva di questo giocatore non è sufficiente e soprattutto non a livello di una squadra terza in classifica in Serie A. Al 74′ Falbo 6 – Il classe 2000 prova l’emozione dell’esordio purtroppo con una sconfitta: nel finale sventa la possibilità del terzo gol francese prendendo posizione in area.

5,5 – Praticamente mai servito, non ha palloni buoni per incidere. lo preserva per Cagliari e lo fa uscire anzitempo. Al 67′ Adekanye S.V. – Praticamente inoperoso.

Caicedo 5 – Stasera la pantera ha sofferto anche i duelli fisici: non c’era proprio mentalmente.

Inzaghi 5 – Il voto ricalca le scelte del mister in questo girone di Europa League: lui e la sua Lazio non hanno mai creduto nella competizione. L’obiettivo dichiarato è la qualificazione Champions: Simone forse si è reso conto che la rosa non è sufficienteper le 3 competizioni?

Pubblicità

Articolo copertina

LAZIO FORMELLO – Seduta in piena emergenza in vista del Torino

Pubblicato

in



LAZIO FORMELLO – Prosegue, in casa biancoceleste, l’emergenza (Covid e non solo) in vista del match contro il Torino, in programma domenica alle 15.00

LAZIO FORMELLO – Oggi la squadra si è ritrovata agli ordini di Simone per sostenere il primo allenamento in vista della sfida contro il Torino. Se il tecnico biancoceleste, in occasione della trasferta di Bruges, aveva gli uomini contati, adesso per lui le cose si complicano ulteriormente. Rispetto al match di Champions, infatti, a Formello non si sono visti neanche Patric, Fares e Akpa-Akpro. Lo spagnolo ha lasciato il campo mercoledì dopo aver accusato conati di vomito. Da valutare le condizioni dell’ex Spal, mentre l’ivoriano è partito per la Francia per ragioni legate al passaporto e dovrebbe essere dunque disponibile domenica. Questa mattina, prima dell’allenamento, nuovo giro di tamponi per squadra e staff. Alla seduta odierna, oltre a Reina e Alia che hanno lavorato a parte, si sono visti 11 giocatori di movimento: Hoedt, Acerbi, Vavro, Parolo, Marusic, Milinkovic, Correa, Pereira, Caicedo, Muriqi e Lulic. Il bosniaco, al momento fuori dalla lista del campionato, si è rivisto in campo per una parte dell’allenamento (lavoro propriocettivo, corsa tra gli ostacoli, crossi, tiri e allunghi).

GLI ASSENTI

Tra infortunati e possibili casi di positività al Covid-19, è lunga la lista degli assenti: oltre ai sopracitati Patric, Fares e Akpa-Akpro (assenza legata al passaporto), anche , Cataldi, Strakosha, Lazzari, Djavan Anderson, Luis Alberto, Luiz Felipe, Leiva, Escalante, Armini e Radu. Per gli ultimi due si tratta di problemi muscolari. Il romeno, che sta recuperando dallo stiramento rimediato contro l’Inter, si è rivisto oggi in campo solo per una corsetta blanda. Piena emergenza dunque a due giorni dalla sfida contro i granata. Inzaghi è alle prese con dei dubbi anche relativi al modulo. Se Fares non dovesse recuperare, infatti, il tecnico potrebbe cambiare assetto come nel secondo tempo di Bruges. Tra le ipotesi, un 4-3-1-2 con Marusic (che non ha svolto l’intera seduta) e Acerbi nelle vesti di terzini, Hoedt e Vavro centrali difensivi. Parolo in regia con Milinkovic e Pereira mezzali. Coppia d’attacco, supportata da Correa, composta da Caicedo e Muriqi. Domani, prima della partenza per Torino, scatteranno le prove tattiche.

 

Continua a leggere

Articoli più letti