CONFERENZA – Corgnet e Galtier

Conferenza stampa di vigilia per la Lazio e per il Saint’Etienne. Queste le parole del centrocampista francese Corgnet:

Cosa rappresenta giocare in questo stadio?

“Ovviamente è un piacere, sono stadi importanti abituati a vedere in TV da quando siamo bambini, ma siamo qui per giocarcela”.

La sconfitta con il Nizza incrina qualcosa?

“Abbiamo perso ma non deve essere messo in discussione l’ottimo inizio di stagione che abbiamo fatto.

L’anno scorso siete stati timorosi, contro il Rosemborg invece no. Domani?

“L’anno scorso non siamo riusciti a fare ciò che volevamo. Abbiamo dovuto cambiare atteggiamento. Con il Rosemborg abbiamo giocato per vincere, domani dobbiamo fare lo stesso”.

Settima partita di fila senza vittorie in Europa, blocco psicologico?

“No, non credo, le partite in Europa si decidono per episodi, dobbiamo avere più attenzione. Siamo ancora all’inizio della competizione, c’è tutto il tempo per fare bene. C’è anche da dire che però abbiamo perso poco, quindi siamo solidi”.

Cosa temi della Lazio?

“È una squadra che conosciamo e abbiamo studiato. In avanti hanno una grossa qualità, con molti giocatori che vanno in attacco. Questo però potrebbe essere un difetto. Dovremo essere bravi a sfruttare i loro punti deboli”.

Cosa fare per impensierire la Lazio?

“Dobbiamo giocare da squadra, dobbiamo essere solidi. Se giocheremo così avremo delle possibilità. Giocando da squadra potremo crearci le nostre opportunità, cercando di essere più cinici del solito.

Che difetti ha la Lazio?

“E’ una squadra che ama proiettarsi in avanti, con orecchi uomini. Questo crea spazi che dovremo sfruttare in contropiede. Se sfruttiamo con cinismo le occasioni possiamo dire la nostra”.

Dopo il giocatore, ha preso parola il tecnico dell’ASSE Christophe Galtier. Queste le sue parole:

L’anno scorso ha utilizzato spesso la difesa a tre in Europa.

È uno schema che utilizziamo contro le grandi squadre, come Inter e Lione lo scorso anno, le assenze non c’entrano!

La pesante sconfitta con il Nizza può pesare ?

Preparare una sfida così affascinante con alle spalle una brutta sconfitta non è l’ideale, ma ormai è andata.

Tanti infortuni, ci svela la formazione?

È la prima volta che vi vedo in sala stampa, ma non è questo il luogo dove svelo la mia tattica.

Il calcio italiano sta vivendo un momento di crescita, è d’accordo? La Lazio dove può arrivare?

Il calcio italiano è tornato a livelli molto alti nelle ultime stagioni, con una squadra molto forte che ha trascinato le altre. Questa estate la Lazio e stata molto vicina alla Champions League, se si arriva terzi in Italia sicuramente si hanno qualità per andare avanti…Se si guarda la campagna acquisti degli ultimi anni si capisce come siamo difronte ad una grande del calcio italiano. Così come la Roma, grazie al lavoro del mio collega Garcia.

Cosa pensa della Lazio?

Ha un potenziale offensivo importantissimo, fatto anche da ottimi giovani, tutti interessantissimi.

Pochi tagliandi venduti, cosa ne pensa ?

Sicuramente è un peccato, l’Europa League per noi francesi in generale, e per noi del St.Etienne è molto importante. Si fanno sforzi per un anno intero per giocarla, sarebbe bello viverla in stadi gremiti.

Pronostici?

Di sicuro non siamo favoriti, giocheremo con umiltà e proveremo a fare del mi meglio!

Dal nostro inviato all’Olimpico
Stefano Gaudino

La riproduzione parziale o totale dell’articolo è possibile soltanto previa citazione della fonte

Da non perdere

Iscriviti alla Newsletter

Per le ultime notizie sulla Lazio iscriviti alla newsletter. E' GRATIS