Seguici sui Social

Arabic AR Chinese (Simplified) ZH-CN English EN French FR Italian IT Russian RU Spanish ES

Articolo copertina

SAMPDORIA LAZIO Probabili formazioni – Inzaghi tra assenze e Champions

Pubblicato

in

Luis Alberto sempre più mago


– Le ultime dai ritiri delle due squadre, in campo questo pomeriggio (ore 18, diretta tv Sky Sport 253) a ‘Marassi’.

SAMPDORIA LAZIO Probabili formazioni – Allo stadio di Genova va in scena, per i biancocelesti, la prima tappa di un mini tour de force: martedì, tre giorni dopo, all’Olimpico arriverà infatti il Borussia Dortmund, per l’esordio nei gironi di Champions. Tempi strettissimi dunque per Inzaghi, che deve fare i conti anche con le assenze. A partire dalla difesa, dove si registrano gli out di Radu, Bastos (fuori lista per infortunio) e Luiz Felipe (ancora in recupero). Prenota un posto da titolare dunque Vavro, reduce dai minuti da titolare in Nazionale. In vantaggio su di lui c’è però Parolo, provato tutta la settimana come centrale difensivo. Non si esclude però un impiego come esterno destro nel centrocampo, ruolo in cui l’ex Cesena è stato impiegato nell’ultima seduta. In questo caso, Hoedt lo sostituirebbe dietro sul centrosinistra, con Acerbi che verrebbe ridirottato al centro. Sulle fasce sono invece fuori uso Marusic (distorsione) e Lazzari (infortunatosi in Nazionale). Inzaghi potrebbe dunque conservare Fares per la Champions e puntare dal 1′ su Djavan Anderson. Per il resto nessuna novità, i nomi saranno i soliti del centrocampo biancoceleste. Davanti infine ci sarà a sorpresa il recuperato Caicedo. L’ecuadoregno dovrebbe agire in tandem con Correa, con Muriqi che partirà invece dalla panchina.

PROBABILI FORMAZIONI

SAMPDORIA (4-4-2): Audero, Bereszynsky, Tonelli, Colley, Augello, Candreva, Verre, Ekdal, Thorsby, Ramirez, Quagliarella All. Ranieri

LAZIO (3-5-2): Strakosha, Patric, Acerbi, Hoedt, Parolo, Milinkovic, Leiva, Luis Alberto, Djavan Anderson, Correa, Caicedo All. Inzaghi

Pubblicità

Articolo copertina

Champions Lazio – Contro il Bruges un pareggio che vale oro. Le pagelle

Pubblicato

in



 Una grande Lazio riesce a trovare un pareggio che vale oro viste le assenze di più di mezza squadra causa tamponi Covid.

  • Reina 7 – 70esima presenza europea per il portiere spagnolo. Spiazzato sul rigore, salva il risultato al 50′ con un intervento coi piedi che devia la palla in corner. Ancora protagonista al 64′ con un colpo di reni che evita il due a uno.
  • Patric 5 – Per un motivo o per un altro, ormai è sempre titolare. Due errori nel primo tempo: al primo gli dice bene, mentre la trattenuta che regala il rigore al Bruges è da matita rossa. Dal 46′ Pereira 5  – Un tempo per mettersi in mostra ma fatica a trovare la giusta visibilità. I piedi sono buoni, deve solo trovare la sintonia con i compagni.  A cinque minuti dalla fine poteva calciare subito anziché attendere. Errore grave.
  • Hoedt 6 – Al centro della difesa a tre, fa della scivolata il suo punto di forza. Al 44′ regala un giallo evitabilissimo. Nella ripresa nessun danno particolare.
  • Acerbi 6,5 – Sempre il migliore per distacco. Bisognerebbe fargli un monumento.
  • Marusic 6,5 – Molto bene in fase difensiva, ha un ottimo senso tattico e lotta fino alla fine.
  • Milinkovic 6,5 – Ritorna dopo l’assenza contro il Bologna e gioca una gara molto diligente. Nella ripresa è lui l’anima della Lazio, quella che non molla mai. Al 77′ sfiora il due a uno con un tocco di piatto che per poco non batte Mignolet.
  • Parolo 6,5 – Al posto di Lucas Leiva, torna nel suo ruolo naturale. Nonostante l’età si dimostra ancora molto utile. Nella ripresa gioca come difensore destro.
  • Akpa Akpro 6,5 – Grinta e personalità. Uno dei migliori del match. Fares 6 – Le giocate del giocatore laziale sono sempre un pericolo per gli avversari nerazzurri, anche se Inzaghi decide di tirarlo fuori a fine primo tempo. Dal 56′ Muriqi 5,5 – Tanto movimento ma fine a se stesso.
  • Correa 6,5 – Al 13′ porta in vantaggio i capitolini con un sinistro preciso che non lascia scampo al portiere avversario. Gli si chiede lavoro straordinario e lui combatte fino a quando gli reggono le gambe.
  • Caicedo 5 – Al posto di Immobile gioca sempre a supporto del centrocampo, non benissimo però il lavoro sul versante offensivo. Dal 68′ Czyz 6 – Entra e si piazza sulla corsia a sinistra. venti minuti per questo giovane ragazzo classe ’01.

Continua a leggere

Articoli più letti