Primavera, Germoni: “Volevamo vincere ma ci è mancato il cinismo”

Con il portiere Matosevic è stato il migliore in campo nel pareggio senza reti contro il Palermo, nella seconda giornata del campionato Primavera. Luca Germoni ai microfoni di Lazio Style Radio ha commentato così la prestazione della Lazio: “Sono un po’ rammaricato come tutta la squadra, perché il pareggio ci va stretto. Ora però dobbiamo archiviare questo risultato e pensare alla prossima partita col Bari. Nel primo tempo eravamo un po’ bloccati ed abbiamo sofferto anche il caldo, ma nel secondo tempo abbiamo creato più occasioni. Ci è mancato il cinismo sotto porta, fondamentale quando gli avversari non concedono molto. Il Palermo è una squadra difficile da affrontare, che chiude molto bene gli spazi. Loro d’altronde potevano contare anche su un affiatamento notevole, essendo per otto undicesimi la squadra dello scorso anno. Noi però sappiamo di essere superiori, avremmo dovuto trovare lo spunto giusto anche se non perdiamo fiducia. Inzaghi nel primo tempo ci ha spronato perché ha visto che non avevamo giocato al cento per cento.

Sulle prospettive personali e di squadra, Germoni ha le idee chiare: “Personalmente penso di essere cresciuto e più sicuro, voglio dimostrarlo in campo e offrire un contributo maggiore anche in fase offensiva. Noi laziali sappiamo sempre che si può migliorare, anche rispetto a una stagione come quella scorsa: non siamo mai soddisfatti perché vogliamo sempre il massimo. Non vediamo l’ora di affrontare di nuovo il Torino, in Supercoppa, per provare a vendicare la sconfitta nella finale scudetto che ci ha amareggiato molto. Parlando di vendette, non dimentichiamo poi che la settimana prossima affronteremo il Bari, che nella scorsa stagione ci ha battuti sia all’andata che al ritorno. Sarà un’importante opportunità di riscatto.

Fabio Belli

Da non perdere

Iscriviti alla Newsletter

Per le ultime notizie sulla Lazio iscriviti alla newsletter. E' GRATIS