Lazio, che peccato! A tempo scaduto il Dnipro trova il pareggio. Finisce 1 a 1

Mastica amaro la Lazio che proprio sul gong vede sfumare 3 punti d’oro. Al gol di Milinkovic-Savic risponde all’ultimo secondo Seleznev. Un punto comunque importante, ma visto l’andamento della gara si può tranquillamente parlare di 2 punti persi.

LAZIO SUBITO IN ATTACCO – La gara comincia a ritmi lenti, per vedere la prima occasione bisogna aspettare l’ottavo minuto quando Kishna prova la volèe da fuori area che finisce in curva. Al quarto d’ora Onazi verticalizza alla perfezione per Matri che a tu per tu col portiere del Dnipro si vede negare la gioia del gol grazie all’intervento prodigioso di Boyko. La Lazio fa la partita ma non riesce ad affondare il colpo fino al 34′ quando Kishna pennella un cross in area che Milinkovic-Savic incorna in rete. 0-1 meritato per i capitolini. Per vedere la risposta del Dnipro bisogna aspettare il 43′ quando Seleznev di testa scalda le mani a Marchetti.

SOLO LAZIO – Nella ripresa la Lazio sfiora il raddoppio con Edmar che devia nella propria porta un cross teso di Kishna, ma Boyko non si lascia sorprendere. Al 51′ Milinkovic-Savic si fa spazio a spallate in area di rigore e serve al centro Kishna che a porta vuota viene anticipato sul più bello da Matheus. C’è solo una squadra in campo, gli ucraini sono palesemente in affanno. Al 69′ segni di risveglio dei padroni di casa con una conclusione dalla distanza di Danilo che si spegne sul fondo. Ma è sempre la Lazio a sfiorare il gol con Matri che non riesce a dare abbastanza forza al pallonetto e Papa Guaye salva sulla linea a portiere superato. Al 75′ Pioli decide di far rifiatare Kishna e Matri in vista della trasferta di Napoli e inserisce al loro posto Candreva e Keita. All’80’ Marchetti giustifica la sua presenza in campo con due grandi parate: prima respinge di piede un tiro defilato di Anderson e poi blocca al volo un tiro angolato di Edmar. Pochi minuti dopo Candreva prova un tiro velleitario dalla distanza, ma il numero uno ucraino blocca senza troppi problemi.

BEFFA FINALE – All’85’ Papa Guaye provoca un brivido alla Lazio con un colpo di testa che sorvola di poco la traversa. Prima del triplice fischio c’è spazio anche per Mauri che entra al posto di Milinkovic-Savic. Ottima prestazione del serbo che conferma quanto visto in nazionale. Capitan Roten prova il gol su punizione ma la palla colpisce la parte esterna della rete. A tempo ormai scaduto, ovvero qualche minuto dopo i 4′ decretati per il recupero, il Dnipro trova il gol della provvidenza con Seleznev che approfitta di una dormita della retroguardia biancoceleste. Il gol che di fatto chiude la partita. Peccato per la Lazio che avrebbe ampiamente meritato la vittoria. Pagato il poco cinismo in avanti e la distrazione clamorosa della difesa che costa i 3 punti. Al Dnipro va dato atto di averci creduto fino alla fine.

TABELLINO DNIPRO-LAZIO 1-1

Marcatori: 34′ Milinkovic-Savic (L), 93′ Seleznyov (D)

DNIPRO (4-2-3-1): Boyko; Fedetskiy (61′ J.J.Ruiz), Douglas, Gueye, Anderson Pico; Fedorchuk (46′ Danilo), Edmar (86′ Bruno Gama); Matheus, Rotan, Léo Matos; Seleznyov. A disp. ShelikhovLuchkevych, Cheberyachko, Tomecak. All. Markevych.

LAZIO (4-2-3-1): Marchetti; Konko, Hoedt, Gentiletti, Radu; Onazi, Parolo; Felipe Anderson, Milinkovic-Savic (89′ Mauri), Kishna (76′ Candreva); Matri (76′ Keita). A disp. Berisha,  Basta, Cataldi, Lulic. All. Pioli.

ARBITRO: Hunter (NIR). ASS.: Storey- Neeson. IV: Bell. ADD.: Crangle-Smyth.

NOTE. Ammoniti: 44′ Hoedt (L), 45′ Milinkovic-Savic (L), 50′ Matheus (D), 65′ Ruiz (D), 66′ Radu (L), 81′ Edmar (D)

Recupero: 1′ pt, 3′ st.

 

Fabrizio Piepoli

Da non perdere

Iscriviti alla Newsletter

Per le ultime notizie sulla Lazio iscriviti alla newsletter. E' GRATIS