Seguici sui Social

News

10 giugno 1934 – L’Italia vince il suo primo Campionato del Mondo (VIDEO)

Avatar

Pubblicato

il

Stemma Italia
PUBBLICITA

Alle 15 del 10 giugno 1934 allo Stadio Nazionale del P.N.F. (l’attuale Flaminio, completamente ricostruito nel dopoguerra), Roma, Italia e Cecoslovacchia si sfidano in per la finale del Campionato del Mondo.

Per gli azzurri del CT Pozzo, due temibili avversari. L’emozione di giocare davanti al Duce (in tribuna accanto ai principi di Savoia) e all’intera nazione, compresi i cinquantamila che affollavano gli spalti. E poi, la Cecoslovacchia, maestra di raffinatezze tecniche che negli ultimi anni aveva regalato ai propri e al calcio campioni straordinari. Le cronache spesso hanno ingigantito il duello tra le due , specie nei primi quarantacinque minuti, ma la realtà è tutta nelle parole di Vittorio Pozzo.

Questa la sua cronaca: “La levatura del giuoco non è troppo elevata. Le due squadre sono troppo emozionate, per giuocare bene. È la storia di sempre. L’importanza della posta taglia le gambe a tutti. Primo tempo in bianco assoluto. Secondo tempo, stessa falsariga. Finché, al 26. minuto, l’ala sinistra dei boemi, Puc, sguscia via, tira da lontano ed infila l’angolo basso della nostra rete, sulla destra di Combi. Il quale si è gettato in tuffo in ritardo e non è riuscito a parare. È emozionato anche lui, il buon Piero. Quel punto ha però la virtù di risvegliarci. Fa l’effetto di una staffilata sul morale dei nostri. Gli Azzurri non vogliono saperne di perdere. Ed al 36. minuto Orsi pareggia. Si è fatto luce sulla sinistra, con una muta di inseguitori appresso, finge di tirare di e di colpo spara invece di destro, verso l’angolo lontano alto. L’imbattibile Planicka si allunga in tutta la sua lunghezza sulla sua sinistra, sfiora la palla colla punta delle dita, ma non la ferma. Uno a uno. È il pareggio. Non perdiamo, e non perderemo più. Ne sono sicuro. dei tempi supplementari non rientriamo negli spogliatoi. Rimaniamo lì sul prato. I nostri hanno facce cadaveriche, per l’emozione, per il momento che hanno attraversato. Proprio come in quei momenti di attesa e di mezzo panico prima dell’incontro. Forza, ragazzi. Vincere bisogna. Forza e calma, veterani di tante battaglie. Ricomincia la danza, per i due tempi di quindici minuti l’uno. Intuisco una soluzione all’intricato problema: ordino a Guaita ed a Schiavio di scambiarsi il posto. ’è un fracasso tale attorno al campo — la gente è scesa fino ad un paio di metri dalle linee laterali — che nessuno mi sente. Faccio di corsa il giro del campo, e giungo a dare a Guaita le opportune disposizioni: cambiarsi, poi ricambiarsi ancora di posto, e così ogni due o tre minuti, per disorientare gli avversari. Al secondo tentativo la manovra riesce appieno. È Schiavio che, sfinito, arriva in corsa, e fa partire una rabbiosa cannonata, in senso diagonale. È Planicka che per la seconda volta deve abbassarsi e raccogliere la palla nella sua rete. Di lì, come risultato, non ci si muove più: si può esserne sicuri ora. Vittoria per due a uno“. La sera della vittoria i giocatori italiani ricevono un premio partita di ventimila lire.

IL TABELLINO

Italia-Cecoslovacchia 2-1 d.t.s.

ITALIA: Combi, Monzeglio, Allemandi, Ferraris IV, Monti, Bertolini, Guaita, Meazza, Schiavio, Ferrari, Orsi; All. Pozzo Vittorio

CECOSLOVACCHIA: Planicka, Zenisek, Ctyroky, Kostalek, Cambal, Krcil, Junek, Svoboda, Sobotka, Nejedly, Puc; All. Petru

: Eklind (Svezia)

Reti
: 70’ Puc, 80’ Orsi, 95’ Schiavio.

https://www.youtube.com/watch?v=XPn8XXUEj9Y


Pubblicità

News

ITALIA GALLES FORMAZIONI UFFICIALI Mancini cambia tutto

Italia Galles formazioni ufficiali, turnover per gli azzurri in cerca del primato

