Seguici sui Social

News

Nesta sicuro: “La Lazio ha subito lo choc dell’eliminazione dalla Champions ma ha un grande allenatore e si rialzerà”

Pubblicato

in



Se in panchina metterà la metà dell’intelligenza tattica che aveva in campo, Alessandro diventerà presto uno degli allenatori più bravi del mondo. E’ questa la novità del giorno: Nesta allenatore del Miami F.C., squadra militante nella NASL (la serie B statunitense per intenderci). Intervistato dal Corriere dello Sport, l’ex capitano biancoceleste ha raccontato com’è nata questa idea: “Ho cominciato a pensare di fare l’allenatore già due, tre anni prima di chiudere la carriere da giocatore. Sapevo che il calcio mi sarebbe mancato e per rimanere sul campo la soluzione ideale era quella di diventare allenatore, per ritrovare la stessa adrenalina, per uno come me è fondamentale. Così da due anni ho cominciato a studiare, sono andato a Coverciano per prendere il patentino, ho fatto avanti e indietro da qui, perché era il mio nuovo obiettivo”.

Nesta è stato allenato da grandi tecnici durante la sua carriera da giocatore, non gli sarà difficile esportare negli Usa il made in Italy: “Sono stato con Lippi, Ancelotti, Zeman, Eriksson… ognuno mi ha lasciato qualcosa. Le mie idee sono quelle di schierare una squadra sì offensiva, ma che adotti anche quella organizzazione difensiva che è caratteristica del calcio italiano. L’obiettivo è mettere in campo una squadra che diverta, perché il calcio è spettacolo, così facendo si porta gente allo stadio. Traguardi? Crescere ed allenare negli Stati Uniti. Non vorrei tornare in Europa, anche se poi non si può mai dire”.

Impossibile non parlare della serie A: “Quest’anno si è speso molto, però, a mio giudizio ancora non è stato fatto il salto di qualità. La favorita? Per me è ancora la Juventus la più forte, resta al vertice. La Roma all’inizio l’ho vista male, ma contro la Juve ha disputato un incontro eccezionale. Ma ci vogliono quattro, cinque incontri per vedere gli autentici valori. Al Milan manca qualcosa a centrocampo. La Lazio, mi dispiace, ma lo choc dell’eliminazione dalla Champions si fa sentire, dopo una grande stagione, due partite e sei fuori è devastante, però ha un grande allenatore come e buoni giocatori”.  

 

News

Immobile, l’entusiasmo del bomber biancoleste: “E’ il momento più alto della mia carriera”

Pubblicato

in

Ciro Immobile saluta i tifosi della Curva Nord


Speranze e progetti del capocannoniere biancoleste in vista dell’inizio della nuova stagione calcistica

L’attaccante della Lazio ha espresso tutta la sua soddisfazione per il Campionato appena trascorso e ha parlato dei progetti per quello che sta per iniziare.
Sulla vittoria della Scarpa d’oro, che lo ha incoronato capocannoniere nella scorsa stagione, ha dichiarato: “La Scarpa d’Oro era un mio traguardo, un sogno, ci sono andato molto vicino 2 anni fa e per via di un infortunio persi quel treno. Quest’anno il Covid ha provato a fermarmi, ma sapevo che i miei compagni mi avrebbero aiutato in ogni modo. È la soddisfazione più grande della mia carriera, ma a livello di gruppo ne ho avute diverse. Abbiamo vinto tanto con la Lazio e giocato bene anche con la Nazionale, è il momento più alto della mia carriera.”

L’orgoglio di vestire la maglia della Nazionale e quella biancoceleste

Il bomber ha poi espresso la sua soddisfazione nell’indossare la divisa degli Azzurri: “La maglia della Nazionale è il sogno di tutti, ma una fortuna per pochi. Quando indossi quella casacca devi goderti al massimo tutte le emozioni che ti regala. È una gratificazione enorme, indossare i colori della propria nazione è un motivo di grande orgoglio.” Immobile sembra non vedere l’ora anche di indossare nuovamente la maglia biancoceleste: “Siamo una squadra con un giusto mix tra senior e giovani, abbiamo fatto un percorso eccezionale finora e su di noi ci sono tante aspettative. Questo ci dà uno slancio in più per giocare l’Europeo. Con la Lazio quest’anno giocheremo la Champions e vogliamo tornare a far divertire i nostri tifosi come accadeva prima del lockdown. Queste le sue dichiarazioni alle frequenze di Radio Esercito.

Continua a leggere

Articoli più letti