Seguici sui Social

Arabic AR Chinese (Simplified) ZH-CN English EN French FR Italian IT Russian RU Spanish ES

Focus

LAZIALI FUORI PORTA – Weekend grigio, esulta solo Lombardi

Pubblicato

in



Quinto appuntamento con la consueta rubrica che settimanalmente aggiorna i nostri lettori sulle prestazioni dei giocatori della S.S. Lazio attualmente in prestito ad altre squadre italiane o straniere: Gonzalez (Atlas), Vinicius ( Zurigo), Alfaro (Burinam United), (Ancona), Filippini (Pro Vercelli), e Rozzi (Virtus Lanciano), (Aarhus), (Crotone), Pollace e Strakosha (Salernitana), Perea (Troyes), (Latina).

SERIE B

Tounkara: non ha preso parte alla vittoriosa trasferta di Vercelli il giovane di origine senegalese a causa di un affaticamento muscolare. Protagonista comunque di un buon avvio di stagione, si spera in un suo recupero per sabato.

Strakosha e Pollace: la Salernitana riesce a vincere tra le mura amiche per 2-1 contro la Ternana nonostante l’inferiorità numerica dalla mezz’ora del primo tempo. Alla partita non prendono parte nè il portierino albanese, scalzato nelle gerarchie dal più esperto Terracciano, nè l’ex capitano Primavera, ancora in attesa dell’esordio.

Rozzi e Crecco: la Virtus Lanciano esce sconfitta per 1-0 dall’ostica trasferta a casa del Modena di Mister Hernan Crespo; Luca Crecco siede per tutti e 90 i minuti in panchina, dopo l’ultima gara da titolare, mentre non risulta nemmeno convocato Antonio Rozzi.

Filippini: dopo l’esordio nel turno infrasettimanale, l’esterno ex Bari non risulta nell’elenco dei convocati di Scazzola nella sconfitta interna rimediata dal Crotone.

Minala: un arrembante Latina mette a dura prova la resistenza del Cagliari stra favorito per la promozione in Serie A, uscendo sconfitto solamente per 3-2. Minala osserva l’ottima prova dei compagni dalla panchina per l’intero match, a causa delle ultime opache prestazioni.

LEGA PRO

Lombardi: finalmente Lombardi! L’attaccante risolve la delicata partita contro L’Aquila con un bellissimo gol di difficile esecuzione. Per il resto non si vede molto, deve crescere, ma il materiale su cui lavorare c’è: la dirigenza dell’Ancona punta molto su di lui.

LIGUE 1

Perea: dopo lo spezzone di partita nell’infrasettimanale contro il Saint Etienne, si rivede dal primo minuto El Coco, che parte titolare come unica punta nel 4-2-3-1 di Mister Furlan. Il Troyes esce da Rennes con un buon punto, frutto dell’1-1 del campo; per Perea una buona prestazione, un cartellino giallo, tanto movimento ma ancora molto poco carattere. Sostituito a 15 dalla fine.

PRIMERA DIVISION Messico

Alvaro Gonzales: l’Atlas viene sconfitto in casa per 1-0 dal Veracruz e Alvaro Gonzales parte nuovamente da titolare nel centrocampo a 4 schierato dall’allenatore, il connazionale Matosas. La condizione sta crescendo, El Tata gioca per tutti e 90 i minuti non riuscendo però ad evitare la sconfitta dei suoi, già lontani ben 8 punti dalla vetta della classifica.

ALKA SUPERLIGAEN Danimarca

Elez: brutto stop per l’Aarhus, sconfitto 2-0 sul campo del Nordsjelland. Elez come al solito viene schierato titolare come centrale difensivo; leggermente fuori posizione sul gol del vantaggio dei padroni di casa, che dopo soli 20 minuti avevano già chiuso la pratica. Buon salvataggio del possibile 3-0 nel finale. Giramondo Elez.

SUPER LEAGUE Svizzera

Vinicius: lo Zurigo viene sconfitto per 1-0 sul campo del Lucerna, ma alla trasferta non prende parte l’esterno brasiliano, nemmeno convocato.

 

Giulio Piras

Continua a leggere
Pubblicità

Focus

LA NOSTRA STORIA – Tanti auguri a Rodriguez Aparecido César

Pubblicato

in

Aparecido Cesar


Il 24 ottobre 1974 nasce a San Paolo, in Brasile, l’ex giocatore della Lazio Rodriguez Aparecido César (detto Cesaretto). Cresce calcisticamente nel Juventus São Paulo, dove nel 1994 raggiunge la promozione nel Campionato paulista. Implicato in un brutto giro deve sospendere l’attività calcistica. Viene arrestato in quanto partecipa a una rapina ai danni dello stesso club e per cui deve scontare 5 anni e 4 mesi di carcere.

IL RITORNO IN CAMPO

Nel 1998 Cesar riprende a giocare con l’União Barbarense, al quale viene ceduto in prestito dal São Caetano. Qui vince il campionato di Serie A-2 dello stato di San Paolo, ottenendo la promozione nel Campionato Paulista. La stagione successiva ritorna al São Caetano da dove nel 2001 viene acquistato dalla Lazio. In maglia biancoceleste gioca per cinque stagioni vincendo la Coppa Italia 2003-2004.

L’ADDIO ALLA LAZIO

A gennaio del 2006 passa all’Inter ma ad agosto dello stesso anno rientra in Brasile per giocare nel Corinthians. A gennaio dell’anno successivo è ancora in Italia con il Livorno. Nella stagione 2007/08 torna di nuovo all’Inter per passare poi la stagione successiva al Bologna. Nel 2009 firma un contratto di tre anni (con opzione per il quarto) con un progetto da dirigente con il Pescina Valle Del Giovenco. Nel 2011 trova l’accordo con la Lazio per allenare i Giovanissimi Provinciali B (classe ’99). L’anno successivo guida gli Allievi Regionali fino al 17 settembre 2013 quando viene ingaggiato dal Frosinone per guidare gli Allievi nazionali. Nel marzo 2018 viene ingaggiato dalla società pontina della Samagor come tecnico della categoria Giovanissimi Regionali.

SEGUICI ANCHE SU GOOGLE EDICOLA, TWITTER E FACEBOOK

LACRONACADIROMA.IT – SEGUI ANCHE LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

Continua a leggere

Articoli più letti