Avatar

Pubblicato

il

Italia Galles formazioni ufficiali

E’ tutto pronto allo per la partita degli Azzurri. Galles formazioni ufficiali

Gli azzurri si giocheranno il primato nel Gruppo A tra poco contro Bale e compagni. Roberto opta per un massiccio dando spazio a chi ha giocato meno. Fuori i laziali Acerbi e Immobile, al loro posto Bastoni e Belotti. Ritorna in mezzo al campo il “parigino” Verratti, turno di riposo per Locatelli. Italia Galles formazioni ufficiali

ITALIA (4-3-3): Donnarumma; , , Bastoni, Emerson; Pessina, Jorginho, Verratti; , Belotti, Chiesa.

LA FORMAZIONE DEL GALLES

Formazione del Galles

CALCIOMERCATO LAZIO, LE ULTIME SULL’ AFFARE KOSTIC

Continua a leggere

Calciomercato

Kostic alla Lazio – Stabilita la formula. Si va verso il sì

Quella di Filip Kostic alla Lazio potrebbe essere la prima vera trattativa dell’era Sarri. Il giocatore sarebbe infatti vicino a sposare il progetto

Avatar

Pubblicato

il

kostic alla lazio

Sono ore calde nell’ottica della trattativa che potrebbe portare Filip Kostic alla . Il classe ’92, che con la maglia dell’Eintracht ha servito ben 14 assist classificandosi al secondo posto nella suddetta graduatoria della Bundesliga, sarebbe una delle prime richieste di Maurizio Sarri. Gli agenti del giocatore, stando quanto riportato da Repubblica, sarebbero a Roma da qualche giorno e la sensazione, allo stato attuale, è che a breve possa tenersi un incontro con il d.s. biancoceleste Igli Tare.

LE CIFRE DELL’AFFARE

Al momento la formula più plausibile per arrivare alla fumata bianca sembrerebbe essere il prestito con diritto di riscatto. La cifra si aggirerebbe intorno ai 20 milioni di euro e allo stato attuale tutto lascia pensare che l’affare per portare l’esterno mancino alla corte di Sarri, che lo utilizzerebbe come ala nel suo 433, possa concretizzarsi. Non resta dunque che attendere ulteriori sviluppi.

kostic alla lazio
Kostic alla Lazio

CALCIOMERCATO LAZIO, IDEA TORREIRA

Continua a leggere

News

“Diletta Leotta verso l’addio a Dazn”

Diletta Leotta verso l’addio a Dazn: la clamorosa indiscrezione di tele-mercato

Avatar

Pubblicato

il


verso l’addio a Dazn”. La clamorosa indiscrezione.

Diletta Leotta verso l’addio a Dazn“. Le voci di mercato, a quanto pare, non agitano solo il mondo del calcio, ma anche quello, più patinato, della tv. E quando i due aspetti si combinano, il barometro non può che segnare aria di tempesta. E’ il caso di Diletta Leotta, la bella conduttrice finita nelle ultime ore al del vortice. Colpa del suo rapporto di lavoro con Dazn, che viaggerebbe verso i titoli di coda.

A lanciare la ‘bomba’, ai microfoni di SportItalia, il giornalista (esperto, guarda caso, di mercato) Paolo Bargiggia. La conduttrice siciliana, rivela, è attualmente legata alla pay tv da un da 400mila a stagione“. La scadenza è fissata a breve, ma segnali di rinnovo ancora non ne sarebbero arrivati. Anzi: l’emittente, secondo Bargiggia, avrebbe già ingaggiato un altro volto del Biscione, Giorgia Rossi. Quest’ultima, rivela il giornalista, faceva parte stabile del team di Berlusconi da “fine , dopo la chiusura di Premium Sport“.

Sarà lei dunque a sostituire la Leotta a Dazn? E se sì, cosa ne sarà della bionda catanese? Su questo punto, i pareri sono discordanti. C’è chi ipotizza che farà coppia anche sul lavoro con il compagno Can Yaman, “in un film o una serie tv”. Mentre altri sostengono che abbia già messo nero su bianco con un’altra emittente. Vedremo. Al momento queste sono solo voci, quindi ancora tutte da confermare.

INTANTO UN ALTRO BIANCOCELESTE NELLE MIRE DI SIMONE INZAGHI

Continua a leggere

Articoli più letti