La Lazio deride Gasperini per la sconfitta in finale di Coppa Italia

187579240 3925081200874535 2399490355783033625 n

Atalanta (nuovamente) sconfitta in finale di Coppa Italia: la Lazio deride Gasperini.

La Lazio deride Gasperini – Il tecnico bergamasco non deve aver capito che il calcio non è come le bocce, non conta andarci vicino. E invece ad un passo da un traguardo storico per l’Atalanta e per la città di Bergamo, ha trovato la strada sbarrata. Colpa della Juventus, che con Kulusevsky e Chiesa ha reso vano il gol (del momentaneo 1-1) di Malinovskyj. Festa rimandata dunque, ancora una volta.

Sì perchè già 2 anni fa, il 15 maggio 2019, i nerazzurri erano arrivati a giocarsi il trofeo nell’atto finale. Quella volta di fronte, nella cornice dello stadio Olimpico, c’era la Lazio di Simone Inzaghi. E anche allora la storia per l’Atalanta fu avara di soddisfazioni: i sogni di gloria dei bergamaschi annegarono infatti, oltre che nella pioggia, nei gol di Milinkovic e Correa.

Al termine di quella gara, le recriminazioni da parte di Gasperini non mancarono. Nel mirino finì in particolare il difensore biancoceleste Bastos, reo di un tocco di mano in area non visto dagli arbitri. Un episodio che, secondo il tecnico, avrebbe invece potuto dare, con il conseguente rigore, tutt’altra direzione alla gara e quindi al trofeo.

Un episodio che evidentemente Gasperini non ha dimenticato e di cui anche ieri sera ha fatto menzione al termine della sfida del Mapei Stadium. “Clamoroso, in cui sono stati chiusi tutti e due gli occhi”, così l’ha definito. Probabilmente l’ha rivissuto quando Pessina è caduto in area dopo un contatto con Rabiot, senza che però l’arbitro concedesse il penalty.

LO SFOTTO’ DELLA LAZIO

Ma a far piombare ancora di più nell’incubo il tecnico ci ha pensato la Lazio. In un post sulla pagina Facebook ‘Società Sportiva Lazio‘, ha sottolineato come Gasperini abbia una vera e propria “ossessione Bastos”. “Incredibile ma vero”, la chiosa ironica del post. Accompagnato da una foto del tecnico “con la coppa in faccia”. Ancora una volta.

INTANTO A TRIGORIA DISTRUTTO IL BONSAI